Miglio burger con verdure alle erbe

Miglio burger con verdure alle erbe

Miglio Burger con verdure alle erbe • eppurnonce.com

Dare valore a questi pochi ingredienti è il bello della cucina. Saper rendere un piatto delizioso partendo da materie prime semplici e genuine. Ecco, la mia nuova tendenza sarà questa. Già lo era ma ora spingerò di più.

Il piatto di oggi è Vegan, quindi senza proteine di origine animale, senza glutine perché il miglio lo è per natura, e fa benissimo! Unica cosa, chi ha problemi di tiroide si informi prima di mangiare miglio.

Questa ricetta è stata la cena di ieri, servita anonima in un piatto con da una parte il miglio e dall’altra le verdure non è subito stata capita in famiglia! Ma presentata così… eheh ho vinto subito! L’occhio vuole la sua parte? Diamogliela. Mio compagno non può sentire la parola vegano, non lo siamo, ma spesso faccio piatti che lo sono pur non sbandierandolo ai 4 venti! E andiamo! Un piatto di spaghetti al pomodoro sono vegani ma nessuno li ha mai chiamati così e nessuno si lamenta. Ma lo sono! Fa bene mangiare vegano ogni tanto, aiuta il nostro organismo a disintossicarsi dalle proteine e grassi animali.

In ogni caso questo piatto è molto buono e ricco di sapori, vi sazierà e spero tanto che vi piaccia!

Miglio Burger con verdure alle erbe • eppurnonce.com


Ingredienti per 4 persone 

Facile, preparazione 30 min.

  • 150 gr miglio
  • 1 patata
  • 1 melanzana
  • 10 pomodorini
  • 1 palla di Radicchio
  • 1 zucchina
  • 1 cipolla rossa
  • 1 peperone rosso
  • 1 peperone verde
  • Erbe fresche: rosmarino, origano, basilico
  • Spezie: curcuma, curry dolce, paprika dolce, peperoncino
  • Sale e olio extravergine
  • 1 avocado

Miglio Burger con verdure alle erbe • eppurnonce.com

Procedimento

  1. Pulisci le verdure tranne la patata e l’avocado, tagliale a pezzi grossolani e condisci con le erbette fresche, le spezie, olio e sale poi dopo aver mescolato bene metti in forno a 200º per mezz’ora.
  2. Lava la patata e falla cuocere in acqua bollente finché non sarà tenera. Scolala e schiacciala, tieni da parte.
  3. Cuoci il miglio in abbondante acqua leggermente salata, circa per 12 minuti, poi scola e lascialo steso aperto su un piatto.
  4. Condisci il miglio con le spezie e aggiungi la patata schiacciata, sgrana con una forchetta cercando di non lasciare grumi molto grossi poi salta in padella il tutto con un filo d’olio. Una volta rosolato prendi il piatto e con un coppapasta riempi il fondo e schiaccia con la forchetta, se non hai il coppapasta puoi usare un bicchiere di carta a cui avrai tagliato via la metà inferiore, così ti rimane un anello aperto? Oppure a mano libera, con il cucchiaio mettilo nel piatto e schiaccia.
  5. Sforna le verdure e adagiane un po’ sopra al miglio, aggiungi qualche erbetta fresca per decorare, un filo di olio a crudo e fette di avocado fresche.

Buon appetito!

Silvia

Il Miglio d’inverno

Il Miglio d’inverno

Vi presento il piatto che ho ideato per lo Show Cooking di Molino Rossetto per il Gluten Free Expo di Rimini

L’ho chiamato il miglio d’inverno, di solito le insalate sono un po’ insolite ma perché no? Usando le verdure di stagione combinate con frutta secca e bacche fresche, vi stupirà! E’ semplice, io ho preparato 30 porzioni in 30 minuti, voi a casa lo farete in un lampo, usando solo una pentola per il miglio ed una padella per gli altri ingredienti. Se poi volete stupire i vostri ospiti vi consiglio la cialdina di ceci e mandorle, io non potrò  mai più farne a meno!
Ingredienti per 4 persone:

  • 150 gr di miglio Molino Rossetto
  • 2 avocadi maturi
  • 2 carciofi freschi
  • 1 sacchetto di mirtilli rossi secchi (cranberries americani)
  • 1 vaschetta di ribes freschi
  • 2 lime
  • 1 radicchio tardivo (o lungo)
  • 50 gr di mandorle non pelate
  • 50 gr di farina di ceci Molino Rossetto
  • 50 gr di farina di mandorle Molino Rossetto
  • 3 rametti di rosmarino fresco
  • 30 gr di parmigiano reggiano grattugiato
  • 1 cipolla bianca
  • olio evo, sale

Procedimento

  1. Portate a bollore acqua bollente e salatela poi versate il miglio (lavato e sgocciolato) e fate cuocere per circa 18 minuti, scolatelo e tenetelo da parte.
  2. Nel frattempo che il miglio cuoce lavate le verdure, pulite i carciofi, prima tagliate il gambo, poi pulite la parte sotto ed eliminate le foglie esterne più grosse, appena diventano più chiare e tenere tagliate la cima quasi fino a metà del carciofo, poi tagliatelo a metà e pulite appena sopra il cuore, dove ci sono dei piccoli petali pelosi, eliminate per bene tutta quella parte. Affettateli finissimi e metteteli in una ciotola, poi bagnateli con il succo di mezzo lime.
  3. Mettete i cranberries a mollo in acqua calda, si ammorbidiranno.
  4. Tagliate a metà il radicchio e fate a pezzi grossolani e tenete da parte.
  5. Pulite gli avocado maturi, uno usatelo a fette, per l’insalata, quindi sbucciatelo, togliete il nocciolo e tagliatelo a metà, fate delle fettine spesse meno di mezzo cm e tenete da parte.
  6. Con l’altro fate una crema, sbucciatelo e mettetelo a pezzi in un bicchiere da frullatore ad immersione, poi aggiungete un cucchiaio di olio e 1/4 di cipolla bianca a pezzetti, un pizzico di sale e frullate ad immersione. Tenete la crema da parte.
  7. Versate un filo di olio nella padella e mettete sul fuoco poi fate saltare i carciofi per 5 min a fiamma viva, togliete dalla padella e mettete da parte, ora fate saltare il radicchio con filo di olio e pizzico di sale, poi togliete e mettete con i carciofi.
  8.  Ora fate tostare le mandorle in padella per circa 2 minuti, poi toglietele e fatele a fettine fini fini ed aggiungete al resto.
  9. Ora è il turno dell’avocado, fatelo rosolare in padella senza olio, deve arrostirsi un po’, poi toglietelo dal fuoco e tagliatelo a pezzi, aggiungetelo al resto.
  10. Quando il miglio è cotto mescolatelo con le verdure e saltatelo in padella per qualche minuto. Aggiungete il ribes fresco ed il cranberries reidratato e strizzato. Se volete la buccia grattugiata del lime (solo se biologico, mi raccomando).

Per la cialda:

  1. Accendete il forno ventilato a 180°,  in una ciotola mescolate la farina di ceci con la farina di mandorla ed il parmigiano, poi aggiungete qualche cucchiaio di acqua tiepida per rendere il composto morbido (come una polentina) poi aggiustate di sale e mettete qualche ciuffetto di rosmarino.
  2. Spalmate su carta forno uno strato di appena qualche mm ed infornate. Appena ai bordi diventa scuro toglietelo dal forno, aspettate un attimo e spezzatelo in pezzi.

Per la composizione del piatto:

Sul fondo mettete la crema di avocado, una cucchiaiata generosa, poi mettete il miglio saltato con le verdure, guarnite con ribes e rosmarino ed infine la cialda.

Buon appetito

A presto, Silvia



Grano saraceno con Zucchine, Gamberi & Mandorle

Grano saraceno con Zucchine, Gamberi & Mandorle


Avete mai provato il grano saraceno? Un ottimo cereale ricco di proprietà, adatto ad insalate fredde. Ma anche a zuppe.

Oggi l’ho provato con zucchine grigliate, che danno un po’ di gusto affumicato, dei gamberi cotti a vapore, così, al naturale, per la loro dolcezza. Mandorle tostate tritate, per la loro croccantezza, poi tostandole sprigionano il loro olio e diventano ancora più saporite. Se volete potete aggiungere Feta, ed un pochino di salsa verde.
Ingredienti per 4 persone 

150 gr di grano saraceno

10 gamberi rossi

2 zucchine lunghe

Un pugno di mandorle

Feta a piacere e salsa verde* per condire
Procedimento

Per prima cosa le mettete il grano saraceno a cuocere in acqua, leggermente salata. Appena sarà pronto (12/15′) scolatelo e fatelo raffreddare.

Nel frattempo pulite le zucchine e fate delle fette grosse, la prima fettina di buccia scartatela ed usatela per fare la salsa verde (qui trovi la ricetta)

Grigliatele al naturale, poi una volta cotte versate un filo d’olio evo e pizzico di sale.

Fatele raffreddare poi tagliatele a pezzetti.

I gamberi, dopo averli puliti, fateli cuocere a vapore oppure sbollentati. Poi tagliateli in pezzi grossi.

Tostate le mandorle in padella calda per qualche minuto, poi tritatele grossolanamente.

Mescolate tutto e riponete in frigo.

Servite con la salsina verde o semplice olio extra vergine di oliva.

Buona cena!

Seguimi su Facebook! Ti aspetto

Silvia

 

 

Insalata di miglio e verdure estive

Insalata di miglio e verdure estive


Questa insalata di miglio farà una concorrenza sleale alla classica insalata di riso! Sì, perché ve ne innamorerete! Ne sono sicura!

Ho cucinato tante volte questo cereale e devo dire che meglio di così non saprei!

C’è un po’ da “smatezzare” (faticare o impazzire in romagnolo 😂😂😁) ma vedrete che ne varrà la pena! Promesso! Le cose fatte in casa sono le migliori!

Ingredienti per 2/3 porzioni 

150 gr di miglio

1 melanzana piccola (o sottile)

6 patate novelle piccoline

1 avocado

1 pomodoro maturo

Un po’ di cipolla di Tropea

Un pugno di fagiolini

Basilico, sale, olio extravergine


Procedimento

Per prima cosa fate cuocere le patate novelle e i fagiolini (io ho tagliato in due le patatine, spuntato i fagiolini è tuffato tutto in acqua salata bollente X circa 10 min, ho verificato con una forchetta la cottura) scolate e poi fate raffreddare.

Ora fate cuocere il miglio in acqua bollente salata, poi scolatelo.

In una padella fate rosolare la polpa della melanzana tritata fine, con un pochino di cipolla poi aggiungete il miglio cotto, della paprika, origano e sale e fate rosolare per 5/6 minuti così sarà croccante.

Ora tagliate a piccoli cubetti il pomodoro, l’avocado e cipolla fine fine. Mescolate il tutto al miglio.

Trasferite in una ciotola e aggiungete patate e fagiolini a pezzetti.

Qualche fogliolina di basilico e se volete anche qualche oliva taggiasca!

Buon appetito! Fatemi sapere!

Vi aspetto su Facebook alla pagina di Eppur non c’è

Seguitemi ❤️

Silvia

 

 

Grano saraceno risottato con carciofi e cime di rapa

Grano saraceno risottato con carciofi e cime di rapa

granosaraceno2

Partiamo con la mia proposta n.1 per la #settimanasenzaprodottiglutenfree

Iniziamo con il grano saraceno. Che cos’è? Non è proprio un cereale ma quasi. E’ una pianta erbacea che produce questi semini di forma triangolare, hanno delle proprietà che molti di noi neanche immaginano! Dovremmo consumarne di più! E scommetto che lo farete dopo aver letto queste informazioni. Soprattutto per noi donne!

220px-Illustration_Fagopyrum_esculentum0

Fonte: Wikipedia

Il grano saraceno contiene un glucoside denominato rutina, un composto fitochimico che tonifica le pareti dei vasi capillari riducendo il rischio di emorragie nelle persone affette da ipertensione e migliorando la microcircolazione nelle persone con insufficienza venosa cronica.[17] Le foglie di grano saraceno essiccate da usare per infusione vengono commercializzate in Europa sotto il marchio “Fagorutin.”

Il grano saraceno contiene D-chiro-inositolo, un componente del sistema di messaggeri secondari per la trasduzione del segnale dell’insulinache si è riscontrato essere carente nel diabete di tipo II e nella sindrome dell’ovaio policistico (SOPC). Sono in corso studi sul suo uso nel trattamento del diabete di tipo II.[18] Ricerche sul D-chiro-inositolo e sulla SOPC hanno evidenziato risultati promettenti.[19][20]

Si è rilevato che una proteina del grano saraceno si lega saldamente al colesterolo. Sono in corso studi sul suo uso per ridurre il colesterolo plasmatico nei soggetti che presentano iperlipidemia.[21]

Detto questo, come cucinarlo? Come renderlo buono ed appetitoso?

E’ semplice, trattiamolo come se fosse del comune riso. Ha un sapore leggermente croccante ma non ha retrogusti particolari, si presta benissimo come companatico, come piatto principale (come ho detto, immaginatelo come riso) e potete utilizzarlo per fare buonissime crocchette con verdure e formaggio.

Oggi vi propongo questa versione risottata, semplice, velocissima, da usare un tegame e basta! Vi piacerà ne sono sicura!

 

Ingredienti per 4 persone

200 gr di grano saraceno

2 carciofi freschi

un mazzetto di cime di rapa

1 cipollotto di Tropea

sale e olio extra vergine di oliva

granosaraceno1

Procedimento

Pulite i carciofi, tagliate i gambi e puliteli, poi fateli a pezzettini, eliminate le foglie esterne e tagliate via le cime e poi a metà, eliminate la peluria, fateli a fettine sottili e metteteli a mollo in acqua e succo di limone.

Lavate le cime di rapa, non esagerate con la quantità, tagliateli a listarelle sottili.

Mettete un pentolino con acqua sul fuoco e portatelo a bollore. Salate leggermente.

Prendete un tegame e mettete un filo d’olio poi il cipollotto tritato e fate leggermente soffriggere, aggiungete i carciofi e salate, poi rosolate per qualche minuto, aggiungete le cime di rapa e fate appassire per qualche minuto, infine aggiungete il grano saraceno e coprite con acqua calda che avrete messo a bollire. Lasciate cuocere, non si attaccherà come il risotto. Se vedete che asciuga aggiungete poca acqua alla volta. Cuocerà circa in 18/20 minuti. Per cui verso la fine fate attenzione a non aggiungere molta acqua.

Fatelo riposare qualche minuto ed impiattate. Sta benissimo con qualche scaglia di Parmiggiano Reggiano se volete!

Spero che vi piaccia!!!!

Alla prossima ricetta!!!

Ciao

Silvia

 

Quinoa dal sapor mediterraneo

Quinoa dal sapor mediterraneo


Buongiorno a tutti! Dopo un weekend lungo di Pasqua passato (quasi) a tavola è tempo della remise en forme per l’avvicinarsi dell’estate!… Ora che tutte le feste sono passate arrivano i pasti leggeri e profumati d’estate. 
Non so voi ma io ho proprio voglia di mangiare cose fresche e l’idea dell’estate in arrivo mi fa pensare a mille insalate, pasti freddi, cose colorate.
La primavera è un ottimo momento intermedio per passare dalle cose pesanti ed elaborate dell’inverno a quelle fresche e verdurose croccanti dell’estate.

Oggi ho preparato una fantastica insalata di Quinoa, se così si può chiamare. La conoscete già? E’ un alimento dalle proprietà straordinarie. 
Proviene dal Sud America, sembra un cereale ma non lo è. Sono semi di una pianta che cresce ad altitudini dai 2800 ai 4000 metri. Viene coltivata da oltre 5000 anni sulle Ande e gli Inca la chiamavano “la madre di tutti i semi”.
Contiene molti minerali, ferro, magnesio, fosforo, ha tutti gli aminoacidi essenziali e la rendono una pianta più unica che rara. Ha tutte le carte in regola per essere considerata un super cibo.



Il piatto l’avevo notato in una puntata di Masterchef Australia, ma essendo stato fatto da un concorrente non ho la ricetta ma è bastato guardarla per poi intuire come farla. Ovviamente l’ho fatta a mio piacere.

Gli ingredienti sono tanti, ho già in testa mille versioni! Ma dato che siamo solo all’inizio di aprile direi che del tempo ne avrò in abbondanza!

Ingredrienti per 2/3 persone

80 gr quinoa bianca
80 gr quinoa rossa
50 gr ceci lessati
5 pomodori secchi sott’olio
4 pomodorini piccadilly
1 spicchio di aglio
1 cipollotto
oliver nere denocciolate
erbe aromatiche fresche – erba cipollina, origano, maggiorana, fiori di rosmarino, prezzemolo
olio EVO (extra vergine di oliva)
sale

Procedimento

Lavate e scolate la quinoa (passaggio necessario per eliminare la parte amara detta saponina).
Cuocetela in acqua abbondante e salata per circa 20 min. Scolatela bene e lasciatela raffreddare.
Se non l’avete mai cotta, deve risultare croccantina in bocca.
A parte fate rosolare uno spicchio di aglio con un po’ di olio e cuocete i ceci già lessati per circa 4 minuti. Aggiungete i  pomodori secchi tagliati a pezzettini, le olive nere tagliate a metà e fate cuocere circa 2 minuti, aggiustate con poco sale. Spegnete e lasciate raffreddare.
Lavate i pomodorini e tagliateli a dadini piccoli, lavate ed asciugate le erbe e tagliate, affettate il cipollotto e mettete tutto quanto nella ciotola con la quinoa raffreddata. 
Eliminate l’aglio dai ceci e versate tutto nella ciotola. Mescolate bene.
Metttete tutte le erbette aromatiche e decorate con qualche fiore di rosmarino.
Un filo d’olio prima di servire. 

Se volete potete aggiungere della feta sbriciolata con le mani, ci starà benissimo.

Buon appetito.

Silvia

I Love Gluten Free (FRI)DAY – Gluten Free Travel & Living