Crostata mascarpone, cioccolato e mandorle

Crostata mascarpone, cioccolato e mandorle

Questa è la stessa crostata che vi avevo proposto questa estate, ha fatto il giro del web grazie anche all’articolo di Maria Chiara di Baci di Dama Glutenfree

Poi, un sabato uggioso… la voglia e l’indecisione tra questa crostata e la mousse al cioccolato e mascarpone. Così ho unito le ricette e chi si è visto si è visto! E ho fatto benissimo!!!!!!! È venuta fuori una torta BOMBA degna di nota!!!

Per cui eccola qua! Stessa ricetta, solo tanto cacao e cioccolata in più!

L’aspetto è diverso, questa volta l’ho coperta con la frolla e l’ho cotta una volta unica.

L’originale la trovate QUI

Torniamo a noi!


Ingredienti X stampo da 20/22 cm

Facile•tempo preparazione 1h

Per la frolla:

  • 200 gr di mix dolci e 50 gr di farina di riso
  • 180 gr di zucchero,
  • 120 gr di burro,
  •  2 uova.
  • Pizzico di sale

Per la crema:

  • 250 gr di mascarpone fresco,
  • 1 uovo,
  • 4 cucchiai di farina di mandorle,
  • 80 gr di zucchero
  • 50 gr di cacao amaro
  • 70/100 gr di cioccolato fondente a pezzettoni
  • Pizzico di sale

Procedimento

  • Prepara la frolla, burro freddo a pezzetti sbriciolato con la farina, poi aggiungi zucchero, le uova e sale. Impasta velocemente, forma una palla e metti in frigo per almeno mezz’ora.
  • Nel frattempo prepara la crema: Monta il mascarpone con l’uovo, lo zucchero poi aggiungete la farina di mandorle ed il cacao setacciato ed il pizzico di sale.
  • Stendi la frolla e fodera uno stampo, fora il fondo con una forchetta poi Spalma la crema e aggiungi i pezzi di cioccolata sopra.
  • Stendi l’altra frolla avanzata e copri la crostata sigillando i bordi.
  • Inforna a 170º  statico per 40 min.
  • Controllate che la frolla abbia un bel colore e sarà pronta!
  • Fatela raffreddare a temperatura ambiente per almeno 4h prima di servirla.

Buona merenda!!!

Silvia

Torta di mele e more {con frolla alle castagne}

Torta di mele e more {con frolla alle castagne}

La torta di mele è sicuramente un dolce presente in tutti i ricettari di famiglia. Cosa c’è di più buono di una fetta di torta di mele? Quella di casa, ogni volta che si mangia ricorda inevitabilmente il passato. Per me la ricetta più buona è quella di mia nonna, che presto scriverò, mi ricorda quando ero bambina, quando bastava sentire l’odore di burro fuso con la buccia grattugiata di limone e sapevo già che la mia nonna la stava per preparare. Allora mi mettevo di fianco a lei, la aiutavo a tagliare le mele, poi pesavo tutto ed insieme mescolavano. Che bei ricordi.

La torta che ho preparato questa volta invece non ha storia, ho voluto fare una mia versione, magari tra 40 anni la preparerò alle mie nipoti! Cosa ha di diverso? La frolla è fatta per metà con farina di castagne, le mele sono marinate con limone e vaniglia, e sotto alle mele ho messo una composta di more fatta al momento. L’abbinamento esalta tutti i sapori e si sposano benissimo, dando a questa torta una variante profumata e super autunnale.

Ingredienti {stampo da 22cm}

125 gr farina (mix X dolci)

125 gr farina di castagne

180 gr di burro

100 gr di zucchero di canna

100 gr di zucchero a velo

2 uova

Un pizzico di sale

3 mele Golden (bio possibilmente)

1 bacca di vaniglia

Succo di 1 limone

1 cestino di more

1 cucchiaio di maizena

2 cucchiai di zucchero di canna

 

Procedimento

Per preparare la frolla impastate le farine con il burro freddo a pezzetti, sbriciolate e rendete il composto sabbioso, aggiungete zucchero e uova, un pizzico di sale ed impastate velocemente. Formate una palla e mettetela in frigo per mezz’ora.

Nel frattempo lavate le mele e tagliatele a fettine (io ho lasciato la buccia) e mettete a marinare con il succo di limone, 1 cucchiaio di zucchero e l’interno della bacca di vaniglia.

A parte, lavate le more e mettetele in un pentolino con un goccio di acqua, la maizena e 2 cucchiai di zucchero, fate cuocere a fuoco medio per circa 10 minuti. Lasciare raffreddare.

Ora prendete la frolla e stendetela. Foderate il fondo di uno stampo, tiratela con la forchetta qua e la, poi versare le more cotte e guarnite con le fettine di mele.

Fate cuocere a 180º in forno preriscaldato per circa 35 minuti.

Sfornate e lasciate riposare nello stampo per circa 30 min prima di spostarla

Buona merenda!

Silvia

 

Torta della nonna

Torta della nonna

Non avevo mai provato questa deliziosa torta semplice di ingredienti e di gusto. Una cosa è certa… E’ più semplice di quello che si pensa. In effetti mi ha sempre fermato l’idea che fosse (chissà perché..) troppo laboriosa, invece (e comunque di cose laboriose ne faccio, ma vai tu a sapere!) e una torta semplice di pasta frolla e crema pasticciera, per cui se sapete fare entrambe le cose siete prontissimi anche voi! Guai a fermarsi alle apparenze. Anche per il cibo!

Vorrei davvero farvi sentire il suo profumo perché è speciale. La frutta secca poi, cotta in forno, emana per casa gli aromi degli oli essenziali contenuti nel loro interno, per cui questi pinoli daranno un odore buonissimo alla vostra cucina, meglio ancora se ci saranno ospiti in arrivo! Avranno l’acquolina in bocca!!!

Una fetta è ideale come fine pasto… Con un bicchiere di vino dolce..

DSC_4754

Ingredienti per una tortiera da 20/22 cm

Per la frolla:

500 gr di farina senza glutine (io mix dolci Nutrifree), 250 gr di burro, 250 gr di zucchero, 2 uova, un pizzico di sale.

Per la crema pasticciera con latte ristretto, da fare in anticipo:

1 litro ml di latte intero ***, 100 gr di zucchero, 40 gr di amido di mais, 4 tuorli, 1 bacca di vaniglia.

(*** per la normale crema va usato 500 ml di latte, io lo faccio ridurre per avere un sapore più intenso)

pinoli, zucchero a velo senza glutine

DSC_4755

Procedimento

Mettete in una ciotola la farina ed il burro freddo di frigo ed iniziate a sbriciolarlo con le mani, sfregando farina e burro nei palmi, aggiungete lo zucchero, dovrete avere un composto simile a sabbia. Aggiungete le uova ed il pizzico di sale, amalgamate bene, formate due panetti  omogenei di uguali dimensioni e poi metteteli in frigo per circa 1 ora.

Mettete in una pentola un litro di latte ed una stecca di vaniglia aperta, dopo averla incisa e tirato via i semi. Fate sobbollire piano per circa 40 minuti, il latte si deve ridurre di volume, senza mai bollire. Se fa la patina tiratela via. Aggiungete i semi di vaniglia e fate sobbollire per circa 10 min. A parte, sbattete i 4 tuorli con lo zucchero fino a fare un composto chiaro, aggiungete l’amido di mais setacciato e poi incorporate qualche cucchiaio di latte. Mettete 500 ml di latte ristretto, senza la bacca di vaniglia,  in un pentolino e aggiungete il composto di crema, mescolate e fate rapprendere. A cottura ultimata versate in una ciotola e coprite subito con pellicola trasparente appoggiandola sulla crema, così non si formerà la crosticina. Fate raffreddare bene. Io per velocizzare l’ho messa a bagno in acqua fredda.

Quando la crema sarà fredda tirate fuori la pasta frolla dal frigo e lavoratela tra due fogli di carta forno fino ad uno spessore di 3/4 mm. Formate il disco da appoggiare alla tortiera, io ho trovato una con fondo estraibile, se avete quelle a cerniera vanno bene, per stampi classici dovrete mettere carta forno ben aderente, sarà un po’ difficoltoso tirarla fuori.

Mettete il primo disco di pasta sul fondo della tortiera e coprite i bordi, tagliate l’eccesso, bucherellatela con una forchetta, poi versate la crema pasticciera fredda, mettendone un pochino di più al centro, così non farà nessun avvallamento in cottura. Tirate altro panetto fuori dal frigo e stendetelo formando un disco da appoggiare sopra alla torta, spessore sempre di 3/4 mm. Appoggiatelo e fate aderire bene i bordi, poi con una forchetta schiacciate bene intorno.

Spennelate la superficie con un albume leggermente sbattuto, oppure un goccio di latte. Mettete i pinoli facendo un pochino di pressione in modo che non scappino.

Cuocete in forno preriscaldato a 180° per circa 50 minuti.

Sfornatela e lasciate raffreddare bene nello stampo.

Per la versione mini Cake usate la stessa dose e stendete la pasta. Stendetela dello spessore di 5 mm, fate 24 dischetti, foderate ogni stampo con un disco di pasta frolla premete leggermente per farlo aderire poi farcite e sigillate. Fate cuocere in forno per 25 minuti e sfornate. Lasciate raffreddare bene prima di estrarre rovesciando leggermente e molto lentamente lo stampo.

Servite con una spolverata di zucchero a velo!!!

Ciao Silvia

DSC_4759

Crostata ai frutti di bosco caldi

Crostata ai frutti di bosco caldi

crostata ai frutti rossi

Ieri pioveva, era un preludio di autunno, sulle finestre scorrevano veloci le gocce d’acqua ed in casa era quasi freddo. Quasi… Ok, ogni scusa è buona per farmi accendere il forno. Ma ieri è stato proprio piacevole. Poi la crostata è un comfort food che ti scalda sempre l’anima, oltre che alla pancia.

Ho trovato questa ricetta sul web e non potevo non provarla immediatamente… avevo giusto comprato una piccola cestina mista di frutti di bosco freschissimi e anche loro reclamavano la crostata! Accontentati!

Scusate le foto frettolose ma la crostata è stata fatta e mangiata!!! Il suo profumo era così delizioso che non abbiamo potuto resistere. Soprattutto per quel fantastico ripieno ancora caldo che si scioglieva in bocca!

Per cui non perdo altro tempo a dirvi quanto era buona, la dovete provare subito!!!! Fidatevi!!!

Io ho usato uno stampo da 30cm e queste sono le dosi. Se vi avanza pasta frolla potete sempre fare dolcissimi biscotti per la colazione! Oppure congelarla. Sarà comodo e tornerà come appena fatta.

Ingredienti

500 gr di Farina (io Biaglut)

250 gr di zucchero semolato

250 gr di burro

2 uova

1 bacca di vaniglia

Per il ripieno

600 gr di frutti di bosco freschi

150 gr di zucchero

35 gr di maizena

20 gr di burro

1 cucchiaio di succo di limone

2 cucchiai di marmellata di lamponi

2 gr di sale

Procedimento

In una ciotola mettete la farina setaccia ed il burro a pezzettini, poi con le mani dovete rendere il composto sabbioso, quindi con le dita sbriciolate i pezzetti di burro con la farina. Aggiungete lo zucchero e i semi di una bacca di vaniglia (apritela in due e raschiate con un coltello i semi). Mettete le uova ed impastate bene, aiutatevi con il palmo. Trasferite su di una spianatoia infarinata, formate una palla omogenea e mettete in frigo per un’ora.

Nel frattempo preparate il ripieno, lavate i frutti di bosco poi metteteli in una ciotola con il burro fuso, la maizena, la marmellata, lo zucchero ed il succo di limone ed il pizzico di sale. Mescolate delicatamente per non rompere i frutti. Tenete da parte.

Prendete l’impasto e suddivitetelo in due panetti. Uno lasciatelo in frigo. L’altro mettetelo tra due fogli di carta forno e stendetelo con il mattarello fino allo spessore di circa 4 mm, stendetelo sopra alla teglia. Versate il composto di frutti e livellatelo. Appoggiate in frigo la teglia e prendete l’altro panetto di impasto. Stendetelo anche questo con l’aiuto di carta forno e matterello, se volete potete fare dei fori con gli stampini che preferite. L’impasto ritagliato servirà per la decorazione.

Coprite la crostata con l’altro strato di impasto e sigillatelo ai bordi, finite la decorazione e cuocete in forno preriscaldato statico a 180° per circa 45-50 minuti. Deve essere dorata.

Aspettate un po’ prima di mangiarla… se ci riuscite!!!!!

crostata ai frutti rossi

Buona domenica a tutti!

Silvia

Crostata fresca ai fichi con panna alla lavanda. Ricordi di Provenza

Crostata fresca ai fichi con panna alla lavanda. Ricordi di Provenza


Buongiorno a tutti!!! Si ricomincia a cucinare dopo una settimana di ferie…

Il caldo in questi giorni è pazzesco da queste parti, ma non importa, accendo il forno lo stesso!

Sono stata una settimana tra Costa Azzurra e Provenza e non avendo potuto assaggiare tante cose mi sono rassegnata e limitata ad apprezzare i profumi di baguette appena sfornata, per non parlare dell’incessante odore paradisiaco di brioches ovunque. La tregua l’ho avuta solo in Alta Provenza dove per chilometri e chilometri la lavanda ha reso il mio pomeriggio indimenticabile.

Guidare in qualche stradina sperduta (grazie ad una impostazione messa per caso sul navigatore) e non incontrare neanche una macchina, tenere il finestrino abbassato e respirare il profumo dei fiori di lavanda. Guidare con un sole in via di tramonto davanti, ma che fa ancora brillare girasoli e campi dorati di grano. Tutto ciò è il Plateau di Valensole. Il regno della Lavanda per eccellenza. Un sogno nel cassetto che si è realizzato.


Tornata a casa ho voluto usare questi fiorellini profumatissimi per ricordare il viaggio in Provenza e Costa Azzurra. Li ho abbinati ad una crostata con fichi freschi, créme fraiche presa in Francia.

Spero vi piaccia, se la farete vi gusterete un pezzetto di Provenza.


Ingredienti


Pasta frolla (clicca qui)
125 ml di panna fresca
2 cucchiai di créme fraiche (oppure 1 di mascarpone + 1 cucchiaio di yogurt)
1 cucchiaio di fiori secchi di lavanda (li trovate in erboristeria)
1 cucchiaino di miele
1 cucchiaio di zucchero
succo di 1 lime

per guarnire

1 cucchiaio di lavanda
2 cucchiai di zucchero semolato
1 cucchiaio di acqua

 


Procedimento


In una ciotola mettete la panna fresca liquida con un cucchiaio abbondante di fiori di lavanda, coprite con pellicola, appoggiandola direttamente sulla superficie della panna così i fiori staranno in infusione per bene. Mettete in frigorifero e lasciate per tutto il tempo della preparazione.

Se avete posto mettete in frigo o freezer anche il contenitore dove monterete la panna.

Preparate la pasta frolla e tenetela in frigo per 1 ora, poi una volta fatta rapprendere stendetela su una spianatoia leggermente infarinata fino allo spessore di circa mezzo cm. Mettetela in uno stampo da crostata, sopra carta da forno e fagioli secchi poi fate cuocere in forno statico a 180° per circa 20 minuti. Togliete carta e fagioli e terminate la cottura a 150° per altri 10 minuti. Non deve essere troppo scura.

Fate raffreddare il guscio della crostata.

Prendete la panna e filtratela, eliminate ogni traccia di lavanda, poi montatela con un cucchiaio di zucchero ed uno di miele. In Provenza ho trovato il miele alla lavanda. Che gusto!

Montatela bene e aggiungete la crème fraiche (o mascarpone+yogurt bianco), poi farcite il guscio di crostata.
Lavate i fichi ed asciugateli, pelateli se preferite, tagliateli a spicchi e passate qualche goccia di lime per non farli scurire.
Guarnite la vostra crostata.
Ultima delizia, per finire, la lavanda cristallizzata. Saranno come caramelle! Unica cosa, mettetele al momento in cui servite la crostata, in frigo lo zucchero si scioglierà e rimarranno solo i fiori di lavanda.
In una padellina mettete due cucchiai di zucchero, uno di fiori di lavanda ed uno di acqua, scaldate e aspettate che lo zucchero si attacchi ai fiori e si asciughi. Versate su carta forno e fateli raffreddare, poi separateli con le dita.
Spolverate la crostata e servite ben fredda.


 
Ciao a tutti!
Silvia
Pagina 2 di 3123