Biscotti ripieni di cioccolato Kinder

Biscotti ripieni di cioccolato Kinder

Biscotto tazzina

 

 

Quando arriva la stagione fresca (che, devo dire, mi pare tardi parecchio quest’anno, ma il calendario mi basta per giustificare l’accensione del forno) mi piace molto fare biscotti, un pò per necessità, un pò per passatempo. Anche perché i piccoli dolcetti si prestano bene all’aiuto manuale dei bambini, per cui io faccio felici le mie nanette facendole pastrocchiare con pasta frolla o quel che sia, stanno impegnate, imparano a preparare qualcosa e dopo la cottura mi riempie di gioia vederle molto soddisfatte!

Questi frollini ripieni di pezzetti di cioccolato Kinder sono buonissimi! Le barrette sono senza glutine, per controllare potete verificare anche sul sito cliccando qui https://www.ferrero.it/Kinder-Cioccolato

Basta spezzettare le barrette, riuscire a resistere senza mangiarle e poi fare piccole palline di biscotto attorno!!!! Sono ottimi inzuppati nel caffè o nel latte! Assolutamente da provare, l’effetto Kinder sciolto… una piccola bontà!

 

biscotto kinder

Ingredienti per circa 25/30 biscottini

Tempo di preparazione 30 min + più riposo + 30 totali di cottura

  • 500 gr di farina senza glutine (mix dolci, io Nutrifree)
  • 230 gr di burro
  • 2 uova
  • 1 bacca di vaniglia
  • 230 gr di zucchero
  • pizzico di sale
  • 1 confezione di barrette kinder

 

wip Biscotti Kinder

Procedimento

  1. Prepara la frolla, metti nel frullatore la farina (o ciotola) con il burro molto freddo tagliato a pezzetti piccoli, sbriciola con le mani fino a formare un composto sabbioso, aggiungi zucchero, uova, l’interno di una bacca di vaniglia (tagliala per il lungo e raschia i semi) e pizzico di sale ed impasta, forma una palla omogenea e metti in frigo per mezzora.
  2. Taglia le barrette Kinder o spezzettale con le mani nel punto fine della barretta.
  3. Accendi il forno a 180° statico (o 170° ventilato).
  4. Prendi la frolla e preleva pezzetti di uguale dimensione; prendi un pezzetto in mano schiaccialo nel palmo, poi metti al centro un pezzetto di barretta Kinder e poi con le mani forma una pallina, cercando di tenere la cioccolata al centro.
  5. Forma tutte le palline ripiene ed appoggiale su carta forno in una teglia, inforna belle distanziate (anche se non crescono di tanto) e cuoci a 180° per circa 15 minuti. I biscotti devono essere belli dorati.
  6. Sforna e NON TOCCARLI, attendi che si raffreddino almeno 15 min prima di spostarli, sono friabili e da caldi potrebbero spaccarsi.
  7. Metti i biscotti su una gratella ed aspetta che siano ben raffreddati.
  8. I biscotti si possono conservare in un contenitore ermetico per 1 settimana, se ne fai tanti puoi anche congelarli e per gustarli ti basterà scongelarli la sera prima per la mattina.

 

N.B. Se volete decorarli come ho fatto io, tenete un pò di pasta frolla da parte, stendetela sottile con il matterello e usate stampini da pasta di zucchero, intagliate ed appoggiate la frolla sul biscotto!

Buona colazione!!!

Se ti è piaciuta la ricetta condividila su Facebook e se provi i biscotti mandami la foto!!! Ti aspetto sui social!!  #eppurnonce

 

biscotto e caffe

Taralli dolci

Taralli dolci

Tarallo closer

Ripenso spesso alla mia nonna. Sedeva sempre in cucina ed ogni volta che entravo in casa la vedevo là, almeno fino a qualche anno prima che lei se ne andasse. Fino all’ultimo l’ho vista impastare biscotti, chiudere tortelloni, fare gnocchi ripieni perché i freezer dovevano essere sempre pieni. Che grande lavoratrice che era. Non l’ho mai sentita lamentarsi nonostante tutti gli acciacchi che aveva, e ne aveva tanti. Le sue espressioni rivelavano dolori che lei nascondeva, ma come un fulmine cercava di non farsi vedere. Ci ha dato davvero tutto quello che poteva. Un immenso amore. Dimostrato con pietanze, gesti semplici.

Per una che a 11 anni, cioè nel 1990 circa, è diventata celiaca, pensare di dover mangiare solo quello che passava il convento era troppo dura. Io sono stata fortunatissima, mia nonna ha fatto tutto a mano, non so come poteva fare cose buone con i prodotti di allora. Maestralmente aggiungeva strutto o patate dove serviva. Nonostante il suo analfabetismo, classe 1918, Alcamo, Sicilia, lei era avanti eccome! Sapeva tutto senza bisogno di leggere o scrivere.

Così oltre a pane, pasta fresca, pizze, mi faceva un sacco di biscotti, cosa che io non ho mai più fatto senza di lei. I suoi sapori erano unici. Ho provato a rifare così tante cose ma manca sempre il suo tocco. Però sapete, ho tenuto tutti i suoi pentolini, e per quanto vecchi che siano, io li uso proprio per rifare le sue ricette, così mi sembra che ci sia un pizzico di magia!

I taralli erano dolci speciali, venivano fatti per le feste, c’era molto lavoro da fare e tempo da aspettare prima di mangiarli! Prima i biscotti, poi la glassa e aspettare di vederli asciutti! Non ho la pazienza ed il tempo che aveva lei per cui ho semplicemente fatto dei taralli senza glassa, ma lei è qui! Lo sento!!! Ogni volta che la nomino so che ride! Quindi nonna, anche questa è per te!  ciao Nonnina Vincenzina!!!!!

Taralli the

Ingredienti per 30 pz circa

per due teglie grandi di biscotti, tempo preparazione 15 minuti + 30 min di riposo+ 25 di cottura

  • 500 kg di farina senza glutine (mix dolci, io Nutrifree)
  • 150 g di zucchero semolato
  • 200 gr di burro
  • 3 uova
  • 1/2 bustina di lievito per dolci
  • Latte q.b. (qualche cucchiaio al massimo)
  • La scorza di un limone BIO NON TRATTATO ed un pò del suo succo
  • Un pizzico di sale

per la copertura, facoltativa, Zucchero e qualche goccia di alchermes, una ciotola con latte da bagnarli leggermente.

Taralli 1

Procedimento

  1. Metti sopra di una spianatoia la farina senza glutine,  il lievito setacciato, le uova, il burro a pezzetti, lo zucchero, il succo e la scorza grattugiata del limone, ed  impastata.
  2. Una volta che gli ingredienti si saranno ben amalgamati, aggiungi un pizzico di sale e il latte a filo (regolati ad occhio, io ne ho usati quasi due cucchiai rasi) , fino ad ottenere un impasto morbido e omogeneo.
  3. Per fare i biscotti, preparate i vari pezzetti di frolla, poi allungatela su una spianatoia fino a formare un cilindro lungo e spesso 1 cm circa, che avvolgerete su se stesso, poi chiudetelo ad anello. Provo a descrivere meglio, prendete la frolla allungata circa 15/16 cm, poi piegatela in due ed arrotolatela su se stessa, così avrete tipo una treccia, girate ancora leggermente e chiudeteli alle estremità.Posare quindi i taralli su una teglia rivestita di carta forno a una distanza di 2 cm circa e fai riposare in frigo per mezzora circa.
  4. Accendi il forno statico a 180° e quando è caldo inforna i biscotti, cuoci per circa 12 minuti e sforna, lascia raffreddare bene.
  5. Se vuoi ricoprirli con lo zucchero metti 4 cucchiai di zucchero in una ciotola larga e bassa, aggiungi qualche goccio di alchermes e mescola poi prepara un’altra ciotolina con un pochino di latte.  Bagna leggermente la parte superiore del biscotto poi passala nello zucchero, metti i biscotti ad asciugare per qualche ora.

Puoi conservare i biscotti in un contenitore ermetico per 5/6 gg oppure puoi anche congelarli, per consumarli basterà tirarli fuori qualche ora prima (o la sera prima, per la colazione).

Se ti piace la ricetta condividila su Fb e se la provi mandami la foto!!!! #eppurnonce su Instagram e sulla mia pagina Facebook! clicca sui pulsanti qui sotto!!!

Grazie, Silvia

Cia

IMG_5636

Torta al triplo cioccolato

Torta al triplo cioccolato

Dopo tanto tempo mi trovo finalmente davanti al mio computer per scrivere delle mie ultime performance culinarie. Questa estate è sembrata molto lunga, forse perché non era estate subito, o forse perché risento dell’asilo chiuso, ma tranquilli, ora ha riaperto e mi rimetto ai fornelli!!! Poi lo sappiamo tutti, il caldo non aiuta e finalmente si abbassano le temperature, invogliati da stare in casa a fare dolcetti ecco per voi la prima infornata settembrina! La torta con tantissssssimo cioccolato! Questa è una vera e propria cura anti stress!!!! Da provare assolutamente.

E’ davvero facile da fare, si fa mangiare con gli occhi e non preoccupatevi se c’è tutto quel cioccolato sopra che non si capisce bene cos’è perché quando affonderete i denti CAPIRETE!!!!! Quei blocchi di cioccolato fondente servono, assolutamente!!!

Questa versione è leggera, quindi non fatevi troppi scrupoli ad abbondare con il cioccolato!

Torta cioccolato_small

io la Amo! E non c’è torta più buona per fare colazione, soprattutto se pucciata!
n.b. tutto il cioccolato sopra si scioglie e fa una sorta di glassa!!! Top!!

 

 

Ingredienti per stampo da Bundt Cake diametro 22 cm

Tempo di preparazione 10 min + 45 di cottura 

  • 3 uova
  • 220 gr di farina senza glutine mix dolci (oppure finissima di riso)
  • 50 gr di cacao amaro
  • 200 gr di zucchero
  • 170 gr di yogurt greco  (direi 1 vasetto, più o meno sono di questo peso)
  • 150 ml di olio di semi (che preferite, alcuni a me non piacciono per questioni di retrogusto)
  • 100 gr di cioccolato fondente in pezzi
  • 50 gr di cioccolato bianco a pezzi
  • 16 gr di lievito
  • pizzico di sale

 

Just Chocolate_DSC0032

 

Preparazione

  1. Accendi il forno statico a 180° (ventilato 170° ma lo sconsiglio, si secca molto)
  2. In una ciotola capiente metti le uova e sbattile con lo zucchero, poi aggiungi lo yogurt greco e l’olio, mescola molto bene.
  3. Setaccia le farine, il cacao amaro ed il lievito, miscela bene ed aggiungile nella ciotola con le uova ed il resto, aggiungi un pizzico di sale e mescola bene.
  4. Ora prepara il cioccolato fondente, quello al cacao ed il bianco spezzettandolo a cubetti da 2 cm (io li volevo belli grandi) Oppure puoi farne metà a cubetti piccoli e metà a cubetti grandi.
  5. Prepara lo stampo, imburralo o usa lo staccante spray, (se usi stampo da bundt cake mi raccomando non dimenticare il pezzo centrale, quello che fa il buco per intenderci!!! Olealo bene se no ti rimane mezza torta lì.. lo scrivo perché capita!) Poi versa il composto e livellalo con la spatola. Versa i pezzi di cioccolato ed inforna.
  6. Fai cuocere a 180° per circa 45/50 minuti, il tempo può variare in base al forno, quindi assicuratevi che sia pronta facendo la prova dello stuzzicadenti, deve uscire asciutto (se però lo infili in un pezzo di cioccolato può sembrare crudo! Fai attenzione, in caso fora di nuovo, devi sentire l’impasto asciutto).
  7. Sforna e fai raffreddare!

 

Se ti è piaciuta la ricetta e la provi mandami la foto!!!! Io sono sui social, il mio hashtag è #eppurnonceglutine e sotto trovi i pulsanti per accedere alle mie pagine!!!! Ti aspetto!

Ciao

Silvia

Mini Cake al Limone

Mini Cake al Limone

 

L’anno scorso ho partecipato ad un ricettario carinissimo, per gli amici di GLI SGLUTINATI in collaborazione con  Le Farine Magiche, così la mia proposta fu una semplicissima tortina soffice e fragrante. Adesso ho deciso di proporvela anche sul blog perché le voglio rifare al più presto! Fragranti e profumatissime, invogliano una dopo l’altra!  Questa dose potete farla anche in versione torte.

 

Ingredienti per 8 tortine o 1 da stampo cm 22

Difficoltà: facile

Tempo: 10 di preparazione + 30 minuti di cottura

    200 gr mix dolci senza glutine Farine Magiche (con lievito)***
    50 gr di farina di mandorle
    250 gr di panna fresca ben fredda
    250 gr di zucchero
    3 uova
    la buccia di un limone bio
    Zucchero a velo q.b.

*** potete sostituire con 200 gr di altro mix o farina di riso finissima e 8 gr di lievito per dolci senza glutine

Procedimento
  1. Monta bene la panna e mettila in frigo. In un’altra ciotola metti le uova con lo zucchero e monta finché non saranno gonfie e chiare.
  2. Aggiungi la farina Mix Dolci Farine Magiche (agita bene il pacco prima di aprirlo, affinché il lievito sia omogeneo con la farina) e monta, poi la farina di mandorle, la buccia grattugiata del limone e mescola delicatamente.
  3. Prendi la panna dal frigorifero e versala delicatamente nel composto, incorpora con una spatola dal basso verso l’alto.
  4. una volta che è omogeneo versalo negli stampini o stampo per torta precedentemente imburrato ed infarinato (potete usare semplice farina di riso) e fate cuocere in forno statico preriscaldato per circa 20 minuti se usate stampini piccoli, o 15 per stampo da muffins, altrimenti circa 30 minuti per torta da 22 cm di diametro.
  5. Sfornare dopo aver fatto la prova dello stuzzicadenti, poi fate raffreddare prima di togliere dallo stampo. Potete assaggiarle così semplici oppure gustarle con zucchero a velo!

Spero che la ricetta ti sia piaciuta, se la provi taggami su Facebook o Instagram! il mio hashtag è #eppurnonceglutine

Grazie e alla prossima ricetta!

Silvia

Spaghetti con calamari grigliati, zucchine e pomodori

Spaghetti con calamari grigliati, zucchine e pomodori

Spaghetti_DSC0018

 

 

Ci sono ricette che ti riportano immediatamente indietro nel tempo. Questa di oggi fa un giro lungo, va in luoghi di cui vi ho raccontato poco. Ho abitato in Friuli per un periodo della mia vita. E lì ho conosciuto davvero molte persone speciali. Non credevo che avrei portato nel cuore un patrimonio così ricco, così pieno di umanità ed amore, sì perché ho trovato amicizie rare lassù e siamo ancora legati.

Ho lavorato in grandi azienda dove ho fatto amicizia con colleghe formidabili, devo dire che ci sono stati dei momenti che non sentivo la mancanza della mia terra, anzi, ero sospesa in una nuvola temporale, con tante amiche che mi hanno coccolato e voluto bene, ed io ne voglio a loro.

Questa ricetta parte dalla Slovenia, da Pirano, dove andai un giorno con una delle mie prime amiche in terra friulana. La Francesca. Andammo a fare un giro in questo bellissimo paesino di pescatori, appena di là dal confine italiano,  tante casette colorate sul molo, una piazza lastricata bianca con una fontana al centro ed un castello arroccato sulla cima della collina dove si appoggia il paese.

Andammo a pranzo in un carinissimo ristorantino sul molo, c’era una brezza fantastica, un sole splendido. Volevo tanto mangiare anche io quel piatto di spaghetti con calamari freschi grigliati, zucchine grigliate e pomodori freschi a pezzettini. Che invidia. AAAAH! Avete presente la bava alla bocca? Io. Bene. Non ci vorrà la scala a rifarli, pensai, così mangiai un pesce alla griglia e mi accontentai, era buonissimo. Francesca mi raccontò del piatto, così a casa lo provai qualche giorno dopo. Ogni tanto lo rifaccio ripensando a quella bellissima giornata.

Anche perché non sapete quali momenti unici capitarono. Io e Francesca ridevamo tantissimo insieme, le due fagianine a spasso per la Slovenia, quante risate, davvero. Arrivammo su in cima al castello ed io, come solito, parlavo in qualche lingua straniera per fare un pò la scemotta… così iniziai il mio bel monologo in spagnolo e hasta la vista, blablabla, ecco che appare una intera famiglia colombiana che mi scambia per una compaesana e parte a mitraglia a parlarmi… che bella figura ahahah! Va beh, me le cerco.

Ma il momento top indimenticabile è stato quando abbiamo imboccato l’autostrada per tornare a casa e dopo un bel curvone, io ero in sorpasso, mi sono trovata una macchina contromano davanti che correva verso di me! L’ho schivata per un soffio ed io e Francesca rimanemmo di sasso e in silenzio per 50 km. Appena ferme ci guardammo, robe allucinanti, da pazzi, che ti auguri non capitino mai. Ma anche questo proiettile la Faraci l’ha schivato! Olèèèèèèè!!!!!! Andale Andale! Ragazzi, che giornata!!!!!!

Torniamo al piatto del giorno! Questi spaghetti favolosi! Aspettavano da anni ed ora eccoli qui, anche per voi!

 

ingredients calamari_DSC0017

 

Ingredienti per 4 persone

Tempo di preparazione 30 min –  media difficoltà

  • 240 gr di spaghetti (80 a testa, ma fate voi!)
  • 4 calamari freschi
  • 4 zucchine chiare (sono medie o piccole, se no 2 grandi scure)
  • 2 pomodori tondi maturi ma sodi
  • olio, sale

 

spaghetti calamari_DSC0025

Procedimento

  1. Pulite i calamari sciacquandoli sotto l’acqua, sfilate la testa tirando bene con la mano, viene via tutta intera (non tirate dai tentacoli) e tenete da parte e pulite togliendo il becco del calamaro e gli occhi, poi sfilate la cartilagine interna delicatamente, io poi li sciacquo dentro e tolgo via tutto quello che c’è dentro. Togliete la pelle se ce l’hanno. Poi metteteli in frigo coperti.
  2. Pulite e mondate le zucchine e fatele a fettine per il lato lungo, spessore circa 3 mm e tenete da parte.
  3. Ora pelate il pomodoro, per fare in maniera rapida e perfetta dovete inciderli leggermente sul fondo, fate una x, poi immergeteli in acqua bollente per qualche minuto, scolateli e raffreddateli, tirate via la pelle e tagliateli a metà, togliete i semi e tenete la polpa, bella pulita da tutto, tagliatela a dadini e condite con poco sale ed un filo di olio, mettete in frigo.
  4. Ora è tempo di scaldare la griglia, oppure una bistecchiera, scaldatela bene e mettete i calamari a cuocere, fiamma viva, salate e girate dopo circa 5 minuti. Fate cuocere finché la forchetta non forerà per bene il calamaro e risulti tenero. Ora togliete dal fuoco e mettete da parte, se vi piacciono le teste potete grigliarle. Tagliate ad anelli i calamari grigliati e tenete da parte.
  5. Grigliate le zucchine con filo di olio e sale, poi lasciatele a fette, da parte.
  6. Fate cuocere gli spaghetti nel frattempo, una volta scolati conditeli con i pomodori, i calamari ad anelli, le zucchine e mescolate, aggiungete qualche cucchiaio di olio extravergine ed aggiustate con pepe nero se vi piace, oppure un buon tocco di basilico fresco e peperoncino!

 

Consiglio: Se potete preparate i calamari mentre cuocete la pasta così saranno ancora caldi e teneri!

 

Buon appetito! Alla prossima ricetta!

P.s. Se la provi e ti va di condividerla con me seguimi sui social!

Pagina 1 di 6612345...102030...Ultima »