Chioccioline al pesto

Chioccioline al pesto


I lievitati sono la parte più difficile per noi celiaci.

La pasta fresca segue a ruota. Il resto diventa sempre più facile e ci sono molti modi per fare dolci e biscotti senza glutine e con un buon risultato. Ma il nostro vero e grande problema è sempre il lievitato.
La panificazione è un vero dilemma. Io stessa che faccio pane e lievitati da anni, riesco ad avere risultati diversi quasi ogni volta.
Diciamo che sperimento anche molto spesso, mi viene bene una volta e quella dopo anche meglio.
A volte un flop. Per fortuna negli ultimi periodi floppo sempre meno!
Ci sono piccoli trucchetti importanti da seguire.
Io ho fatto il pane che piace a me. Capisco se non è il pane che piace a voi, perché come ho detto in un altro post, se noi non fossimo celiaci non compreremmo tutti lo stesso tipo di pane dal fornaio. Giusto? Alcuni di voi comprerebbero la ciabatta, chi il pugliese, chi il pane comune.. Degustibus.Se volete provare questa ricetta vi aspetta un pane croccante fuori e sofficissimo dentro.
Io ho voluto fare queste chioccioline che sono carine da vedere, bocconcini di pane croccante, sapore di basilico che amo, il pesto regala anche una croccantezza in più per via dell’olio e del parmigiano.
Sono ideali per una merenda dei vostri piccoli oppure per un aperitivo tra voi grandi.

Se li fate, fatene tanti… perché finiscono subito!!!

 
Ingredienti
(resa 60 pz)
 
800 gr di farina Biaglut +  quella da spolvero
1 bustina di lievito di birra secco
1 cucchiaio di miele
250 ml di latte leggermente tiepido
150 ml di acqua leggermente tiepida
5 gr sale fino
2 cucchiai di olio EVO
pesto fresco
 


Procedimento

 
Sciogliete il lievito in una ciotolina, aggiungete acqua leggermente tiepida, la temperatura ideale per attivare il lievito è 37 gradi (per regolarvi senza termometro mettete la mano sotto l’acqua corrente, non dovete sentire l’acqua né calda e né fredda) circa una tazza, poi un cucchiaio di miele, e un cucchiaio di farina dal totale.
Lasciate riposare per 15 minuti coprendo con pellicola trasparente.
Versate in una ciotola o in planetaria con gancio ad uncino la farina, versate il lievitino, il sale, l’olio ed impastate. Versate un po’ alla volta il latte ed infine l’acqua.
L’impasto deve risultare abbastanza asciutto, se necessario aggiungere un po’ di farina. 
Rovesciate l’impasto e mettetelo su di una spianatoia infarinata, lavoratelo con un poco di farina, poi mettetelo in una ciotola oleata, oleate anche la superficie dell’impasto poi coprite con pellicola, lasciate lievitare dentro al forno con la luce accesa per circa 2 ore. Dovrà raddoppiare.
 
Dopo il tempo necessario prendete l’impasto e rovesciatelo sulla spianatoia infarinata. Tagliate dei pezzi e stendetelo a rotolino, allungatelo ed infine appiattitelo un pochino (spessore circa 1 dito), spalmate il pesto su tutta la lunghezza, non esagerate perché uscirà. 
Poi prendete l’estremità e arrotolatelo su se stesso. Dopo circa 3 giri tagliate, prendete il rotolino e mettetelo in verticale e con il palmo schiacciatelo un pochino, si compatterà e verrà uniforme.
Ripetete per tutti i pezzi.
Metteli su di una teglia dove avrete spennellato dell’olio di oliva. Copriteli con pellicola trasparente e lasciate lievitare per 45 minuti.
Infornate a 200° in forno ventilato fino a doratura, circa 12 min (controllate perché dipende da quanto farete grandi le chioccioline) 
 
Vi do una buona notizia, cosa che di solito vi dico di non fare con i dolci… potete assaggiarle subito appena sfornate!!! anzi, dovete! sono eccezionali!!!
 

Buon aperitivo!

 
P.s. Se non volete fare chioccioline tutte uguali potreste usare anche pesto di pomodori secchi, patè di olive, di funghi… e tutto ciò che vi suggerisce la fantasia!
 
Ciao
Silvia
 
Burger Buns. Panini da hamburger a modo mio

Burger Buns. Panini da hamburger a modo mio


Per fare questi panini la ricetta originale prevede l’uso di burro ed un metodo diverso da quello che sto per proporvi. 

Non ho mai provato a farli con la vera ricetta ma avevo la voglia di fare un hamburger diverso dal solito e volevo un panino che non “esplodesse” al primo morso, cosa che capita spesso con quelli acquistati. Mordi e sbriciola. No grazie!
Allora ho impastato pane al latte e ho voluto provare a farlo in versione burger buns!
L’impasto è davvero semplice e potreste farne da congelare. La scorta non guasta mai!
Io ne ho preparati di varie misure, ho usato sia sesamo bianco che nero per farlo anche un po’ carino da vedere.
I miei burgers saranno diversi dal solito e volevo un pane un po’ chic!
 
Ecco la ricetta per la base di questo panino.

Ingredienti

800 gr di farina Biaglut +  quella da spolvero
1 bustina di lievito di birra secco
1 cucchiaio di miele
250 ml di latte leggermente tiepido
150 ml di acqua leggermente tiepida
5 gr sale fino
2 cucchiai di olio EVO
1 uovo
sesamo bianco e nero

Procedimento
 
Sciogliete il lievito in una ciotolina, aggiungete acqua leggermente tiepida, la temperatura ideale per attivare il lievito è 37 gradi (per regolarvi senza termometro mettete la mano sotto l’acqua corrente, non dovete sentire l’acqua né calda e né fredda) circa una tazza, poi un cucchiaio di miele, e un cucchiaio di farina dal totale.
Lasciate riposare per 15 minuti coprendo con pellicola trasparente.
Versate in una ciotola o in planetaria con gancio ad uncino la farina, versate il lievitino, il sale, l’olio ed impastate. Versate un po’ alla volta il latte ed infine l’acqua.
L’impasto deve risultare abbastanza asciutto, se necessario aggiungere un po’ di farina. 

Rovesciate l’impasto e mettetelo su di una spianatoia infarinata, lavoratelo con un poco di farina, poi mettetelo in una ciotola oleata, oleate anche la superficie dell’impasto poi coprite con pellicola, lasciate lievitare dentro al forno con la luce accesa per circa 2 ore. Dovrà raddoppiare.

Prendete l’impasto lievitato e rovesciatelo sulla spianatoia infarinata, tagliate pezzi da 80 a 100 gr e arrotondateli con le mani, senza schiacciarli troppo.
Metteteli su di una teglia oleata, prendete l’uovo e sbattetelo, spennellatelo su tutti i panini e poi coprite con pellicola trasparente, lasciate lievitare per circa 45 minuti.
Trascorso il tempo spennellate di nuovo i panini con l’uovo e mettete il sesamo a vostro piacere, poi infornate a 200° ventilato per circa 15 minuti (tempo da verificare a seconda della grandezza che avrete scelto di fare) io a metà cottura ho girato la teglia. Dipende da dove cuoce di più il vostro forno. Lo vedrete da dove sono più dorati.

Il panino dovrà riposare prima di essere tagliato e usato per fare un panino con hamburger.


Ciao!!!

Silvia

Pane all’aglio di Jamie Oliver

Pane all’aglio di Jamie Oliver

 
 

Come tutte le cose con glutine e senza, anche per questo pane all’aglio fatto su ispirazione della ricetta di Jamie Oliver, noto chef inglese di fama mondiale, ho trovato molte differenze nel farlo, per cui ho modificato un pochino la ricetta. L’aspetto non è proprio lo stesso, come tutti i lievitati manca quella struttura proteica dovuta al glutine e non crucciamoci, ci tocca così!

Ma posso assicurarvi che è venuto buono, l’ho servito anche a commensali non celiaci e nessuno ha chiesto se fosse senza glutine. Buon segno!
Per chi volesse leggere la ricetta originale ecco il link, qui!
 
La mia versione è questa, per una teglia da 7×5 palline (35) e vi avanzerà impasto da poter fare altro pane.
Ingredienti
 
1 kg farina Nutrifree
2 cucchiai di olio
1 panetto di lievito fresco
1 cucchiaio di zucchero di canna
10 gr sale
circa 550 ml acqua tiepida
più farina da spolvero
Pangrattato Schar senza glutine 
 
per il burro
1 panetto di burro da 125 gr
prezzemolo
2 spicchi di aglio (nella versione originale consiglia di metterne di più, fate vobis)
 
Procedimento
 
Sciogliete il lievito in una tazza con un poco di acqua a temperatura ambiente ed un cucchiaio di zucchero di canna. 
Nella planetaria o in una ciotola se farete a mano, versate la farina, il lievito sciolto ed iniziate a mescolare, poi man mano aggiungete olio, sale e versate l’acqua. Il mio consiglio è di tenere a parte sia un po’ di farina e di regolare l’acqua finchè non risulterà un impasto morbido abbastanza malleabile.
Versatelo su di una spianatoia infarinata e tiratelo un pò, poi formate una palla, trasferitelo in una ciotola capiente e ben oleata, coprite con pellicola trasparente e mettete in luogo caldo a lievitare per circa 1 ora e mezza.
Intanto preparate il burro. Fatene di più di quello che usate, potete congelarlo e tenere in freezer anche per più di un mese ed usarlo per carne, pesce, arrosti.
Mettete nel mixer il burro, l’aglio privato del germoglio ed il prezzemolo lavato ed asciugato. Frullate fin quando non è amalgamato.
 
 
Prendete una parte del burro e spalmatelo nella teglia dove cuocerete il pane, e cospargete la teglia con pane grattugiato così non si attaccherà.
Il restante burro mettetelo in un foglio di pellicola trasparente e formate un cilindro, poi mettetelo in frigo.
Prendete l’impasto e formate 35 palline della stessa dimensione, poi adagiatele sulla teglia distanziate tra loro perché in lievitazione dovranno raddoppiare.
Prendete il burro e buttate fiocchetto qua e là, altrimenti ammorbiditelo un po’ in microonde e spennellatelo sulle palline.
Coprite la teglia con pellicola e mettete a lievitare per circa 45 minuti.
Preriscaldate il forno a 190° e cuocete per circa 30 minuti. 5 minuti prima di spegnere ripassate con il burro sopra il pane, andrà bene mettere qualche fiocchetto sparso. Farà una deliziosa crosticina e avrà un gradevole aroma.
Il pane andrebbe mangiato appena fatto. 
Una volta freddo potete staccare porzioni da 2 pz e surgelarlo, per consumarlo basterà scaldarlo 5 minuti nel fornetto, sconsiglio vivamente il microonde!
 
Buon appetito!
Ciao Silvia
Pane con farina Nutrifree

Pane con farina Nutrifree


Ingredienti
 
800 gr di Farina per pane Nutrifree
100 gr di Farina di grano saraceno bianca Nutrifree
15 gr di lievito di birra fresco
1 cucchiaino di miele
10 gr di sale
2 cucchiai di Olio Extra Vergine di Oliva
600 ml di acqua tiepida
 


Procedimento
 
Per prima cosa preparate il lievitino, in una ciotola sbriciolate il lievito fresco, aggiungete due dita d’acqua dal totale, il miele e 4 cucchiai di farina. Mescolate e coprite con pellicola trasparente, lasciate lievitare per circa 40 minuti.
 
Versate il lievitino nella planetaria e aggiungete le farine, l’olio, il sale e iniziate ad impastare con il gancio ad uncino, versate gradualmente l’acqua. 
Deve incordare quindi se per caso risulta molto bagnato, aggiungete altra farina Nutrifree.
Il composto dovrà risultare elastico e asciutto al tatto, ma molto soffice.
 
Staccatelo dalla ciotola e trasferitelo in una oleata, coprite con pellicola da alimenti e lasciatelo lievitare in luogo caldo e asciutto per circa 2 ore. 
Trascorso il tempo di lievitazione sarà bello gonfio.
Per fare la ciabatta io ho prelevato la parte superiore della pagnotta lievitata e l’ho chiusa sotto, appoggiata su di una teglia oleata, ho fatto delle incisioni oblique con un coltello e l’ho coperta con altra pellicola, lasciandola riposare circa mezzora. Ha raddoppiato il suo volume, quindi tenetelo presente in caso mettiate altro pane nella teglia.
 
Il resto dell’impasto lievitato rovesciatelo su di una spianatoia infarinata, lavoratelo il meno possibile, staccate dei pezzi grandi come vorrete i panini e aggiustate la forma con lievi colpi.
Appoggiate i panini sopra ad una teglia oleata, coprite con goccio di olio e se vi va semi.
 
Scaldate il forno nel frattempo, portatelo alla massima potenza, io ho messo 250° ventilato, per poi infornare e cuocere a 200° gradi per circa 20 minuti i panini e 45 minuti la ciabatta.
Per fare una bella crosta croccante buttate sul fondo del forno dei cubetti di ghiaccio o mettete 10 minuti prima di infornare un pentolino con dell’acqua, il vapore farà una crosta croccante.
 

Il pane va consumato subito o da freddo congelato. Altrimenti perderà la sua fragranza.

Ho provato la farina Nutrifree, so che in molti di voi la conoscete ed usate già, ma io mi sono sempre trovata bene con la Biaglut e non l’avevo ancora provata.
Credo che il pane senza glutine che si fa in casa sia una faccenda personale, leggo di molte blogger che fanno pane completamente diverso dal mio, molti mescolano le farine, altri usano lievito madre, insomma, siamo tutti intenti a produrre il pane perfetto. O forse il pane che ci manca da troppo tempo. Vero? Negli ultimi anni ho sperimentato molto e provato a fare il pane in diversi modi, facendolo lievitare più o meno, tutti esperimenti che mi hanno fatto capire che difficilmente verrà mai una volta uguale all’altro e soprattutto che ognuno di noi ha il suo pane preferito.
 
Se siete celiaci da metà della vostra vita ricorderete di quando acquistavate il pane al forno. Ognuno di noi aveva il proprio tipo di pane preferito, chi la ciabatta, chi le trecce, chi la baguette. 
Quello che voglio dire è che credo che nessuno di noi riuscirà mai a riprodurre il tipo di pane che tanto gli manca, ma che cercherà sempre di fare al meglio per riprodurlo e si tratta molto di una questione personale, di gusti legati alla precedente vita glutinosa!
 
La farina Nutrifree non contiene lattosio. 
 
Per impastarla ho usato la planetaria ma anche a mano riuscirete, mia nonna aveva sempre una ciotolina con acqua accanto e si bagnava la mano prima di impastare, così non si appiccicava tutto.
 
Questo pane è venuto croccante fuori, morbido dentro e mangiato subito era buonissimo, il parere del mio compagno che non è celiaco è stato positivo, la ciabatta ha detto che assomigliava molto ad un pane tipo pugliese.
Io ho voluto farlo così per fare delle belle fettone, congelarle e usarle per fare bruschette.
 
In bocca al lupo per la vostra panificazione!
Ciao
Silvia