Pesto di pomodorini secchi e basilico rosso al limone

Pesto di pomodorini secchi e basilico rosso al limone

pesto di pomodorini secchi

 

D’estate la cosa più buona sono gli spaghetti con il pesto, ma quale? Sì perché non è facile dire quale sia il mio pesto preferito, ne ho sperimentati tanti e direi che il classico per me è il migliore ma cambiare si può, quindi ecco una mia proposta per l’estate, ma andrà bene anche d’inverno.

Lo sapete che i pomodori secchi hanno un sacco di proprietà utili per il nostro corpo?

 

Ricchi di vitamina C e licopene (fa bene alle ossa, importante e consigliato a chi soffre di osteoporosi), questa sostanza aiuta a combattere la formazione di colesterolo, grazie all’azione combinata con la vitamina C.  E’ una fonte di sali minerali come zinco, rame, fosforo e selenio!

Ma la sostanza che vorrei sottolineare è il FERRO! Ne contengono 9,09 mg per 100 gr! 

 

Raccomandato alle donne per le sue proprietà preventive del tumore al seno, clicca qui se vuoi leggere il link che ho trovato per approfondire!

 

 

 

 

Potete prepararlo in anticipo e conservarlo in frigo per circa 1 settimana, l’importante è che il vasetto dove lo avete messo sia sempre coperto di olio, così non si ossiderà.

 

Ingredienti per 1 vasetto (circa 6 porzioni)

  • 200 gr di pomodorini secchi (io ho trovato i Pachino, dolcissimi!!)
  • 2 cucchiai di pinoli
  • 6 cucchiai di pecorino
  • la scorza di un limone non trattato BIO
  • una manciata abbondante di foglie di Basilico rosso
  • 2 cucchiai di mandorle
  • olio extravergine di oliva (circa 8 cucchiai, in caso allungate se vedete che non frulla bene)
  • pezzetto di radice di zenzero fresca
  • 1/2 spicchio di aglio (facoltativo)

 

 

Procedimento

  1. Tosta le mandorle leggermente in padella a fuoco medio e lasciale raffreddare.
  2. Lava ed asciuga il limone e grattugia la sua buccia, tienila da parte.
  3. Ora prendi tutti gli ingredienti e mettili nel mixer e copri con olio, aziona a pochi scatti alla volta per non scaldarlo, guarda che sia omogeneo e mettilo nel vasetto, copri con olio e conserva in frigo
  4. Lo zenzero potete grattugiarlo al momento dell’utilizzo del pesto, mettendolo fresco direttamente sulla pasta condita, così non perderà le sue proprietà antinfiammatorie!

 

Buon appetito!

Silvia

 

 

 

 

 

Spaghetti al pesto di asparagi e capesante

Spaghetti al pesto di asparagi e capesante

Spaghetti al pesto di asparagi e capesante – Eppur non c’è

 

Amo gli asparagi e non potevo non partecipare al Gluten Free Calendar (clicca per info, puoi partecipare anche tu) con una ricetta dedicata all’ingrediente del mese, a scelta tra fave ed asparagi. Io comincio con questa delizia. Un cremosissimo e croccante pesto di asparagi e noci. Delicatissimo ma soprattutto buonissimo. Io ho condito degli spaghetti e li ho accompagnati con capesante saltate in padella e punte di asparago.

 

Prepararlo  è davvero molto semplice, ecco come farlo in meno di 10 minuti:

Ingredienti per 4 persone

Facilissimo – tempo preparazione 20 minuti (con la pasta)

  • 1 mazzo di asparagi verdi freschissimi
  • 1 pugno di noci sgusciate
  • olio extravergine di oliva (circa 6 cucchiai)
  • 2 cucchiai di parmigiano reggiano
  • sale pizzico

Per la pasta:

  • 80 gr di spaghetti gluten free a testa
  • 8 capesante
  • olio evo/sale

Spaghetti al pesto di asparagi e capesante – Eppur non c’è

Procedimento

  1. Lava gli asparagi e spezzali con le mani in modo che la parte legnosa si stacchi dal gambo più tenero (si evita di tagliare via parte buona dell’asparago).
  2. Taglia le punte e tienile da parte, con il resto del gambo taglialo a pezzettini e poi falli sbollentare in acqua bollente per circa 3/4 minuti, poi passali subito in acqua fredda, in modo che possano conservare un bellissimo colore.
  3. Prendi gli asparagi raffreddati e metti nel frullatore insieme alle noci, al parmigiano e all’olio, poi frulla.
  4. Le punte tagliale a metà ed saltale in padella con olio e pizzico di sale per guarnire il tuo piatto!
  5. Pulisci le capesante mentre cuoci gli spaghetti, salale e poi falle rosolare in padella con un filo di olio, quando saranno pronte tagliale a fettine e guarnisci il piatto.
  6. Scola la pasta, condiscila con il pesto, guarnisci con le punte scottate e le capesante a fettine!

 

Questo condimento mi è piaciuto davvero tanto, se ne fate in abbondanza, visto che è periodo di asparagi, potrete conservarlo in vasetto in frigo ben coperto con olio per qualche giorno.

Consiglio: E’ ottimo sui crostini o per condire uova sode!

Quindi non mi resta che augurarvi buon appetito!

E se vi piace la ricetta condividetela su Facebook!! Grazie mille

Silvia

 

 

Spaghetti al pesto di asparagi e capesante – Eppur non c’è

Caserecce con pesto di spinaci, feta ed anacardi

Caserecce con pesto di spinaci, feta ed anacardi

Ed anche in questa casa sembra essere arrivata l’intolleranza al lattosio, una delle mie piccoline ha mostrato segni inequivocabili e provo a ridurlo per capire quanto è forte o se mi sbaglio.. da tempo consumiamo solo latte di riso o mandorle, però, per non eliminarlo completamente, hanno continuato a mangiare formaggi & co, senza esagerare. Ora ho voluto testare la feta, quanto idonea può essere al problema, essendo un formaggio di latte di capra e quindi con basso contenuto di lattosio.

Ho fatto un pesto buonissimo, temevo che gli spinaci potessero avere un retrogusto ferroso invece no, gusto perfettamente bilanciato. Ho utilizzato anche una sorta di insalata, la catalogna, non la cicoria grande, ma simile alla Lollo. Tenera e delicata.

Gli anacardi fanno benissimo, qui potete trovare tutte le info https://www.mr-loto.it/anacardi.html “Questi i minerali: potassio, fosforo, sodio, magnesio, zinco, rame, manganese, selenio, ferro. Per quanto riguarda le vitamine gli anacardi contengono alcune vitamine del gruppo B ( B1, B2, B3, B5 e B6 ), vitamina K e, in piccola percentuale, vitamina C e vitamina E”

Si fa un formaggio vegano molto apprezzato che presto vorrei fare!

Ricapitolando, questo pesto è sanissimo, ricco di sali minerali, vitamine e tanto gusto! Ottimo per condire la pasta o per crostini, su focacce, per arricchire un filetto di pesce, rotoli di piadina con formaggio tenero e pesto. A voi la vasta scelta! Un vasetto in frigo sarà finito in mille modi!!

Ho voluto provare la nuova Pasta di lenticchie gialle Felicia, amo questi nuovi prodotti senza glutine, senza farine raffinate e 100% bio! Qui il link del prodotto per ulteriori informazioni http://www.glutenfreefelicia.com/prodotti/pasta-lenticchie-gialle-bio/

 

 

Ingredienti

per un vasetto medio•facilissimo

  • 4/5 ciuffetti di spinaci freschi (2 pugni)
  • 4/5 figlie di catalogna piccola
  • Feta a piacere (io meno della metà di un panetto confezionato)
  • Un pugno di anacardi non salati (io ho usato quelli crudi)
  • Se volete qualche cucchiaio di parmigiano
  • 1 pezzettino di spicchio d’aglio
  • Tanto olio extravergine d’oliva buonissimo
  • Caserecce di lenticchie gialle Felicia (80/90 gr a persona)

Procedimento

  1. Lava bene gli spinaci e la Catalogna poi asciugala nella centrifuga da insalata. Taglia via le parti più dure e metti in frullatore
  2. Tosta in una padella gli anacardi per poco, devono rosolarsi poco.
  3. Nel frullatore aggiungi la feta, abbondante olio da regolare poi mentre lo frulli e gli anacardi.
  4. Frulla velocemente è appena è omogenei spegni (meno frulla meglio è). Aggiungi olio se necessario, poi se vuoi aggiungi il parmigiano grattugiato e mescola. Trasferisci in un vasetto e se necessario, una volta che il pesto si è ben depositato nel vasetto copri con un filo d’olio così non si ossida. Chiudi e conserva in frigo.
  5. Cuoci la pasta di lenticchie gialle in abbondante acqua salata per circa 10/12 minuti e scola, condisci con il pesto e servi! Buona anche fredda!!

Buon appetito!

Silvia