Se state partecipando alla #settimanasenzaprodottiglutenfree sapete già che la migliore ricetta fatta con prodotti naturalmente privi di glutine verrà premiata da me e da “Il Chef” Marcello Ferrarini con il suo libro “Tutta un’altra pasta-la mia vita da chef celiaco, le mie ricette senza glutine” Mondadori, ovviamente autografato e con la sua dedica!

 

81oH4nS6CFL

Io l’ho comprato il giorno che l’ho conosciuto virtualmente. Certo, di fama lo conoscevo già, ho seguito le puntate del suo programma in onda sul canale Gambero Rosso “Senza glutine, con gusto”, sapevo che era un emiliano, che era estroso, anche le sue giacche da chef fuori dall’ordinario lo fanno intuire a prima vista. I suoi piatti parlano da soli.

Quando ha risposto alla mia email dove gli chiedevo di partecipare alla mia iniziativa non potevo crederci, essere appoggiata da una persona così di talento e così in gamba mi ha riempito di orgoglio. Qualcosa di buono lo avevo fatto. Ho bussato alla sua porta con le mie idee e lui, con semplice umiltà, le ha accolte e condivise. Cosa chiedere di più?

Dopo qualche scambio di parole mi ha chiesto se avevo letto il suo libro ed ho ammesso subito che non l’avevo ancora fatto, così mentre scrivevo con lui su Whatsapp mi sono recata in una libreria e l’ho comprato seduta stante!!!!!!! Volevo immediatamente rimediare. E così ho fatto.

Mi aveva detto che sarei rimasta illuminata e nel mio caso, così è stato.

Inizialmente credevo fosse un ricettario, un libro che avrei voluto acquistare, ma nel caos delle mie idee non avevo tempo di studiare ricette altrui. Poi le sue parole mi hanno fatto capire che non si trattava di ricette e basta. Ma di una corrente di pensiero, un messaggio scritto dentro quel libro, da diffondere per giunta. Per cui non vedevo l’ora di leggerlo.

Avete presente quando si dice che nulla è per caso? Già… Appena sono arrivata a casa ho voluto iniziare subito la lettura e ho scoperto che si tratta di una biografia, una raccolta di momenti importanti di una persona che, come me, come tanti di noi, si è trovato ad un punto della vita con una diagnosi di una malattia ancora poco nota a quei tempi, a stravolgersi abitudini, e soprattutto, si è voluta reinventare. Scandita da ricette che lo hanno portato dove ora è.

Il punto è che anche io, come lui, ho sempre pensato alla celiachia come un punto di forza e MAI come ad una malattia. Trovare nel suo libro le parole che io avevo dentro è stato davvero illuminante.

Leggendolo capirete perché non è un errore quando scrivo IL CHEF! E’ il suo vezzo!

Io per ora mi reputo una mamma che ha avviato un blog ricco di idee con la voglia di diffondere la cucina sana e semplice (per quel che posso) al meglio che riesco a fare ogni giorno, ma non ho solo questo in serbo, ho mille idee e spero di concretizzarle.

La storia di chi, da solo, ha fatto il percorso fino ad arrivare in cima, così, come se nulla fosse, solo avendo chiare le idee e persistendo è bellissimo, anche io mi auguro di essere così determinata.

La lettura di questo libro ve la consiglio, che siate vincitori o no della #settimanasenzaprodottiglutenfree, penso che vi piacerà, la celiachia non deve sottomettervi, non è quello che a volte vogliono farci credere.

Abbiate fede e lavorate sodo, costruite intorno a voi un impero di positività.

Colgo l’occasione per ringraziare Il Chef Marcello Ferrarini per avermi sostenuta, ascoltata e consigliata.

Chi è un passo avanti ha il compito di dirigere gli altri. Chi è un passo indietro ha il dovere di imparare da chi ha davanti.

Grazie Marcello

Ciao a tutti, Silvia

FB