Vellutata di funghi e patate dolci

cremapatatadolce

Quando arriva il freddo dell’inverno adoro preparare le Vellutate, morbide e cremose, senza aggiunta di latte. Leggere e delicate, per non stravolgere il gusto dell’ingrediente principale.

Solitamente le vellutate partono da una base di grassi, vengono addensate con amidi e cotte con aggiunta di latte, questo non fa per me, preferisco la cremosità della super concentrazione di verdure all’interno della vellutata, per sentirne gusto e leggerezza.

Al mercato ho trovato delle patate dolci ed ero curiosa di provarle in una vellutata per me hanno un sapore buonissimo, sono relativamente dolci, legnose, ricche di fibre, regalano un gusto quasi di castagna. Ma se proprio non vi piacciono potete usare altre patate, vi suggerisco di usare un tipo farinoso, tipo quelle di montagna.

LE PATATE DOLCI HANNO MOLTE PROPRIETA’ BENEFICHE! AIUTANO IL SISTEMA CARDIOVASCOLARE, CONTENGONO VITAMINA D ED HANNO UN BASSO INDICE GLICEMICO

Ho notato che servire la vellutata così come viene può lasciare i commensali non troppo incuriositi dalla pietanza, per cui vi consiglio di servire sempre le vostre cremose vellutate con qualcosa di croccante, come crostini di pane (senza glutine) o frutta secca leggermente tostata, oppure qualcosa di contrasto (yogurt fresco o olio aromatizzato che stia bene nella vellutata). Qualche tocco di verde e la vostra vellutata prenderà subito l’aspetto elegante che merita!!!

Ingredienti per 4 persone

tempo di preparazione 30 min. Facile

  • 10 funghi Champinons + 2 da guarnire
  • 2 patate dolci (o patate farinose)
  • 1 cipolla bianca
  • timo q.b.
  • sale
  • olio extravergine di oliva
  • acqua q.b. ( circa 600 ml)
  • 50 gr nocciole

cremapatatafunghi

Preparazione

  1. Pulisci i funghi Champinons e tieni un paio da parte interi, gli altri tagliali grossolanamente e tieni da parte. Pela le patate dolci e taglia a cubetti grossolani e tieni da parte coi funghi.
  2. Trita grossolanamente mezza cipolla bianca e mettila a rosolare a fuoco medio in un tegame dai bordi alti assieme a due cucchiai di olio evo. Fai appassire poi aggiungi i funghi e le patate dolci a cubetti e fai rosolare per qualche minuto mescolando.
  3. Aggiungi l’acqua, circa 600 ml, regolati con l’altezza, deve coprire abbondantemente le verdure, di almeno due dita. Aggiungi sale ed un pochino di timo, poi tieni a fuoco vivace per 10 min e porta a bollore, metti a fuoco medio e fai cuocere finche le patate non saranno perfettamente morbide.
  4. Una volta cotta, ti consiglio di prelevare un pò di brodo (circa la metà) e tenerlo da parte, per regolare la cremosità mentre frulli, così potrai raggiungere la consistenza cremosa che più ti piace. Quindi tolto il brodo, frulla e se vedi che è troppo densa aggiungi poco alla volta il brodo tenuto da parte.
  5. Prendi i funghi che avevi tenuto da parte e tagliali a fettine, falli rosolare in padella con un pizzico di sale e pepe,  quando sono belli dorati e croccanti usali sopra la vellutata per guarnire, assieme alle nocciole, tagliate a metà e tostale per qualche minuto in padella dopo averle tagliate a metà.

Potete conservare la vellutata un paio di giorni in frigorifero con contenitore ermetico oppure congelarla!

cremabis

Fisksoppa – zuppa di pesce norvegese

Fisksoppa – zuppa di pesce norvegese

 

La Fisksoppa è un piatto tipico della Scandinavia, è conosciuto in tutto il Nord Europa e viene rivisitato in ognuno dei Paesi Scandinavi, paese che vai, versione che trovi. Questa è la versione norvegese, non così distante dalle altre direi…

Cos’è la Fisksoppa? Una zuppa di Pesce dei pescatori, calda, confortevole, ricca. Pensate ai paesi nordici, freddo, freddissimo. I pescatori che stanno fuori casa tantissime ore, inzuppati d’acqua salata, le mani congelate dal vento sulle barche, cosa c’è di meglio di una buona zuppa ricca e corposa al rientro? Le donne norvegesi lo sanno bene e la loro ricetta è davvero strepitosa, per quanto semplice sia.

Risulta delicata, non pesante come credevo nonostante ci vada la panna, il piatto. è bilanciato e per nulla banale. Da provare assolutamente!

Potete fare già le vostre varianti, cambiando il pesce, infatti è noto che venga fatto con il pescato del giorno, per cui varia sempre, si può arricchire con molluschi e crostacei, una volta fatta la base potete mettere ciò che più vi piace ed il gusto cambierà!

Sono stata in Norvegia l’anno scorso e il 1° luglio del 2017 ero proprio alle Lofoten, un piccolo arcipelago ai confini del Circolo Polare Artico, un vero paradiso. Vi lascio qualche foto del mio viaggio!

 

 

La Fisksoppa si può preparare in anticipo e gustare con calma! 

Potete aggiungere molluschi e crostacei!

Diventerà ancora più saporita!

 

 

“Questa ricetta è stata realizzata per il libro di cucinaMancina “Mangiare bene, dormire meglio – idee, consigli e ricette della buonanotte” edito da Gribaudo/Feltrinelli.

Per scoprire le altre ricette della buonanotte e tutti gli ingredienti amici del sonno, ordina la tua copia qui: https://www.feltrinellieditore.it/opera/opera/mangiare-bene–dormire-meglio/  “

BANNER_cucinamancina_250x291px_MID

 

Ingredienti per 4/6 persone

  • 2 code di rospo
  • 250 g di merluzzo
  • 2 patate
  • 2 carote
  • 1 gambo di sedano
  • 1 cipolla
  • 2 dl di panna
  • 1 bicchiere di latte
  • 6 dl di brodo vegetale (nella ricetta originale c’è brodo di pesce, ma se non lo avete andrà bene il vegetale)
  • 4 cucchiai di olio extra vergine d’oliva
  • sale
  •  qualche ciuffetto di aneto fresco

 

Procedimento

  1. Per farla in maniera davvero veloce, preparate il brodo vegetale (con dado vegetale o qualche scarto di verdura).
  2. Pulite le carote, le patate ed il sedano, sbucciate la cipolla e mettete tutto nel mixer (io ho tenuto da parte metà patata per fare pezzi più grandi) e frullate tutto,  fino a farle piccole sminuzzate, non eccessivamente piccole.
  3. Mettete le verdure in un tegame dai bordi alti assieme ai cucchiai di olio e fate soffriggere per qualche minuto, poi versate la panna il latte e tutto il brodo vegetale, fate cuocere a fuoco medio per una 15 di minuti. Salate.
  4. Tagliate il pesce a pezzetti e mettetelo nella pentola, aggiungete l’aneto tritato al coltello e fate cuocere per circa 10-12 minuti a fuoco medio.

 

La zuppa è pronta! Potete servirla in ciotole accompagnate da pane croccante, loro utilizzano un pane piatto, vi suggerirei della piadina ben croccante, altrimenti provate a fare il Flatbrød, il loro tipico pane!

Buon appetito!

Ciao

Silvia

 

 

Crema di carote viola e pastinaca

Crema di carote viola e pastinaca

 

 

Avete mai visto quante carote esistono? Ogni tanto ne scopro una nuova! Che meraviglia la natura. Al mercato mi sono imbattuta in splendide carote viola e, come sempre, mi sono fatta affascinare dal loro colore, quindi, per assaporarle al meglio, ho voluto fare qualcosa di semplice che facesse parlare il loro gusto. Inoltre ho trovato della pastinaca, o carota bianca, dolce ma dalla consistenza più asciutta, quasi farinosa, ideale per un purè, una crema da accompagnare pesci e carni, oppure da aggiungere a questa vellutata.

Il gusto è diverso dalle carote comuni, normalmente una vellutata di carote mi stomaca, ma questa no! Quindi facciamo il pieno di fibre e via!

 

ingredienti per 4 persone

Facile – tempo preparazione 25 min.

  • 1 mazzo di carote viola (8/10)
  • 2 pastinache (o carote bianche)
  • 1 cipolla
  • olio, sale
  • rosmarino fresco
  • yogurt greco
  • curcuma

“Questa ricetta è stata realizzata per il libro di cucinaMancina “Mangiare bene, dormire meglio – idee, consigli e ricette della buonanotte” edito da Gribaudo/Feltrinelli.

Per scoprire le altre ricette della buonanotte e tutti gli ingredienti amici del sonno, ordina la tua copia qui: https://www.feltrinellieditore.it/opera/opera/mangiare-bene–dormire-meglio/  “

 

BANNER_cucinamancina_250x291px_MID

 

 

Procedimento

  1. Lava e sbuccia le carote viola e la pastinaca, poi fai dei pezzetti grossolani, mettili in un tegame con un pochino di olio, cipolla, un pizzico di curcuma ed un rametto di rosmarino poi copri con abbondante acqua. Aggiungi un po’ di sale e porta ad ebollizione, fai cuocere per circa 15 minuti.
  2. Togli il rametto del rosmarino poi togli quasi tutto il brodo che si è formato e tienilo da parte, prendi il frullatore ad immersione e frulla le carote, aggiusta la densità aggiungendo il brodo man mano che frulli.
  3. Servi con un cucchiaio di yogurt greco e qualche crostino senza glutine.

 

Alla vostra salute!

Silvia

Zuppa fusion di bietole piccanti e spaghettini

Zuppa fusion di bietole piccanti e spaghettini

Zuppa fusion di bietole piccanti e spaghetti • eppurnonce.com

Avete bisogno di cibo pratico, veloce, sano e soprattutto gustoso? Ecco un’altra proposta per rimanere in leggerezza ma con tanto sapore!  Poco sale, tante spezie ed un gusto fusion tra cucina di mia nonna, quindi il mio comfort food e la cucina asiatica.

Mia nonna l’ha sempre fatta in maniera semplice, senza spezie, senza lime, solo spaghetti rotti, bietole e pomodoro cotto a parte. L’ho mangiata fin da piccola, e dopo 38 anni ancora ne vado matta. Non so come mai, visto che le verdure qui in casa non sono proprio apprezzate dalle mie figlie, ma questa zuppa piace molto anche a loro, ed io dico… DNA!!!! Gliel’ho tramandata nei geni!!!! Unica spiegazione plausibile che riesco a darmi!!!! Nonna cara, spero tu possa non rivoltarti nella tomba vedendo cosa ho fatto alla pasta con la verdura, come la chiamavi tu! In ogni caso la versione classica è e rimarrà per sempre la mia preferita! Vincenzina docet!!

Ingredienti per 4 persone 

Facile • preparazione 30 minuti

  • 1 mazzo di bietole miste (rosse, gialle, ma anche le verdi vanno benissimo)
  • 1 cipolla
  • 1 lime
  • Polpa di pomodoro circa 250 gr (in inverno va bene anche confezionata)
  • Olio evo, sale
  • 200 gr di spaghetti (senza glutine)
  • Curcuma, peperoncino fresco
  • 1 cipollotto con tutto il gambo verde
  • 1 lime

Zuppa fusion di bietole piccanti e spaghetti • eppurnonce.com

Procedimento

  1. Prepara il pomodoro, metti in una pentolina un pochino di cipolla tagliata fine poi olio, rosola e versa la polpa di pomodoro con un goccio d’acqua e sale. Fai cuocere a fuoco medio per 15 minuti mescolando di tanto in tanto.
  2. Lava le bietole e taglia a pezzettini piccoli foglia e gambo. Metti sul fuoco una pentola piena a 3/4 con acqua e porta a bollore, quando è a temperatura sala e versa le bietole.
  3. Spezza gli spaghetti a piccoli pezzettini ed aggiungi alle bietole non appena l’acqua bolle nuovamente. Aggiungi un pochino di curcuma e peperoncino.Cuoci finché non saranno cotti gli spaghetti. A fine cottura, se vedi che è troppo liquida scola via un po’ d’acqua. Poi aggiungi il succo di mezzo lime, molto pomodoro e mescola.
  4. Servi aggiungendo del gambo verde di cipollotto fresco e un pochino di pomodoro! Volendo anche peperoncino fresco che fa benissimo!

Buona degustazione!

Silvia

Vellutata di Carote e Pomodorini secchi

Vellutata di Carote e Pomodorini secchi

Vellutata di Carote e Pomodorini secchi • eppurnonce.com

Come sono buone le creme, zuppe, le vellutate! Sì ma pur che riempiano i pancini! E questa, se accompagnata da una fetta di pane o un po’ di pseudo cereali come quinoa o amaranto diventa un pasto completo.

Facciamo il pieno di Vitamina C e licopene con questa ricetta, carote e pomodori secchi sono indispensabili per superare bene le avversità del freddo inverno. Contengono vitamine, molti sali minerali (i pomodori secchi sono più concentrati quindi rapporto peso e sali minerali sarà più alto) proprietà anticancro, benefici per il cuore.. chi più ne ha, più ne metta. E poi è buona!

Questa crema, se lasciata molto densa, può essere usata per condire la pasta dei vostri bimbi! Con le mie ci sono riuscita!!!

Vellutata di Carote e Pomodorini secchi • eppurnonce.com

Ingredienti per 4 persone

Facilissima • tempo preparazione 25 min

  • 10 carote
  • 3 patate
  • 3 pugni di pomodorini secchi
  • 1 cipollotto di Tropea
  • Olio evo a fine cottura
  • Sale, un pizzico
  • Origano, curcuma

Procedimento

  1. Lava e monda le patate e carote, poi penale e fai dei cubetti circa della stessa misura
  2. Metti in pentola con il cipollotto a pezzi, le spezie, i pomodorini, poi copri con abbondante acqua e metti un pizzico di sale.
  3. Fai cuocere per circa 20 minuti, prova con la forchetta a vedere quando patate e carote sono tenere poi spegni.
  4. Se è troppo liquido metti via il brodo per 3/4 e tienilo da parte, poi frulla ad immersione finché non sarà omogenea.
  5. Servi calda con crostini, oppure mandorle tostate ed un po’ di rosmarino fresco ed un filo di olio evo a crudo.

Buona coccola a tutti!

Silvia

Vellutata di Carote e Pomodorini secchi • eppurnonce.com

Crema di peperoni gialli con menta, lime e yogurt greco 

Crema di peperoni gialli con menta, lime e yogurt greco 

Se assaggio un cucchiaio di questa crema con gli occhi chiusi mi viene in mente il Messico, l’estate, i mojito bevuti anni fa sulla spiaggia. Mi ricorda tante cose belle. Il sole che brucia sulla pelle. Quello caldo. Quello che ti fa felice. Quello che fa maturare i pomodori e che si riempie di colori dopo un temporale, brillando accanto ad un arcobaleno. Un campo pieno di girasoli.

Il sole. È quello che racchiudo in questo piatto facile, ricco di vitamine, fresco e soprattutto molto vivace nel gusto.

Provate ad assaggiarlo anche voi ad occhi chiusi… Cosa vi fa venire in mente?

Per prepararlo servono pochi ingredienti e poco tempo ma vi consiglio di farlo in anticipo e farlo raffreddare a temperatura ambiente prima di gustarlo per catturare ogni sapore.

Ingredienti per 4 persone

3 peperoni gialli

1/2 cipolla di Tropea

Yogurt greco

Menta fresca, succo di lime fresco

Olio extravergine di oliva
Procedimento

Lavate i peperoni e metteteli sopra una placca da forno rivestita di carta forno e fateli cuocere interi, con appena un filo d’olio per circa 20 min a 170º. Sfornateli, fateli raffreddare, tirate via il picciolo e svuotate i semi, la pelle dovrebbe venire via intera.

In un frullatore mettete la polpa del peperone, mezza cipolla di Tropea (dose a vostro piacere, potete anche cuocerla la cipolla se preferite, o, per fare un gusto meno forte, tagliate la cipolla a fette e mettetela a bagno in acqua leggermente salata per 10 minuti. Poi sgocciolatela e strizzatela). Aggiungete a crudo qualche fogliolina di menta e succo di lime. Aggiungete poco lime e menta alla volta ed aggiustate di sale.

Per servire, versate la crema in un piatto, aggiungete qualche fogliolina di menta ed un filo d’olio e, per finire, due cucchiaini di yogurt greco.

Potete accompagnarla con gamberi o pesce scottato alla griglia, crostini o nachos di mais.

Buona estate a tutti!