Triangoli croccanti ripieni di cime di rapa e patate

Triangoli croccanti ripieni di cime di rapa e patate

 

scrunch

 

Se state cercando un’idea facile e golosa per un aperitivo siete nel posto giusto!

Questi triangolini di pasta sfoglia ripiena sono ottimi per aperitivo, per un buffet ma anche semplicemente per cena!

Vi consiglio di preparare anche una salsa per intingerli, magari una semplice combinazione di yogurt greco, mescolato con erba cipollina tritata, o speziata leggermente con curcuma. Profumatela con spezie ed aromi!

Questa versione è con le cime di rapa, dal sapore leggermente amarognolo (che a me piace) può essere modificata a piacere, anche solo con dei semplici pomodorini tagliati a metà e cotti al posto delle cime di rapa.

Su Facebook ed Instagram molte di voi mi hanno espresso il loro disappunto sulle paste sfoglie in commercio, premetto che io non ho mai avuto “voglia” di farla in casa, sarà perché ultimamente i minuti a disposizione sono molto meno di qualche anno fa, quando stavo a casa con le bimbe, ora sono sempre a lavoro e la cucina subisce un pò di trascuratezza… Così se c’è qualcosa che può agevolarmi lo prendo in considerazione, proprio come la pasta sfoglia! Mi ha sempre dato l’idea di una ricetta faticosa da fare, e ho sempre avuto paura di non fare un buon lavoro… per cui che pasta sfoglia compra sia!

Io uso la Buitoni senza glutine, non mi sponsorizzano, vi dico solo la mia preferenza. Prima usavo quella Schar, poi ho preferito la Buitoni perché mi pare sfogli di più. Dovrei riprovare la Schar per capire se è stata migliorata la ricetta. Quella Buitoni è anche senza lattosio e senza uova, senza entrare in merito agli olio usati… Io la uso una tantum, ok? Ho imparato a scolare via l’olio che esce dalla pasta sfoglia, lo verso via mentre cuoce, così diventa croccante e non molliccia. Vedo dei buoni risultati! Spero sia così anche per voi!!!

 

seat

P.s. Questo bellissimo grembiule l’ho preso sull’e-shop di https://www.agipsyinthekitchen.com                                      ed è favoloso!!!!

 

Ingredienti per 8 triangoli

 

  • 2 rotoli di pasta sfoglia tonda senza glutine
  • 1 mazzetto di cime di rapa
  • 2 patate pasta gialla
  • 100 gr di formaggio fresco, filante (anche Galbanino va bene)
  • mandorle a lamelle e fiocchi di avena senza glutine per guarnire
  • 1 uovo per spennellare
  • olio, sale

 

IL SEGRETO PER NON BRUCIARE LE MANDORLE E’ PASSARLE SOTTO L’ACQUA PER QUALCHE SECONDO ED ASCIUGARLE CON POCA CARTA!

 

bite

 

Procedimento

  1. Prepara le verdure, pulisci le cime di rapa e tagliale grossolanamente, se ti piace il gusto amaro puoi usarle subito in padella, se vuoi alleggerire il sapore sbollentale per qualche minuto in acqua bollente e poi una volta scolate strizzale bene, saranno meno amare. Pela le patate e grattugiale con la grattugia foro grosso, poi trita un pò le cime di rapa con il coltello.
  2. Scalda un filo di olio in una padella e metti le patate a saltare, poi aggiungi le cime di rapa e aggiusta di sale, fai cuocere per circa 8/10 minuti. Metti in un piatto a raffreddare.
  3. Grattugia anche il formaggio e tieni da parte.
  4. Ora stendi la pasta sfoglia tonda e taglia in 4 parti uguali, poi prendi la farcia (puoi mescolare il formaggio al resto se si è già raffreddato) poi metti circa 1 cucchiaio abbondante per ogni quarto di pasta sfoglia. Piega la sfoglia chiudendoli a triangolo e sigilla i bordi per bene praticando una arricciatura.
  5. Sbatti l’uovo e spennella i triangoli poi cospargi di mandorle (bagnale sotto l’acqua corrente per qualche secondo ed asciugale, non si bruceranno) e di fiocchi di avena senza glutine!
  6. Ora inforna a 180° ventilato, su teglia bassa, distanziati e usa carta forno, a circa metà cottura, quindi dopo circa 8 minuti vedrai l’olio uscire attorno ai triangoli, cerca di versarlo via tutto rovesciando leggermente la leccarda, poi rimetti in forno a finire la cottura per altri 8 minuti circa!
  7. Sforna e fai raffreddare su una gratella!

Buon appetito!!!

Silvia

calzoni

Strudel salati alla zucca e cipolla caramellata al Sangiovese

Strudel salati alla zucca e cipolla caramellata al Sangiovese

Strudel Zucca 5

Lo so, questa volta il titolo è lunghissimo, ma vedete, quando andate nei ristoranti ormai non c’è più la tendenza (fortunatamente!) di trovare nei menù piatti tipo, che ne so, pasta della casa, spaghetti alla miserabile, e così via. Ora nel nome del piatto c’è già tutta la descrizione, o quasi. Utilissima per capire già se ci piace o no, ed io già mi oriento se ci potrebbe essere farina o meno… Ovviamente chiedo sempre e segnalo sempre! Guai mai! Anche perché io, non so voi, sono una avventrice di ristoranti non certificati. Questo perché, primo, sono celiaca da 30 anni e VI ASSICURO che col cavolo che c’erano ristoranti certificati molti anni fa, se sono sopravvissuta perché ora non continuare. Io chiedo sempre ad ogni ristorante se per loro è complicato o meno garantirmi l’assenza di glutine nei piatti. Sempre però considerando che corro il mio rischio. Me ne assumo la responsabilità, togliendola al ristoratore, pace e via. Per ora devo dire che, in 30 anni mi sono capitati 2 incidenti. In entrambi i casi i camerieri hanno invertito i piatti, in uno c’era una salsina sotto alla carne, l’altro sbagliato soufflé. Nel secondo caso mi hanno avvisata prima che assaggiassi. L’altro caso ho perso 4 kg in una settimana. Però ho avuto più incidenti in famiglia, ne conto 3. Alla lunga peggiori! Comunque li considero incidenti, grazie al cielo questa non è una allergia che dà shock anafilattico. Purtroppo conosco persone che hanno questo problema e penso a loro, che davvero rischiano con nulla. Tutto sommato a me, PERSONALMENTE, non mi ha mai causato gravi danni, quelle rare volte che ho ingerito porzioni da 1 boccone! Mai di più. Sono stata malissimo, lo giuro, so che capirete, il mio fisico si è ribellato, senza scendere nei dettagli, è pur sempre un blog di cucina. La perdita di peso instantanea mi ha ammazzato, mi ha tolto forze, lucidità, ho avuto dolori interminabili per lunghissimo tempo. Ricordo la prima volta ebbi crampi addominali per più di un mese. Comunque sia è tutto passato, faccio (quasi) regolarmente gli esami del sangue, questo mi dice quanto sono venuta a contatto con il glutine senza che me ne accorgessi. In generale non ho mai avuto livelli alti, neanche leggermente alti, qualche alterazione, a volte. Sono serena, vivo serena, mangio a casa più che posso, ma se mi va di entrare in un ristorante mi informo, chiedo, e mi adatto. Questo mi fa sentire più libera.

 

Torniamo alla ricetta!

Oggi vi propongo una ricetta autunnale, uno strudel salato ripieno di zucca cotta nel burro e rosmarino, cipolle caramellate e sfumate al Sangiovese, vino tipico e buonissimo della mia terra, la Romagna, e pasta sfoglia.

Consiglio:

Non ho mai fatto la pasta sfoglia in vita mia, ed ora più che mai, non ho tempo per farla quindi ho utilizzato la pasta sfoglia senza glutine Buitoni, l’ho già utilizzata per altre ricette e mi piace perché si gonfia per come me la immagino io quella con glutine. E’ vero, rilascia olio in cottura, me l’avete chiesto anche voi come mi trovato, in effetti lo fa. Io ho ovviato questo problema, che inzuppava la parte sottostante e lasciava molla la pasta, cuocendo in una teglia senza bordi e, a circa 3/4 di cottura e scolando l’olio che esce. Così si cuoce bene anche sotto, vedrete la differenza.

 

 

Strudel Zucca 4

Ingredienti

Per 1 strudel grande o due piccoli come foto ( 2/4 persone)

Tempo di preparazione 25 min + 35-40 min cottura

  • 1 rotolo di pasta sfoglia senza glutine (io Buitoni)
  • 150 gr di zucca
  • 1 patata
  • 150 gr di ricotta fresca
  • 1 cipolla rossa
  • 1 cucchiaio di zucchero di canna
  • 1 bicchiere di vino rosso
  • 1 rametto di rosmarino fresco
  • un pugno di mandorle con la pelle
  • sale, olio extra vergine di oliva
  • 1 cucchiaio di burro
  • 1 tuorlo (per spennellare)

 

 

Strudel da infornare

 

Procedimento

  1. Prepara il ripieno, taglia la zucca e la patata a cubetti grandi poco più di 1 cm.
  2. Metti su un pentolino con mezzo litro di acqua e porta a bollore, poi in padella metti un cucchiaio di burro, lascialo sciogliere a fuoco basso poi metti il rosmarino alza la fiamma e metti la zucca e patata a dadini e fai rosolare a fiamma viva per 2 minuti, metti sale.
  3. Sfuma la zucca con un pò del vino rosso e lascia asciugare, poi aggiungi acqua bollente fino a coprire la zucca e lascia cuocere, aggiungi acqua se serve e porta a cottura le verdure. Spegni e metti da parte in una ciotola a raffreddare. Togli il rosmarino.
  4. Affetta le cipolle, metti un pochino di olio e burro e fai sciogliere, poi alza la fiamma e metti le cipolle, falle rosolare bene per qualche minuto, aggiungi lo zucchero e fai sciogliere, poi sfuma con il vino rosso, circa mezzo bicchiere e lascia cuocere a fuoco medio per qualche minuto, quando solo lucide ed asciutte spegni ed aggiungi alla zucca e patata a raffreddare.
  5. In una ciotola metti la ricotta, le verdure (puoi schiacciare una parte per rendere il ripieno molto cremoso) e mescola fino a rendere omogeneo il ripieno. Aggiusta di sale.
  6. Accendi il forno statico a 170°, poi prendi il rotolo di pasta sfoglia, se vuoi fare uno strudel ricava un rettangolo grande dalla sfoglia, altrimenti per due taglia in due la sfoglia ed elimina i bordi arrotondati per ricavarne un rettangolo.
  7. Sbatti un tuorlo in una ciotola, prendi il ripieno e mettilo al centro dello strudel, lasciando un cm abbondante sia sopra che sotto e al centro, che copra circa 1/3 dello strudel.
  8. Con un cucchiaio stendi l’impasto poi incidi i lembi della sfoglia facendo dei tagli con la punta del coltello, obliqui, a distanza di 1 cm l’uno dall’altro, fino al fondo. Per chiuderlo si parte dal primo pezzetto in alto e si sovrappongono uno dopo l’atro da una parte all’altra, arrotola i lembi sopra e sotto e spennella con il tuorlo.
  9. Per una chiusura classica invece farcisci la sfoglia al centro, circa 1/3 dello spazio, poi chiudi prima un lato e spennella poi sovrapponi l’altro e chiudi bene sopra e sotto.
  10. Inforna in forno caldo a 170° statico e fai cuocere per circa 35/40 minuti (a seconda della grandezza che sceglierete), deve risultare dorato (se fate l’intreccio controllate bene che siano cotti i lembi sotto) e non troppo scuro. Ricordate di scolare l’olio come vi ho spiegato sopra!
  11. Sfornate e lasciate riposare anche solo 10 minuti prima di servire, sarà molto buono anche dopo 1 h.

 

Buon assaggio! E fatemi sapere come l’avete trovato!

Silvia

strudel zucca 2

Torta salata alla Zucca di Halloween

Torta salata alla Zucca di Halloween

 

UUUUAAAAHHHHHAHUUUUUUUUUUHHHHH

La Jack O’Lantern Cake!

 

Sono impazzita? No, adoro il tema di Halloween e mi piace scherzare con il cibo, ma solo per questa occasione! Qualche anno fa ci fu una vera e propria festa con tanto di adulti mascherati (unica volta che ho convinto tutti, poi siamo diventati genitori, grazie al cielo direi, così tutti noi grandi vestiamo i bimbi.. anche se io mi vesto lo stesso ahahahah), così, per quell’occasione mi ero sbizzarrita con un sacco di ricette trovate su internet, ovviamente tutte da siti americani, chi meglio di loro? E così via alle bruschette a forma di bara, al guacamole con la targhetta “vomito di cavallette”, ai bocconcini robiola, tonno e olive come se fossero bulbi oculari, e via dicendo. Non so se riesco a “riesumare” (qui ci sta bene) le foto di quella serata, ma credetemi, fu una cena davvero spaventoooooosaaaaa!!!

 

Il micio della mia amica Pamela e le zucche che abbiamo pulito per il laboratorio dei bimbi dell’anno scorso!

 

Quest’anno, per semplificare la vita a tutti, ho deciso di fare una torta salata.. ma come posso guarnirla? Facileeeee come se fosse una vera zucca! Eh!!!!  Buona e semplice da fare, con un poco di ingegno personalizzerete la vostra “Zucca di Halloween” a vostro piacere!

 

 

Ingredienti per stampo da 22/24 cm

Facile – tempo preparazione 45 min.

  • 2 rotoli di pasta sfoglia senza glutine, io ho scelto Buitoni
  • 200 gr di zucca fresca
  • 200 gr di bietole fresche
  • 400 gr di ricotta di mucca fresca
  • 2 cucchiai di pangrattato senza glutine
  • 100 gr di provola dolce o scamorza affettata fine (io ho trovato pratiche confezioni già a fette)
  • 100 gr di parmigiano
  • 2 cucchiai di burro di arachidi
  • sale, olio di oliva

 

Questa ricetta partecipa alla raccolta del Gluten Free Travel & Living per il #GFFD ovvero il Gluten Free (Fri)Day, clicca qui e aggiungi la tua ricetta, oppure sfoglia il nostro archivio!

Non l’ho volutamente spennellata con l’uovo (come solitamente si fa per la pasta sfoglia) altrimenti sarebbe diventata molto più scura!

 

 

Procedimento

  • Se hai zucca fresca allora taglia due belle fette spesse circa 3 cm, togli i semi e metti in forno con tanto di buccia, poi dopo 20 minuti spegni e falle raffreddare. Con un cucchiaio preleva la polpa cotta e metti da parte.
  • Nel frattempo che cuoce la zucca, lava le bietole e tagliale fini fini con il coltello poi passale in padella con un filo di olio, fai cuocere per 10 minuti, aggiusta di sale poi falle raffreddare e tieni da parte.
  • Prendi due ciotole e in una metti le bietole, i due cucchiai di pangrattato gf,  aggiungi metà ricotta, mescola bene con una forchetta schiacciando un pò la ricotta. Nell’altra ciotola metti la zucca, la ricotta ed il burro di arachidi, aggiusta di sale e poi mescola con una forchetta, schiacciando ed amalgamando tutto.
  • Ora stendi la sfoglia e posiziona il primo disco nella teglia, poi forala con una forchetta il fondo qua e là, e metti le bietole con ricotta, aiutati con il dorso di un cucchiaio e premi bene.
  • Prendi le fette di formaggio e mettile su tutta la superficie della torta salata
  • Poi metti la zucca e ricotta e schiaccia e livella sempre con il dorso di un cucchiaio.
  • Prendi l’altro disco di pasta sfoglia e srotolalo su di un piano, poi appoggia la teglia sopra ed incidi leggermente il bordo così potrai centrare il disegno (non tagliarla, mi raccomando). Fai il disegno che ti piace, io ho intagliato i due occhi, il naso e per la bocca fatto un’incisione lunga con tante piccoline verticali. Infine ho delicatamente inciso i bordi della zucca, poi con un ritaglio ho formato il picciolo. Ora prendi un matterello e aiutati a posizionare la sfoglia arrotolandola delicatamente, poi sigilla i bordi e taglia via la sfoglia in eccesso.
  • Fai cuocere in forno ventilato per 25 minuti e sforna! Lascia raffreddare un pochino prima di servire!

 

SPAVENTOSO HALLOWEEN A TUTTI VOI!!!

Los Tres Amigas (Grazie A Sole e Barbara per essersi prestate ahahahaha)

Io e la Pamela alla festa organizzata per Halloween 2016 (ammazza che paura che faccio ahahahahahah)

 

 

Torta salata agli asparagi verdi e bianchi

Torta salata agli asparagi verdi e bianchi

Questa torta salata è un trionfo di asparagi! Ho comprato un mazzetto di bianchi ed un mazzetto di verdi, non avevo ancora idea di come li avrei utilizzati e poi è nata questa torta salata, un cuore cremoso agli asparagi bianchi e guarnita con i meravigliosi asparagi verdi!

Amo gli asparagi ed appena arriva il loro periodo li preparo in mille maniere, risotto, condimenti per pasta, torte salate ma anche semplicissimi, cotti grigliati oppure, come ieri sera, cotti in padella, con un velo di olio, li ho coperti appena e li ho girati a metà cottura, in 5 minuti erano pronti. Un filo di olio ed il signor asparago, croccante e verde stupendo è servito! Da provare!!!

 

Prepariamo questa torta dal gusto con “l’ingrediente nascosto” di cui ancora non vi ho detto nulla! Sì perché ho aggiunto della scamorza affumicata che assolutamente non copre il gusto degli asparagi bianchi ma si fonde perfettamente e creano insieme un gusto fantastico! Provare per credere!!!

Ingredienti

Facile – Tempo di preparazione 1 ora

  • 1 rotolo di pasta sfoglia senza glutine
  • 1 mazzo di asparagi verdi
  • 4/5 asparagi bianchi
  • 1 piccola scamorza affumicata
  • 125 ml di panna fresca
  • 2 cucchiai di parmigiano grattugiato
  • sale, olio extravergine di oliva

 

 

 

Preparazione

 

  1. Pulisci e monda gli asparagi bianchi e verdi eliminando la parte dura del gambo, poi porta a bollore dell’acqua in una pentola dai bordi alti e fai bollire fino a cottura SOLO gli asparagi BIANCHI. Una volta cotti scolali e falli raffreddare.
  2. Taglia gli asparagi bianchi a pezzi e mettili in frullatore con la scamorza, la panna ed il parmigiano poi frulla finchè ottieni un composto liscio ed omogeneo.
  3. Accendi il forno a 180° ventilato.
  4. Srotola la pasta sfoglia già pronta e mettila nello stampo da torta salata poi versa il composto e livellalo con il dorso di un cucchiaio, ora prendi gli asparagi verdi puliti e disponili a raggiera sopra, per farla semplice io ho fatto prima la croce, poi da lì ho riempito i quarti facilmente, disponendo le punte in bella vista al centro della torta salata.
  5. Ripiega il bordo della sfoglia rimanente verso l’interno, sembrerà una galette francese, poi spennellala con un olio di oliva.
  6. Inforna e cuoci fino a doratura per circa 35/40 minuti (si gonfierà ed una volta sfornata subirà un piccolo calo, normale!)

 

Buon appetito!!!

 

Questa ricetta partecipa al #GFcalendar del Gluten Free Travel & Living, CLICCA QUI per partecipare anche tu con una ricetta con gli ingredienti del mese! Un’occasione per condividere la tua creatività!!!

 

Silvia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Torta salata con agretti

Torta salata con agretti

Sapete una cosa? Questi agretti mi piacciono proprio! Un po’ perché da vedere sono uguali all’erba alta e mi danno un senso di semplicità e perfezione, poi dall’altro perché hanno un sapore leggermente o vagamente acidulo ed una consistenza croccante! E quale modo potevo provare se non in una torta salata?

Veloce e rapida, con l’utilizzo di pasta sfoglia o Briseè già pronta si farà in un attimo, ecco quindi come vi suggerisco di provarla!

Ingredienti per stampo da 22 cm

Facilissima – tempo preparazione 45 minuti

  • 1 rotolo di pasta brisée o sfoglia (ho usato la brisèe ma preferisco la sfoglia, dico la verità)
  • 1 mazzetto di agretti freschi
  • 250 ml di panna fresca
  • 2 uova
  • 100 gr di ricotta
  • 3 cucchiai di parmigiano reggiano grattugiato
  • sale
  • curcuma

 

 

Procedimento

  1. Accendi il forno statico a 200° e posiziona la griglia nella parte bassa del forno.
  2. Pulisci gli agretti, non so se c’è un metodo tradizionale, non conoscendolo ho tagliato tutta la parte delle radici abbondantemente, poi li ho lavati molto bene sotto acqua corrente e poi lavati come insalata, quindi messi nella centrifuga per asciugarli.
  3. In una ciotola sbattete le uova con la panna, aggiungete la ricotta, la curcuma ed il sale (assaggiate ed aggiustate), stendete la pasta brisèe sopra alla teglia e foderatela per bene, poi ritagliate il bordo superfluo e versate il mix dentro lo stampo, sistemate i ciuffetti di agretti come più vi piace e mettete in forno a cuocere per circa 40 minuti. Se vedete che prende subito colore abbassate un pochino, oppure coprite con carta forno e sopra alluminio (così non sta a contatto diretto) e fate cuocere mezzora, poi togliete le carte e fate dorare per 10 min. Deve cuocersi bene sopra, io la prima volta non sono rimasta molto contenta, sotto era rimasta leggermente cruda (ma magari è stata solo colpa mia! però ci tengo ad avvisarvi).
  4. Quando sarà bella gonfia, dorata e soda allora sfornate.

 

COSA FARE CON I RITAGLI DI BRISEE? la pasta avanzata io l’ho leggermente stesa con il matterello, poi l’ho leggermente spennellata con olio e sopra un pochino di parmigiano reggiano, ho ritagliato dei triangoli e cotti in forno per 5/7 minuti, sono venuti dei croccantissimi crackers o chips, buonissimi, non sono riuscita a fotografarli perché sono andati a ruba!!!!!!!

Buon appetito!

Silvia

 

Torta salata Primavera

Torta salata Primavera

Non c’è una vera e propria regola per fare le torte salate a casa mia, credo di poter parlare a nome di molti di voi. Qual è la prima cosa che si fa con gli avanzi? Una torta salata!!!! Eh certo! È il suo bello! Ma se volete un suggerimento per una variante primaverile allora provate questa! Adorabile anche il giorno dopo, magari per un pranzo in ufficio. Oppure per un picnic, già tagliata a pezzi o in versione mini tortine, adorabili davvero.

Ho preso le verdure del momento, qualcuna appena comparsa sui banchi del mercato, altre che ci stanno per salutare. Un mix di sapori quasi al naturale, verdure croccanti ed un soffice ripieno cremoso!

Appena sotto queste verdure troverete un cuore cremoso fatto da una besciamella light e fettine di patate, un sapore buonissimo!

 

Ingredienti per stampo da 22/24 cm

  • 1 rotolo di pasta sfoglia senza glutine pronta
  • 500 ml di latte
  • 50 gr di olio o burro
  • 50 gr di amido di mais
  • 2 patate grandi
  • 5-6 foglie di cicoria catalogna
  • 1 carciofi
  • Qualche cima di broccolo romanesco
  • 5 asparagi
  • Sale, olio extravergine di oliva q.b.

 

 

Procedimento

  1. Per prima cosa prepara la besciamella, metti il burro o olio in un pentolino ed appena è sciolto aggiungi la farina e mescola molto bene, aggiungi il latte e noce moscata e mescola finché non si addensa, tieni da parte per farla raffreddare.
  2. Pela le patate e tagliale per il verso lungo a fette molto molto sottili.
  3. Lava ed asciuga le altre verdure, taglia  la parte dura del gambo degli asparagi e poi tagliali a metà per il lungo; prendi qualche cimetta di cavolo romanesco, pulisci il carciofo dalle foglie esterne, taglialo a metà e pulisci il cuore dalla peluria poi affettalo sottile.
  4. Ora srotola la pasta sfoglia e sistemala in una teglia con carta forno, metti due cucchiai di besciamella e spalmala poi aggiungi le patate, mettile tutte una vicino all’altra riempiendo il fondo, aggiungi tutta l’altra besciamella e spalmala per bene. Adesso sistema tutte le verdure sopra, spingendole un pochino nella besciamella.
  5. Cuoci in forno preriscaldato a 180º ventilato per circa 15 minuti coprendo la torta salata con foglio di carta forno e sopra alluminio (mai a contatto con alimenti! Se non sapete documentatevi o leggete semplicemente le istruzioni sul rotolo!) poi togliete la carta e fate cuocere per 5 minuti. Se tutto è ben dorato allora è pronta!
  6. Sfornate e gustate!

 

La ricetta partecipa al GFFD del Gluten Free Travel & Living! Cliccate qui per sapere di più