Ingredienti
 
800 gr di Farina per pane Nutrifree
100 gr di Farina di grano saraceno bianca Nutrifree
15 gr di lievito di birra fresco
1 cucchiaino di miele
10 gr di sale
2 cucchiai di Olio Extra Vergine di Oliva
600 ml di acqua tiepida
 


Procedimento
 
Per prima cosa preparate il lievitino, in una ciotola sbriciolate il lievito fresco, aggiungete due dita d’acqua dal totale, il miele e 4 cucchiai di farina. Mescolate e coprite con pellicola trasparente, lasciate lievitare per circa 40 minuti.
 
Versate il lievitino nella planetaria e aggiungete le farine, l’olio, il sale e iniziate ad impastare con il gancio ad uncino, versate gradualmente l’acqua. 
Deve incordare quindi se per caso risulta molto bagnato, aggiungete altra farina Nutrifree.
Il composto dovrà risultare elastico e asciutto al tatto, ma molto soffice.
 
Staccatelo dalla ciotola e trasferitelo in una oleata, coprite con pellicola da alimenti e lasciatelo lievitare in luogo caldo e asciutto per circa 2 ore. 
Trascorso il tempo di lievitazione sarà bello gonfio.
Per fare la ciabatta io ho prelevato la parte superiore della pagnotta lievitata e l’ho chiusa sotto, appoggiata su di una teglia oleata, ho fatto delle incisioni oblique con un coltello e l’ho coperta con altra pellicola, lasciandola riposare circa mezzora. Ha raddoppiato il suo volume, quindi tenetelo presente in caso mettiate altro pane nella teglia.
 
Il resto dell’impasto lievitato rovesciatelo su di una spianatoia infarinata, lavoratelo il meno possibile, staccate dei pezzi grandi come vorrete i panini e aggiustate la forma con lievi colpi.
Appoggiate i panini sopra ad una teglia oleata, coprite con goccio di olio e se vi va semi.
 
Scaldate il forno nel frattempo, portatelo alla massima potenza, io ho messo 250° ventilato, per poi infornare e cuocere a 200° gradi per circa 20 minuti i panini e 45 minuti la ciabatta.
Per fare una bella crosta croccante buttate sul fondo del forno dei cubetti di ghiaccio o mettete 10 minuti prima di infornare un pentolino con dell’acqua, il vapore farà una crosta croccante.
 

Il pane va consumato subito o da freddo congelato. Altrimenti perderà la sua fragranza.

Ho provato la farina Nutrifree, so che in molti di voi la conoscete ed usate già, ma io mi sono sempre trovata bene con la Biaglut e non l’avevo ancora provata.
Credo che il pane senza glutine che si fa in casa sia una faccenda personale, leggo di molte blogger che fanno pane completamente diverso dal mio, molti mescolano le farine, altri usano lievito madre, insomma, siamo tutti intenti a produrre il pane perfetto. O forse il pane che ci manca da troppo tempo. Vero? Negli ultimi anni ho sperimentato molto e provato a fare il pane in diversi modi, facendolo lievitare più o meno, tutti esperimenti che mi hanno fatto capire che difficilmente verrà mai una volta uguale all’altro e soprattutto che ognuno di noi ha il suo pane preferito.
 
Se siete celiaci da metà della vostra vita ricorderete di quando acquistavate il pane al forno. Ognuno di noi aveva il proprio tipo di pane preferito, chi la ciabatta, chi le trecce, chi la baguette. 
Quello che voglio dire è che credo che nessuno di noi riuscirà mai a riprodurre il tipo di pane che tanto gli manca, ma che cercherà sempre di fare al meglio per riprodurlo e si tratta molto di una questione personale, di gusti legati alla precedente vita glutinosa!
 
La farina Nutrifree non contiene lattosio. 
 
Per impastarla ho usato la planetaria ma anche a mano riuscirete, mia nonna aveva sempre una ciotolina con acqua accanto e si bagnava la mano prima di impastare, così non si appiccicava tutto.
 
Questo pane è venuto croccante fuori, morbido dentro e mangiato subito era buonissimo, il parere del mio compagno che non è celiaco è stato positivo, la ciabatta ha detto che assomigliava molto ad un pane tipo pugliese.
Io ho voluto farlo così per fare delle belle fettone, congelarle e usarle per fare bruschette.
 
In bocca al lupo per la vostra panificazione!
Ciao
Silvia