Torta di mele della Nonna Vincenzina

Torta di mele della Nonna Vincenzina

 

Questa torta è una ricetta della mia cara Nonna Vincenzina. E’ per me un ricordo, ogni volta che la faccio sento che lei è più vicina. Per chi mi segue e legge sa che non c’è più da qualche anno, ma non è proprio così, perché io la sento con me, sempre, parlo sempre di lei con le mie bimbe e quando faccio le sue ricette loro le riconoscono subito. Dicono “mamma hai fatto la pappa della nonna vincenzina, che ora è un angelo” Eh sì care bimbe mie, è proprio così. Mi ha lasciato in eredità un freezer enorme, sapeva che l’avrei riempito tutto e così è stato!!!! Che personaggio fantastico che era. Mi manca moltissimo e per me è fondamentale averla nei piatti di tutti i giorni.

Quando preparo questa torta già dal profumo che fa in forno mi si apre la mente ai ricordi più lontani, ogni volta dettagli nuovi, ricordi impreziositi da sempre più amore.

Per me pubblicare le sue ricette è un vero onore, è un dare continuità e omaggiarla della sua lunga vita fatta qui con noi.

Vincenzina docet.

Nonna I love you!

 

Ma vi ho giò detto che questa torta è buonissima?!?!?! Provare per credere!

Ingredienti per stampo rettangolare da 26 cm

Facile – Tempo preparazione 1 ora

  • 300 gr di farina di riso (oppure mix dolci – potete usare quello che preferite, non vi trovo molte differenze)
  • 200 gr di zucchero
  • 3 uova
  • 2 mele grosse farinose
  • il succo di mezzo limone
  • 80 gr di margarina (o 40 gr di olio di oliva)
  • 2 pugni di noci
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • mandorle a lamelle

 

 

Procedimento

  1. Accendi il forno statico a 180°.
  2. Metti la margarina in un tegamino e falla sciogliere con il limone (se usi olio mettilo direttamente nella farina e aggiungi il limone)
  3. Sbuccia le mele e tagliale a fettine e poi ancora a pezzetti.
  4. Separa tuorli da albumi, i bianchi vanno montati a neve e tenuti da parte, mentre in una ciotola metti i tuorli con lo zucchero, mescola bene, poi aggiungi la farina setacciata, e mescola, aggiungi noci, il lievito setacciato e infine la margarina sciolta con il limone, ora aggiungi le mele e mescola bene.
  5. Metti gli albumi montati a neve nell’impasto e mescola dal basso verso l’alto.
  6. Versa in uno stampo rettangolare e cospargi con qualche cucchiaio di zucchero e le mandorle a lamelle poi inforna in forno preriscaldato a 180° per circa 40/45 minuti, prima di sfornare controlla la cottura.
  7. Fai raffreddare e poi rovescia la torta, metti sopra zucchero a velo e taglia a quadretti.

Buona merenda.

Silvia

 

Mezzi paccheri alla marsigliese

Mezzi paccheri alla marsigliese

DSC_4717Sono anni che non facevo questa pasta. E’ stato un piatto delle feste molte volte quando da piccola ero dalla nonna e cucinava la mia zia Pina. Che si chiama Maria, ma non ho mai capito perché è sempre stata chiamata Pina da tutti. Troppe Marie in famiglia forse…

Bravissima anche lei in cucina, teneva sempre sul tavolo della cucina libri con orecchie su qualche pagina di ricetta particolare. Ogni volta che preparava lei il pranzo c’era da aspettarsi qualche novità. Che ridere a pensare a mia nonna che per i primi 30 anni non ha voluto assaggiare, forse si portava da casa la sua pasta, poi si è convinta e per anni ricordo che diceva “nun mi piasce” (nonna sicula) ma alla fine ha ceduto anche lei! Quindi grande zia che ha convinto tutti, pure la nonna!!!!!!!!

Questa pasta si faceva con gamberetti piccoli sgusciati. Forse senza il brandy oppure in una maniera differente, tipo che il brandy veniva versato sulla pasta..  non ne sono certa. Io l’ho rivisitata, ma il sapore è proprio vicino.

Quindi dedico alla mia cara zia Pina questa ricetta. Con tutto il bene del mondo!

DSC_4718

Ingredienti per 2 persone

200 gr di pasta Calamarata rigata (o mezzi paccheri) (io Gragnano senza glutine)

8 gamberi rossi (sono più grossi e una manciata saranno sufficienti)

1 manciata di prezzemolo

2 cucchiai di passata rustica di pomodoro

125 ml di panna fresca

olio evo

sale

2 cucchiai di brandy

1 spicchio di aglio

Procedimento.

Pulite i gamberi dal carapace e dal budellino.

In una padella mettete lo spicchio di aglio pulito e privato del germoglio, tritato, il prezzemolo tritato e un pochino di olio. Fate soffriggere a fuoco medio e poi mettete la passata di pomodoro. Salate e cuocete per qualche minuto. Aggiungete i gamberi puliti e tagliati a pezzetti, versate il brandy e sfumate. Fate cuocere qualche minuto e lasciate evaporare l’alcool. Versate la panna e portate a bollore finche non sarà più concentrato (non asciutto però).

Cuocete la pasta per 11 minuti in abbondante acqua salata e una volta scolata saltatela in padella con il sugo caldo. Mescolate e servite con un pochino di prezzemolo fresco e pepe nero se vi piace!

Ciao

Silvia

DSC_4714

Torta della nonna

Torta della nonna

Non avevo mai provato questa deliziosa torta semplice di ingredienti e di gusto. Una cosa è certa… E’ più semplice di quello che si pensa. In effetti mi ha sempre fermato l’idea che fosse (chissà perché..) troppo laboriosa, invece (e comunque di cose laboriose ne faccio, ma vai tu a sapere!) e una torta semplice di pasta frolla e crema pasticciera, per cui se sapete fare entrambe le cose siete prontissimi anche voi! Guai a fermarsi alle apparenze. Anche per il cibo!

Vorrei davvero farvi sentire il suo profumo perché è speciale. La frutta secca poi, cotta in forno, emana per casa gli aromi degli oli essenziali contenuti nel loro interno, per cui questi pinoli daranno un odore buonissimo alla vostra cucina, meglio ancora se ci saranno ospiti in arrivo! Avranno l’acquolina in bocca!!!

Una fetta è ideale come fine pasto… Con un bicchiere di vino dolce..

DSC_4754

Ingredienti per una tortiera da 20/22 cm

Per la frolla:

500 gr di farina senza glutine (io mix dolci Nutrifree), 250 gr di burro, 250 gr di zucchero, 2 uova, un pizzico di sale.

Per la crema pasticciera con latte ristretto, da fare in anticipo:

1 litro ml di latte intero ***, 100 gr di zucchero, 40 gr di amido di mais, 4 tuorli, 1 bacca di vaniglia.

(*** per la normale crema va usato 500 ml di latte, io lo faccio ridurre per avere un sapore più intenso)

pinoli, zucchero a velo senza glutine

DSC_4755

Procedimento

Mettete in una ciotola la farina ed il burro freddo di frigo ed iniziate a sbriciolarlo con le mani, sfregando farina e burro nei palmi, aggiungete lo zucchero, dovrete avere un composto simile a sabbia. Aggiungete le uova ed il pizzico di sale, amalgamate bene, formate due panetti  omogenei di uguali dimensioni e poi metteteli in frigo per circa 1 ora.

Mettete in una pentola un litro di latte ed una stecca di vaniglia aperta, dopo averla incisa e tirato via i semi. Fate sobbollire piano per circa 40 minuti, il latte si deve ridurre di volume, senza mai bollire. Se fa la patina tiratela via. Aggiungete i semi di vaniglia e fate sobbollire per circa 10 min. A parte, sbattete i 4 tuorli con lo zucchero fino a fare un composto chiaro, aggiungete l’amido di mais setacciato e poi incorporate qualche cucchiaio di latte. Mettete 500 ml di latte ristretto, senza la bacca di vaniglia,  in un pentolino e aggiungete il composto di crema, mescolate e fate rapprendere. A cottura ultimata versate in una ciotola e coprite subito con pellicola trasparente appoggiandola sulla crema, così non si formerà la crosticina. Fate raffreddare bene. Io per velocizzare l’ho messa a bagno in acqua fredda.

Quando la crema sarà fredda tirate fuori la pasta frolla dal frigo e lavoratela tra due fogli di carta forno fino ad uno spessore di 3/4 mm. Formate il disco da appoggiare alla tortiera, io ho trovato una con fondo estraibile, se avete quelle a cerniera vanno bene, per stampi classici dovrete mettere carta forno ben aderente, sarà un po’ difficoltoso tirarla fuori.

Mettete il primo disco di pasta sul fondo della tortiera e coprite i bordi, tagliate l’eccesso, bucherellatela con una forchetta, poi versate la crema pasticciera fredda, mettendone un pochino di più al centro, così non farà nessun avvallamento in cottura. Tirate altro panetto fuori dal frigo e stendetelo formando un disco da appoggiare sopra alla torta, spessore sempre di 3/4 mm. Appoggiatelo e fate aderire bene i bordi, poi con una forchetta schiacciate bene intorno.

Spennelate la superficie con un albume leggermente sbattuto, oppure un goccio di latte. Mettete i pinoli facendo un pochino di pressione in modo che non scappino.

Cuocete in forno preriscaldato a 180° per circa 50 minuti.

Sfornatela e lasciate raffreddare bene nello stampo.

Per la versione mini Cake usate la stessa dose e stendete la pasta. Stendetela dello spessore di 5 mm, fate 24 dischetti, foderate ogni stampo con un disco di pasta frolla premete leggermente per farlo aderire poi farcite e sigillate. Fate cuocere in forno per 25 minuti e sfornate. Lasciate raffreddare bene prima di estrarre rovesciando leggermente e molto lentamente lo stampo.

Servite con una spolverata di zucchero a velo!!!

Ciao Silvia

DSC_4759

Pagina 1 di 712345...Ultima »