Pancakes allo yogurt greco 

Pancakes allo yogurt greco 

Facilissimi e soprattutto buonissimi, nulla da invidiare ai classici pancake, anzi, se devo dire la mia, mi sono sembrati più “pieni” e mi sono piaciuti di più come consistenza spugnosa. Ideali da far nuotare in un mare di sciroppo d’acero!!!! Sbaaaaavvvvv!!!!!

Ecco come procedere, semplice e veloce!

Ingredienti

  • 3 uova
  • 120 gr di yogurt greco
  • 4 cucchiai di farina senza glutine (mix pane o dolci va benissimo, oppure riso)
  • 1/2 bustina di lievito per dolci consentita

 

 

Preparazione

  1. Metti le uova in una ciotola e sbattile leggermente, aggiungi la farina e mescola ad ogni cucchiaio.
  2.  Aggiungi lo yogurt greco, mescola ed infine il lievito setacciato. Mescola bene.
  3. Scalda una padella antiaderente e versa un cucchiaio abbondante per ogni pancake e fai cuocere a fuoco medio per poco più di 1 minuto per lato.

Soffici ed alti pancakes! Favolosi!!

Se li provate mandatemi la foto 😘❤ e seguitemi su Facebook alla pagina Eppur non c’è

Cookies con cioccolato bianco e lamponi

Cookies con cioccolato bianco e lamponi


I cookies sono i biscotti americani più famosi, i biscotti di casa, quelli da regalare per le feste. Ve ne ho già proposte due versioni, con cioccolato ed avena o cornflakes. Questi sono più delicati ed anche un po’ più eleganti se vogliamo! Immaginateli in un sacchettino trasparente con nastro rosso o in un vaso ermetico con un bel tappo di ceramica! Come impreziosire un regalo!!!


Ingredienti per circa 20 biscotti 

  • 250 gr di farina mix frolla Revolution
  • 125 gr di burro
  • 125 gr di zucchero
  • 1 uovo
  • 1 cucchiaino di lievito per dolci
  • 1 cucchiaino di Estratti di vaniglia
  • 50 gr di gocce di cioccolato bianco
  • 80 gr di lamponi
  • Zucchero a velo per decorare

Procedimento

  1. Preriscalda il forno a 200º e prepara le teglie da biscotti con la carta da forno.
  2. Mescola il burro ammorbidito con l’uovo poi aggiungi farina, lievito, vaniglia ed il cioccolato bianco. Amalgama e per ultimo metti i lamponi cercando di non romperli troppo.
  3. Preleva l’impasto con un cucchiaio e fai dei mucchietti ben distanziati tra loro, poi inforna per 12/14 minuti finché i bordi non saranno dotati.
  4. Sforna e sposta delicatamente su una griglia a raffreddare poi spolvera con zucchero a velo.
Hand Apple Pies (piccole tortine di mele)

Hand Apple Pies (piccole tortine di mele)

 

Hand Pies alle mele

Il Natale si avvicina e se volete provare queste piccole delizie ci metterete più a leggere la ricetta che a farle! Sono facili e davvero veloci!  Le Hand Pies si chiamano così perché sono piccole tortine che stanno in una mano. Potete usare anche la classica frolla ma io, per fare una ricetta veloce, vi suggerisco la sfoglia pronta, così, con pochi ingredienti, potrete sempre improvvisare una profumata merenda!

Questa ricetta partecipa alla raccolta del Gluten Free Travel And Living http://www.glutenfreetravelandliving.it/gffd-form/

Pronti? Ecco la ricetta!

Ingredienti per 12 tortine

  • 2 rotoli di pasta sfoglia (senza glutine)
  • 1 mela
  • 5 cucchiai di Crema al limone (io ho usato la Lemon curd, potete fare crema pasticcera al limone)
  • Cannella in polvere
  • Una manciata di noci
  • 1 uovo

Procedimento

  1. Pelate la mela e tagliatela a fettine sottili, poi spezzettatele con le mani. Aggiungete la cannella e le noci e mescolate.
  2. Stendete il rotolo di sfoglia e fate dei dischetti, due per ogni tortina. Con gli scarti potrete fare delle decorazioni per la tortine (oppure dei biscottini come ho fatto io, semplici, con noci e sciroppo d’acero)
  3. Farcite il dischetto sotto con un velo di crema ed un po’ di mele condite, incidete il dischetto sopra e poi appoggiatelo su quello farcito, chiudete bene i bordi con una forchetta.
  4. Fate così per tutte le tortine poi spennellatele con il tuorlo sbattuto. Anche una spolverata di zucchero a velo non guasta. Infornate a 180º per circa 15 min. Quando sono belle dorate sfornate.


Cookies avena, mandorle e cocco

Cookies avena, mandorle e cocco

Sabato pomeriggio. Non devo cucinare perché stasera si mangia Sushi (fatto dal mitico Chef Antonio Scaccio, di Affetti & Sapori, mica giuggiole eh?!?!) quindi ho la chance di poter star ferma sul divano 1 h senza fare nulla e non sporcare la cucina. Le bimbe dormono e poi… La visione! Mi torna in mente che la mattina, in centro ad Imola, ho scoperto il negozio delle meraviglie, tra the e tisane ecco che compaiono mille vasetti di creme, marmellate e bontà di ogni tipo. Come il Caramello Salato! L’ho sempre fatto in casa ma vuoi mettere con questo qui?!?!? Parliamone! Così mi sono detta che non potevo mangiarlo tutto a cucchiaiate, cioè, magari una parte si! Ma tutto tutto no!!!! Ahahah!!! L’irrefrenabile foodblogger che c’è in me ha fatto alzare le mie chiappe dal divano e mi sono messa ai fornelli. Ma ho fatto qualcosa di veramente rapido e soprattutto di vero gusto!!!! Questi biscotti si impastano in meno di 5 minuti ed in 20 minuti tornerete già sul divano a gustarli!

Ispirati ad una ricetta di Hannah Miles.

Croccanti ma morbidi. Una vera delizia!!

Ingredienti per 24 biscotti

(Facilissimo, tempo preparazione 5 min, cottura 10/12 min+10 riposo)

180 gr di fiocchi di avena Revolution 

85 gr di farina di cocco

70 gr di mandorle a lamelle

160 gr di burro

2 cucchiai di sciroppo d’acero

115 gr di farina (indifferente, io ho usato un mix frolla Revolution)

115 gr zucchero

1 cucchiaino di Lievito X dolci

Procedimento

Accendete il forno a 180º statico.

Prendete 2 ciotole, 1 cucchiaio ed una 1 teglia foderata di carta forno.

Nella ciotola mettete tutti gli ingredienti secchi e miscelateli bene. Nell’altra ciotola mettete il burro con lo sciroppo d’acero e fatelo sciogliere in microonde.

Versate il burro fuso sugli altri ingredienti e mescolate bene. Se vedete che non sono proprio molto legati tra loro aggiungete un pochino di burro fuso, ma non preoccupatevi, anche i miei erano così.

Prelevate con un cucchiaio il composto e mettete su teglia abbastanza distanziati tra loro.

Fate cuocere per 10/12 min a 180º, dovranno essere belli dorati. Sfornate e fate raffreddare (bene) sulla teglia prima di spostarli.

Se volete fare in casa il caramello salato:

150 gr di zucchero, 120 ml di panna fresca, 20 ml di acqua, 20 gr di burro,qualche goccia di succo di limone, una presa abbondante di sale (5 gr. circa)

Procedimento: Scaldate l’acqua in un pentolino, aggiungete zucchero e le gocce di limone, far sciogliere e lasciare imbiondire. A questo punto togliete dal fuoco (fate attenzione perché sembrerà un vulcano), aggiungete lentamente la panna liquida, il burro ed il sale e mescolate energicamente fino ad ottenere un composto omogeneo. Rimettete sul fuoco e fate addensare alcuni minuti, versatelo in un vasetto e lasciatelo raffreddare a temperatura ambiente.

Fatemi sapere se vi sono piaciuti!!

Un abbraccio!

Silvia

 

Pancakes mirtilli & banana

Pancakes mirtilli & banana

DSC_5510

Visto che siamo ancora sotto le feste perché non sparare gli ultimi colpi prima di mettersi un po’ a regime alimentare più salutare?

Che la pensiate come me o no, non importa, queste pancakes le potrete fare tutto l’anno.. sono perfette per ogni stagione, sono così golose che vorrei essere americana, o meglio.. Canadese, per avere una riserva di sciroppo d’acero infinita!!!

Potete farle in maniera classica, io ho rivisitato la ricetta per farle soffici come piacciono a me. Quelle classiche diventano un pochino più secche e spugnose, ma se non le avete mai assaggiate, questa versione vi piacerà molto. In fin dei conti sono un semplice impasto cotto in piastra.. What else?

Potrete usare farine naturali o mix, come preferite, la percentuale di farina da mettere è davvero poca.

Ingredienti per circa 30 pancakes

3 uova

3 cucchiai di farina di riso

1 cucchiaio di amido di mais

1 cucchiaio di burro da sciogliere

la punta di un cucchiaino di lievito per dolci senza glutine

1/2 bicchiere di latte fresco

1 cestino di mirtilli

1 banana matura

DSC_5512

Procedimento

Montate a neve gli albumi, poi aggiungete i tuorli e mescolate delicatamente, aggiungete uno alla volta i cucchiai di farina senza glutine o fecola e incorporate delicatamente, poi la maizena, il lievito, il burro fuso e, per ultimo, il latte, a filo. Aggiungetene fino a raggiungere una consistenza fluida ma abbastanza cremosa.

Per farli neutri cuocete direttamente l’impasto in una padella calda.

Se volete farli ai mirtilli e banana, dopo aver lavato ed asciugato i mirtilli e tagliato a fettine le banane dividete in due ciotole l’impasto e poi aggiungete la frutta, mirtilli in una e fettine di banana nell’altra.

Scaldate una padella a fuoco medio, imburratela e poi asciugatela con carta assorbente, con un cucchiaio grande o mestolo versate un po’ di impasto, non esagerate, lasciate cuocere per circa 2 min per lato.

Servite con sciroppo d’acero o tutto ciò che vi piace! Marmellate, cioccolato fuso… Un consiglio spudorato, con quelle ai mirtilli sta veramente bene la panna montata!!!!! auguuuuuuuuriiiiiiiii

Ciao

Silvia

DSC_5515

Crêpes o crespelle

Crêpes o crespelle

DSC_5278

Sapete da quanti anni faccio le crepes? Dunque, ho quasi 37 anni, ho iniziato a 13…… direi che sono davvero un’esperta!!!! Mi insegnò una mia parente, la zia Lorenza.

Quando ero piccola d’estate mi trasferivo dai nonni in campagna e lei e la sua famiglia venivano anche loro nella casa di campagna, solo per il periodo estivo. Ricordo che era veramente brava in cucina, sono stata sua ospite a cena diverse volte, una volta ho dormito a casa sua con una mia cugina, Cristiana, nell’appartamento di città a Bologna. Ricordo ancora che ci preparammo un hamburger fatto in casa! Andammo a fare la spesa e poi preparammo tutto! Che bellezza.

Nella casa di campagna venivano preparate le ricette più lunghe e complesse, le marmellate, la conserva, era il laboratorio estivo di ciò che si mangiava d’inverno.

In questa casa c’erano diciamo tre famiglie che si alternavano. La prima, quella che stava quasi tutto il periodo era la famiglia di mia cugina Annachiara che è stata una grande amica con cui sono cresciuta, compagna di marachelle, sua sorella bellissima Pamela (lei ora non c’è più ma questa è una tristissima storia) suo fratello, mamma e papà. Una di Cristiana, con sua madre e suo padre. L’altra di Lorenza, con la sua madre anziana, la zia Peppina, sorella di mio nonno Mommo. Lei stava tutto il periodo e che risate, ogni sera arrivava a casa di mia nonna. La solita frase ogni sera.. (come avrete capito dai nomi siamo di Bolzano ahaha, scherzo… i miei nonni paterni sono di Alcamo (Tp)… siciliani) e quando Peppina arrivava in prossimità della porta diceva sempre “Viscenzìììììììì” (Vincenzina, mia nonna) e mia nonna rispondeva “Trasi Peppi'” (entra Peppina) non potete immaginare che sorriso mi è spuntato a ricordare questo aneddoto… Ogni sera. Ogni seraaaaaaa ahahahah…

Adesso ne scrivo una, interesserà a pochi ma merita davvero che questa scena abbia un ricordo scritto, perché c’è una persona che riderà all’infinito.

Una sera guardavamo il Festivalbar io e mia cugina Annachiara. Ad un certo punto passò in tv la pubblicità che lanciò la mitica Charlize Theron. Ve la ricordate???? Quella del Campari.. o Martini.. non ricordo con precisione.. ma neanche a voi credo sia il particolare rimasto impresso… ricordate quando rimaneva impigliato nella sedia il vestito e lei si alzava??? ecco.. poi saltava fuori il sedere!!!! Bene, mia nonna e la zia Peppina stavano guardando la pubblicità ed io e mia cugina già arrossivamo pensando che loro guardassero, eravamo imbarazzate, ma poi il commento fu sorprendente “Eeeh Peppì chissi sì che erano boooni fillme” “eh già Viscenzììì”.. (traduzione ” eh Peppina, questi sì che erano film belli ” ” eh già”) mia nonna e la zia credevano fosse un film essendo in bianco e nero… ok ora l’ho scritta e ho reso questo momento storico, spero che voi della mia famiglia leggiate e ridiate con me di questo momento pensando ai due soggetti che erano la nonna e la zia!!! Insieme poi…

Io ed Annachiara avevamo inventato pure un rap “Viscenzi trasi Peppi'”

Tornando alla zia Lorenza, appena imparato a fare le crepes la invitavo a merenda, ricordo che mettevamo un piccolo tavolino in casa, apparecchiavo con cura, tiravo fuori le stoviglie del servizio di nozze dei miei nonni, l’argenteria (che all’epoca credevo fosse tale) poi un bel the caldo e forse qualche pezzo dal Marocco di proprietà di Lorenza. E si mangiavano crepes con una inondazione di sciroppo d’acero che annualmente portava in Italia mia zia Maria. Che meraviglia.

Delle mie crepes hanno goduto anche tutti i miei cugini! Ogni domenica pomeriggio che ci si ritrovava dalla nonna indovinate chi si metteva in cucina a farle per tutti??? Esaaaaattooooo ioooooo. Bei momenti. Ho voluto ricordarli. Spero che arrivino a chi dico io. Vi voglio bene gente. La mia gente.

DSC_5287

Ricetta. eccola qua.

Ingredienti per 30 crepes

6 uova

2 bicchieri di latte

6 cucchiai di farina (io Biaglut)

noce di burro fusa

DSC_5284

Procedimento

Sbattete le uova poi incorporate uno alla volta i cucchiai di farina precedentemente setacciata ve lo consiglio, mescolate e rendete omogeneo. Poi allungate con il latte, circa due bicchieri, deve venire un composto liscio e leggermente denso. Sciogliete il burro, fatelo raffreddare un attimo e poi incorporatelo all’impasto.

Fate riposare circa mezzora la pastella.

Scaldate una padellina, possibilmente a bordi bassa per facilitarvi nel girare le crepes, mettete una piccola nocetta di burro, fatela sciogliere poi asciugatela con uno scottex. Quando la padella sarà calda, abbassate la fiamma quasi al minimo e versate a filo la pastella, fate attenzione, girate la padella quando versate e quando la superficie sarà piena allora quella sarà la quantità giusta della vostra padellina. Dopo poco si staccherà la crepes e avrà il tipico colore (la prima viene sempre diversa, è normale) giratela e fatela cuocere per mezzo minuto ancora e poi mettetela su carta scottex (usatela a rovescio, non dove c’è il disegno).

Io riesco a girare le crepes al volo.. volete provare? E’ facilissimo! Basta avere una buona padella… ed un soffitto molto alto!!!!! 😉

Viva le storie di famiglia che per sempre resteranno nei nostri cuori.

Ciao Pamela, sei sempre nel mio cuore.

Ciao a tutti

Silvia

Pagina 1 di 212