Plumcake al cacao

Plumcake al cacao

miniplumcake chocolate

 

Pronti per delle merendine super light e buonissime?

Leggerissimi, come soffici nuvolette! Senza mix e senza burro!

Per fare i mini plum cake servirà lo stampo adatto, non avendo trovato i pirottini li ho fatti io ritagliando dei rettangoli di carta forno! Davvero semplice! Sarebbe stato più difficile trovarli!

Potete usare le stesse dosi per fare dei muffins, verranno perfetti.

 

Nota: potete utilizzare la stessa dose di farina mix dolci senza glutine ed il tipo di latte, vegetale o non che preferite.

 

Ingredienti per 10/12 dolcetti ( a seconda dello stampo che userete)

Tempo di preparazione: 5 minuti – Cottura 13-15 min

2 ciotole più lo stampo, carta forno, frusta per mescolare

  • 210 gr di farina di riso
  • 40 gr di cacao amaro
  • 150 gr di zucchero
  • 100 ml di olio di semi
  • mezzo bicchiere di latte (quello che preferite)
  • 2 uova
  • pizzico di sale
  • 1/2 bustina di lievito per dolci
  • gocce di cioccolato a piacere

 

 

mini plumcake

 

Pronti per l’impasto super veloce? Allora non dimenticate di accendere il forno!!!!!

A 170°, ventilato! 

Via con la preparazione!!

 

Preparazione

  1. Nella prima ciotola metti la farina di riso, il cacao setacciato ed il lievito, setacciato mi raccomando, ed il pizzico di sale. Miscela con la frusta.
  2. Nella seconda ciotola metti le uova, lo zucchero, il latte, l’olio e con la frusta mescola finché sarà omogeneo.
  3. Unisci la prima ciotola alla seconda, versa e mescola il meno possibile ma che risulti omogeneo, in genere io impasto per 8 giri energici e diventa subito uniforme.
  4. Versa negli stampini l’impasto lasciando un paio di mm dal bordo, metti le gocce di cioccolato sopra,  poi inforna a 170° preriscaldato, cuoci per 13/15 minuti, controlla con lo stuzzicadenti la cottura e poi sforna.
  5. Fai raffreddare su di una gratella e poi.. have Fun!!!!

 

choco miniplumcake

 

Buona merenda a tutti!!!!

Silvia

 

Ciambella Robiola e Limone

Ciambella Robiola e Limone

ciambella robiola cover

 

Come vorrei farvi sentire il profumo e la consistenza di questa ciambella! Devo dire che è la mia preferita, conto già almeno 14 ciambelle fatte dall’inizio dell’anno! Ovviamente ho sperimentato diverse versioni, gusti e sapori, ma la classica è lei! E non sbaglia mai!!!!

Ho pensato alla robiola in quanto è molto più leggero di burro o mascarpone, poi adoro il suo retrogusto acidulo, perfetto per una ciambella soffice dalla consistenza unica!

Questa è una sponge cake, ho semplicemente sostituito la materia grassa con la robiola! Et voilà!

Credetemi, sarà anche la vostra ciambella preferita!!! E’ il mio cavallo di battaglia!!

 

 

Ingredienti per stampo da ciambella da 22-24 cm

Tempo di preparazione 10 min + 45 cottura

  • 300 gr di robiola fresca
  • 300 gr di zucchero fine
  • 300 gr di mix farina per dolci Nutrifree
  • 3 uova
  • 1/2 bustina di lievito per dolci senza glutine
  • pizzico di sale
  • la buccia di un limone non trattato (io uso i Limoni IGP di Siracusa)

 

Nota: ho provato a farla anche con solo farina di riso ma non sono riuscita ad ottenere la consistenza di quella che ho fatto utilizzando il mix. 

 

ciambella robiola

 

Preparazione

  1. Preriscaldare il forno a 180° statico.
  2. In una ciotola metti la robiola con lo zucchero e monta con le fruste per qualche minuto.
  3. Aggiungi un uovo alla volta e monta con le fruste fino ad assorbimento completo, poi aggiungi le altre sempre una alla volta.
  4. Aggiungi la farina setacciata a cucchiaiate, utilizzate le fruste dello sbattitore al minimo, una volta aggiunta tutta la farina aggiungete il lievito setacciato ed infine la buccia grattugiata di un limone. Pizzico di sale, ultima frullata e via nello stampo!
  5. Infornare e far cuocere a 180° per 40/45 min a seconda del forno, controllate con uno stuzzicadenti prima di estrarla dal forno. Sfornate e fate raffreddare bene prima di capovolgerla e toglierla dallo stampo.
  6. Spolverate con zucchero a velo a piacere!

 

 

ECCO A VOI LA VARIANTE AL CACAO!!!

Una variante davvero deliziosa è con il cacao! Basterà utilizzare le seguenti dosi:

  • 300 gr di robiola fresca
  • 300 gr di zucchero fine
  • 250 gr di mix farina per dolci Nutrifree
  • 50 gr di cacao in polvere amaro senza glutine
  • 3 uova
  • 1/2 bustina di lievito per dolci senza glutine
  • pizzico di sale

 

potete procedere come sopra, importante setacciare il cacao prima di metterlo!

56505447_530430247488731_4421998212273930240_n

 

A presto!!!

Silvia

Ciambelline soffici con mirtilli e limone

Ciambelline soffici con mirtilli e limone

ciambellinelightmirtilli

 

Quando ho preparato queste ciambelline ero indecisa se farle piccole o grandi, così nel dubbio ho fatto il monoporzione… Quando ero piccola amavo tantissimo le ciambelline Mister Day, ricordo che ne ho mangiate più di un milione, intinte nel Danup! Ve li ricordate? Se no vuol dire che siete giovani giovani!!!!  Erano la mia merenda preferita, senza pensare che regalavano tutti quei belli animaletti pelosini!

Ora che sono grande e si è scoperto che il mondo è brutto e cattivo, se posso faccio in casa, soprattutto per le mie bimbe, che non sono celiache, per cui ho utilizzato solo farina di riso. Per loro evito sempre di fare mangiare i prodotti senza glutine confezionati o preparati da me con mix, il picco glicemico che provocano certi prodotti non è da sottovalutare! State attenti ed informatevi! I prodotti senza glutine non sono dietetici! Mi raccomando…

Queste ciambelline sono una nuvola di bontà, tenerissime, morbide all’inverosimile, ho voluto utilizzare dei bellissimi limoni di Siracusa, dal gusto molto più dolce, e la parte bianca poco amara perfetta per queste preparazioni!

 

Ciambelline olio mirtilli

 

 

♥I mirtilli con il limone intero daranno a questi dolcetti un sapore unico!♥

 

Ingredienti per 15 ciambelline o 1 torta stampo da 22/24 cm

 

• 250 gr di farina di riso finissima
• 3 uova
• 200 gr di zucchero
• 1 limone non trattato
• 80 gr di olio di semi
• 1 bustina di lievito per dolci
• 1 pizzico di bicarbonato
• 1 cestino di mirtilli freschi
• 1 bacca di vaniglia
• 1 o 2 cucchiai di acqua

 

ciambellineoliomirtilli

 

 

Procedimento

 

  1. Lava bene il limone non trattato e poi taglialo a pezzi per frullarlo intero. Frulla fine e tieni da parte.
  2. Separa i tuorli dagli albumi e tieni da parte.
  3. In una ciotola capiente metti la farina di riso, il lievito e bicarbonato setacciati e lo zucchero poi mescola. Fai un buco al centro ed aggiungi l’olio, i tuorli, il limone frullato e la vaniglia grattata dalla bacca. Mescola bene ed aggiungi un cucchiaio o due di acqua per ammorbidirlo e farlo diventare un impasto omogeneo.
  4. Monta i bianchi a neve ferma ed aggiungi all’impasto mescolando piano, dall’alto verso il basso. Aggiungi metà dei mirtilli e poi mescola ed infine versa negli stampi (imburrati ed infarinati o con spray staccante) finisci di sistemare i mirtilli sopra ogni ciambellina.
  5. Fai cuocere in forno statico caldo a 180º per circa 15/18 minuti (prova stuzzicadenti) e poi sforna!
    Lascia raffreddare bene e poi togli dallo stampo!

 

Si conservano qualche giorno in contenitore ermetico (meglio in frigo per via dei mirtilli freschi) oppure potete fare scorta e congelarli appena sono ben raffreddati!

Buona merendaaaaaaaa

 

Vi aspetto sui social!!!! Facebook ed Instagram!

 

Silvia

 

cakemirtilliolio

Triangoli croccanti ripieni di cime di rapa e patate

Triangoli croccanti ripieni di cime di rapa e patate

 

scrunch

 

Se state cercando un’idea facile e golosa per un aperitivo siete nel posto giusto!

Questi triangolini di pasta sfoglia ripiena sono ottimi per aperitivo, per un buffet ma anche semplicemente per cena!

Vi consiglio di preparare anche una salsa per intingerli, magari una semplice combinazione di yogurt greco, mescolato con erba cipollina tritata, o speziata leggermente con curcuma. Profumatela con spezie ed aromi!

Questa versione è con le cime di rapa, dal sapore leggermente amarognolo (che a me piace) può essere modificata a piacere, anche solo con dei semplici pomodorini tagliati a metà e cotti al posto delle cime di rapa.

Su Facebook ed Instagram molte di voi mi hanno espresso il loro disappunto sulle paste sfoglie in commercio, premetto che io non ho mai avuto “voglia” di farla in casa, sarà perché ultimamente i minuti a disposizione sono molto meno di qualche anno fa, quando stavo a casa con le bimbe, ora sono sempre a lavoro e la cucina subisce un pò di trascuratezza… Così se c’è qualcosa che può agevolarmi lo prendo in considerazione, proprio come la pasta sfoglia! Mi ha sempre dato l’idea di una ricetta faticosa da fare, e ho sempre avuto paura di non fare un buon lavoro… per cui che pasta sfoglia compra sia!

Io uso la Buitoni senza glutine, non mi sponsorizzano, vi dico solo la mia preferenza. Prima usavo quella Schar, poi ho preferito la Buitoni perché mi pare sfogli di più. Dovrei riprovare la Schar per capire se è stata migliorata la ricetta. Quella Buitoni è anche senza lattosio e senza uova, senza entrare in merito agli olio usati… Io la uso una tantum, ok? Ho imparato a scolare via l’olio che esce dalla pasta sfoglia, lo verso via mentre cuoce, così diventa croccante e non molliccia. Vedo dei buoni risultati! Spero sia così anche per voi!!!

 

seat

P.s. Questo bellissimo grembiule l’ho preso sull’e-shop di https://www.agipsyinthekitchen.com                                      ed è favoloso!!!!

 

Ingredienti per 8 triangoli

 

  • 2 rotoli di pasta sfoglia tonda senza glutine
  • 1 mazzetto di cime di rapa
  • 2 patate pasta gialla
  • 100 gr di formaggio fresco, filante (anche Galbanino va bene)
  • mandorle a lamelle e fiocchi di avena senza glutine per guarnire
  • 1 uovo per spennellare
  • olio, sale

 

IL SEGRETO PER NON BRUCIARE LE MANDORLE E’ PASSARLE SOTTO L’ACQUA PER QUALCHE SECONDO ED ASCIUGARLE CON POCA CARTA!

 

bite

 

Procedimento

  1. Prepara le verdure, pulisci le cime di rapa e tagliale grossolanamente, se ti piace il gusto amaro puoi usarle subito in padella, se vuoi alleggerire il sapore sbollentale per qualche minuto in acqua bollente e poi una volta scolate strizzale bene, saranno meno amare. Pela le patate e grattugiale con la grattugia foro grosso, poi trita un pò le cime di rapa con il coltello.
  2. Scalda un filo di olio in una padella e metti le patate a saltare, poi aggiungi le cime di rapa e aggiusta di sale, fai cuocere per circa 8/10 minuti. Metti in un piatto a raffreddare.
  3. Grattugia anche il formaggio e tieni da parte.
  4. Ora stendi la pasta sfoglia tonda e taglia in 4 parti uguali, poi prendi la farcia (puoi mescolare il formaggio al resto se si è già raffreddato) poi metti circa 1 cucchiaio abbondante per ogni quarto di pasta sfoglia. Piega la sfoglia chiudendoli a triangolo e sigilla i bordi per bene praticando una arricciatura.
  5. Sbatti l’uovo e spennella i triangoli poi cospargi di mandorle (bagnale sotto l’acqua corrente per qualche secondo ed asciugale, non si bruceranno) e di fiocchi di avena senza glutine!
  6. Ora inforna a 180° ventilato, su teglia bassa, distanziati e usa carta forno, a circa metà cottura, quindi dopo circa 8 minuti vedrai l’olio uscire attorno ai triangoli, cerca di versarlo via tutto rovesciando leggermente la leccarda, poi rimetti in forno a finire la cottura per altri 8 minuti circa!
  7. Sforna e fai raffreddare su una gratella!

Buon appetito!!!

Silvia

calzoni

Bagels integrali

Bagels integrali

Bagel

Non so voi, ma io, soprattutto quando viaggio, una cosa che amo guardare nel mondo sono proprio le forme del pane.  E’ talmente primitiva ed originaria questa faccenda del pane che mi fa ripercorrere secoli di storia, di scoperte, di prove, di profumi e sapori.

Il pane è l’alimento per eccellenza, assieme al riso e mais per altre culture. Ma in generale, ogni popolo ha il suo tipo di pane, che sia lievitato, piatto, cotto al forno o in una casseruola di terracotta, in un vaso di creta, sopra ad una pietra refrattaria o ad una lastra di metallo. Ad ognuno il suo.

Per esempio, la conosciutissima Baguette? Dove la collocate? Ma certo, in Francia. In ogni film francese che si rispetti c’è una scena dove qualcuno si infila la (poco incartata) baguette sotto al braccio.    Il FlatBread è di origine scandinava, è un pane piatto, ricco di semi ed oli essenziali, adatto ai popoli del Nord che vivono con temperature più rigide.

Il pane arabo, senza lievito, oppure i panini a vapore cinesi. La lista è lunghissima. Taglio corto per parlarvi dei Bagels. Cosa sono? Dei sofficissimi panini di origine polacca, ebraica, densi ma soffici,  insaporiti con semi in superficie, si riconoscono per la loro forma tonda a ciambella, con il buco al centro, e dalla loro colorazione più scura in superficie (e liscia) dovuta al tuffo in acqua bollente e bicarbonato prima di andare in forno (n.b. la ricetta originale prevede il malto ma essendo di orzo l’ho sostituito con il bicarbonato, come si fa per altri panini simili).

Bagel Closer

Questa faccenda del passaggio in acqua bollente era il mio deterrente. Ho sempre pensato che i buns si sarebbero sciolti, immaginavo già i pezzetti galleggianti nella più brutta delle ipotesi. Invece mi sono armata di coraggio, ho pensato al massimo di provarne uno e in caso di non fare gli altri… Ma……. attenzione, hanno superato l’esame a pieni voti! Ero spaventatissima invece è stato semplice, per nulla incasinato, e sono stata brava, non ho fatto disastri! La ricetta ha passato l’esame e per questo voglio condividerla immediatamente con voi, affinché le vostre tavole si riempiano di Bagels per le feste!

Sono buonissimi tagliati a metà, farciti con formaggio spalmabile fresco come Robiola, una manciata di rucola fresca e salmone affumicato!

Ingredienti per 14 Bagels

Facile – tempo di preparazione 10 min + 2 h riposo + 5 cottura in acqua + 40 min lievitazione + 25 cottura

  • 600 gr di farina mix integrale Nutrifree + farina di riso da spolvero
  • 300 ml di latte
  • 200 ml di acqua
  • 1 cubetto di lievito fresco
  • 1 cucchiaino di miele
  • 50 gr di olio
  • 10 gr di sale
  • semi vari per guarnire, a piacere

Procedimento

  1. In una ciotola sciogli il lievito in 300 di latte a temperatura ambiente, aggiungi l’acqua leggermente tiepida (i lieviti lavorano bene alla temperatura di 22-25°, il caldo li può uccidere). Aggiungi il miele e lascia riposare 10 minuti.
  2. In una ciotola (o planetaria con gancio ad uncino) metti la farina e versa il latte con il lievito e acqua, impasta dal centro e mano a mano che versi il liquido incorpora tutta la farina.
  3. Impasta energicamente, aggiungi l’olio ed impasta, infine il sale, devi strizzare l’impasto, che fuoriesca dal dita, affinché il sale si sia disciolto bene nell’impasto.
  4. Passa l’impasto su un piano infarinato (io uso farina di riso e non il mix) e forma una palla, incidila con una x in superficie, bagnala leggermente e mettila in una ciotola oleata sul fondo, e  sigilla con pellicola. Deve lievitare circa 2 h.
  5. Una volta che l’impasto ha raddoppiato il suo volume rovescialo su un piano infarinato e sgonfialo schiacciandolo con le mani, forma dei pezzetti da 50-55 gr, tutti uguali, poi per ogni pezzetto fai questo: schiaccia bene con le mani fino allo spessore di mezzo cm, poi arrotola l’esterno verso l’interno, chiudilo come una pallina e poi schiaccialo delicatamente fino a formare un disco di circa 1 cm di spessore, diametro 7 cm circa. Con l’indice forma un buco al centro del disco di impasto, poi inizia a far girare il dito, come se fosse un hula hoop il panino, così facendo si formerà un buco perfetto (su Instagram c’è il mio video) poi metti su carta forno i bagels, copri e fai lievitare per 40 minuti.
  6. PASSAGGIO IN ACQUA: metti una pentola sul fuoco con acqua e porta a bollore, aggiungi un cucchiaio di bicarbonato (versa pochissimo alla volta e prima che bolla l’acqua), poi immergi due panini per volta, cuocendoli 20 secondi per lato, poi trasferiscili sulla teglia aiutandoti con una ramina e condisci i bagels con semi o semplice sale in fiocchi.  Una volta cotti i bagels in acqua e conditi metti in forno
  7. INFORNA A 180° statico per circa 20-25 minuti. Devono risultare dorati e asciutti.
  8. Sforna i bagels e lasciali raffreddare su una gratella.

Puoi conservarli in sacchetto ermetico per qualche giorno, ti consiglio di scaldarli in fornetto per qualche minuto prima di mangiarli, oppure puoi congelarli!

Buone feste da Silvia!

bagels tagliere

bagel sesamo

Pagina 1 di 6812345...102030...Ultima »