Se avete fatto la pasta fresca alla rapa rossa e vi è avanzato un po’ di impasto provate questi tagliolini e farete un figurone.
La ricetta per l’impasto la trovate qui.


Ingredienti per due persone

taglioni di pasta fresca alla rapa circa 80 gr a persona
6 capesante fresche
germogli di porro (o di ravanello)
1 bustina di nero di seppia
olio EV
sale e pepe
Burro 

Procedimento

Stendete la pasta fresca con la macchinetta a spessore 3, altrimenti si rompe, cercate di fare strisce della stessa lunghezza e dai bordi eliminate i ritagli sfrangiati, avrete tagliolini interi e non briciole.
Lasciate asciugare la pasta.
Potete arrotolarla in matassine e congelarla, altrimenti cuocerla il giorno stesso.

Dato che il tempo di cottura di tutto richiede pochi minuti vi consiglio di procedere prima preparando il piatto da portata.
Aprite una bustina di nero di seppia e mettetelo in una ciotolina, intingete un pennello da cucina e passatelo sul piatto dove servirete i tagliolini.
Lavate i germogli di porro ed asciugateli con carta assorbente.

Portate a bollore l’acqua in una pentola capiente, circa 1 lt per hg di pasta. 
Pulite le capesante, io tolgo anche la parte corallina e il piede del mollusco, asciugatele con carta assorbente. In una padella scaldate un filo di olio EVO e fatele rosolare per circa 1 minuto e mezzo per lato.
In una padella sciogliete il burro, circa 3 cucchiai, non fatelo bruciare.

Salate l’acqua e buttate i tagliolini che verranno a galla quasi subito, prelevateli con il mestolo da spaghetti e scolateli poi passateli nel burro e serviteli immediatamente.

Potete aggiungere una grattatina di buccia di limone non trattato.
Bon apetit!