Easy. Chic. Velocissima. 
Soprattutto se usate il pesto fluo di zucchine della ricetta precedente. Magari, perché no, queste capesante buonissime come antipasto e la pasta come primo.

Io amo le capesante, ma non è che si possono sempre mangiare gratinate… anche se, a dire il vero, non stancano mai. 
Per farle semplici e classiche basta sciacquarle bene, mettere sopra alla conchiglia il mollusco con pangrattato e qualche odore. 
Ora vi propongo un abbinamento che ho scoperto di recente, carne e pesce.
Fidatevi, il risultato finale sarà a dir poco gustoso.


Per la crema ho utilizzato il pesto fluo, ne avevo fatto in abbondanza e mi sembrava potesse stare bene abbinata a questa ricetta, anche perché così rimane un piatto davvero molto delicato e di contrasto.

Per il pesto fluo trovate la ricetta qui.

Ingredienti per 2 persone

6 capesante
6 fettine di lardo di colonnata (altri lardi non sono così saporiti, consiglio questo perché darà molto aroma)
4 cucchiai di crema di zucchine (pesto fluo)


Procedimento

Lavate e pulite le capesante, toglietele dalla conchiglia e privatele della parte corallina e della parte più spessa biancastra. Rimarrà la polpa bianca e rotonda.
Asciugatele con panno carta, e senza schiacciarle per non rovinarle, avvolgetele in una fettina di lardo.
Scaldate bene una padella e adagiate le capesante, grazie al lardo non servirà mettere olio e sale. 
Cuocetele per circa 1 minuto per lato, il tempo di cottura dipende un po’ dalla grandezza del mollusco, per una grandezza media di circa una moneta da 2€ il tempo è questo.

Servitele in un piatto con sotto un cucchiaio di crema messa a specchio.

Fatto!

Era buono vero? si fa prima a mangiarlo che a scriverlo!!! 
Ciao!