Risotto ai mirtilli

Risotto ai mirtilli


 

Il sapore dei mirtilli non l’avevo mai provato con qualcosa di salato, ma poi ho iniziato e via di risotti ed insalate miste! Arrivo proprio all’inizio dell’estate con questo risotto che sa di bosco. Semplice e di grande effetto, io ho abbondato con la cipolla, trovo che la sua dolcezza, mescolata con il burro sposi benissimo l’acidità del mirtillo e renda questo risotto molto bilanciato.

Questo piatto è coloratissimo, mi piace molto come si presenta, ho messo qualche mirtillo fresco per non depistare gli ospiti e far capire subito cosa c’era nel risotto, ci sta molto bene anche il rosmarino, magari potrete metterne un piccolo rametto mentre cuoce. Ma lasciatelo pochissimo perché il suo olio essenziale è molto forte e potrebbe coprire il gusto delicato ed acidulo dei mirtilli.

 

Partecipa alla raccolta del GFFD del Gluten Free Travel & Living

img_9936.jpg

Ora prepariamolo!


Ingredienti per 4 persone

  • 240 gr di riso vialone nano
  • 1 vaschetta di mirtilli freschi
  • 1 cipolla bianca grossa
  • 1 lt di Brodo vegetale (fatto con acqua, cipolla, pochissimo sedano ed un pezzetto di carota, sale)
  • Rosmarino
  • Vino bianco per sfumare
  • 1 noce di Burro
  • Sale

 

 

 

Preparazione

  1. Portate ad ebollizione del brodo vegetale che avrete preparato in precedenza.
  2. In un tegame dai bordi alti e dal fondo spesso fate andare la noce di burro con la cipolla a fuoco medio, senza mai farla bruciare, deve solo cuocersi piano piano, poi aggiungete il riso e fate tostare per 1 minuto, sfumate con il vino bianco e fate evaporare per non aumentare l’acidità del piatto.
  3. Fate cuocere per circa la metà del tempo sfumando con brodo vegetale bollente (io lascio sempre che il riso sia coperto dal brodo, ma non troppo liquido) poi aggiungete i mirtilli e proseguite a cuocere il risotto sempre aggiungendo brodo a necessità e aggiustate di sale. Lasciatelo cremoso, all’onda e servite dopo averlo fatto riposare un paio di minuti a fiamma spenta. Io non ho aggiunto formaggio, lascio a vostro piacere la scelta.

 

Buon appetito!!!

Silvia

 

 

Plumcake yogurt e ciliegie

Plumcake yogurt e ciliegie

 

plumcake ciliegie fetta

 

Dato che questo è il mese delle ciliegie, sia sui banchi del mercato che al Gluten Free Travel & Living, dove sarò giudice per il GF Calendar, qui trovate tutto

 

img_0783.jpg

 

Io sono fuori concorso naturalmente ma nulla mi impedisce di preparare delizie con questo meraviglioso frutto e condividerlo con voi!

Vi ricordo che sulla mia pagina Facebook, che vi invito a seguire eheh, potete trovare un video di come snocciolare le ciliegie in maniera veloce!!! Qui trovate la mia pagina EPPUR NON C’E’ 

 

 

margherite

 

Torniamo a questo buonissimo plumcake, facile da fare, gustosissimo! Le ciliegie sono le protagoniste e quella salsa sopra… rende il dolce un vero trionfo! VI DO UN CONSIGLIO, una volta messa la salsa dovrete mettere in frigo la torta, si indurirà un pò, per cui, visto la mia esperienza, potreste fare la salsa e metterla sulla fetta e non su tutto il plumcake, cos’ la salsa può stare in frigo comodamente e la torta fuori in campana di vetro.

 

 

UNA MERENDA LIGHT, SENZA BURRO, SOLO GRASSI BUONI! come? Usando olio di oliva e yogurt greco!

 

Ingredienti per stampo da plumcake

Facile, tempo di preparazione 45 minuti

  • 2 uova
  • 250 gr di farina di riso finissima (oppure un mix dolci di vostro gusto, ormai sono tutti similari in resa, importante che non abbia lievito dentro)
  • 125 gr di yogurt greco
  • 6 cucchiai di olio di oliva
  • 200 gr di zucchero
  • 500 gr di ciliegie snocciolate (mio video per snocciolare CLICCA QUI)
  • 1 limone bio (servirà buccia e succo)
  • 1 bustina di lievito per dolci (senza glutine)
  • 2 cucchiai di zucchero per la salsa
  • 1 cucchiaio di maizena per la salsa

 

ciliegie closer

 

Procedimento

  1. Dopo aver lavato ed asciugato le ciliegie snocciolale (come dal mio video, vedi link sopra)
  2. Accendi il forno a 175° statico.
  3. Metti in una ciotola lo yogurt, le uova e l’olio di oliva e mescola molto bene, poi aggiungi lo zucchero e monta leggermente.
  4. Aggiungi la farina a cucchiaiate e mescola, poi metti la buccia di limone grattugiata, mescola, aggiungi il lievito setacciato e rimescola bene.
  5. Prendi uno stampo da plumcake e rivestilo con carta forno o imburralo + farina gf per non far attaccare, poi versa l’impasto, ora metti le ciliegie (circa una 20ina), nota: cuocendo scenderanno verso il fondo, ahimè, a volte restano a mezza via altre volte giù.. Potete provare a mescolarle in un pò di maizena prima di metterle nell’impasto ma a me scendono comunque…
  6. Infornate per circa 45 minuti a 175° statico, prima di sfornare assicuratevi che sia cotto facendo la prova dello stuzzicadenti che deve uscire asciutto e pulito.
  7. Mentre cuoce la torta preparate la salsa con le ciliegie, prendete le restanti ciliegie snocciolate e mettetele in un pentolino con fondo spesso, il succo di limone, due cucchiai di zucchero e uno di maizena, aggiungete due cucchiai di acqua e mescolate, fate cuocere per circa 10 minuti a fuoco medio, fate prendere bollore e poi abbassate. Quando sarà pronta lasciatela raffreddare bene.
  8. Sfornate il plumcake e scegliete se mettere la salsa su tutto il dolce o fetta per fetta!

 

Buona merenda!!!

Silvia

 

plumcake ciliegie

 

 

Pesto di pomodorini secchi e basilico rosso al limone

Pesto di pomodorini secchi e basilico rosso al limone

pesto di pomodorini secchi

 

D’estate la cosa più buona sono gli spaghetti con il pesto, ma quale? Sì perché non è facile dire quale sia il mio pesto preferito, ne ho sperimentati tanti e direi che il classico per me è il migliore ma cambiare si può, quindi ecco una mia proposta per l’estate, ma andrà bene anche d’inverno.

Lo sapete che i pomodori secchi hanno un sacco di proprietà utili per il nostro corpo?

 

Ricchi di vitamina C e licopene (fa bene alle ossa, importante e consigliato a chi soffre di osteoporosi), questa sostanza aiuta a combattere la formazione di colesterolo, grazie all’azione combinata con la vitamina C.  E’ una fonte di sali minerali come zinco, rame, fosforo e selenio!

Ma la sostanza che vorrei sottolineare è il FERRO! Ne contengono 9,09 mg per 100 gr! 

 

Raccomandato alle donne per le sue proprietà preventive del tumore al seno, clicca qui se vuoi leggere il link che ho trovato per approfondire!

 

 

 

 

Potete prepararlo in anticipo e conservarlo in frigo per circa 1 settimana, l’importante è che il vasetto dove lo avete messo sia sempre coperto di olio, così non si ossiderà.

 

Ingredienti per 1 vasetto (circa 6 porzioni)

  • 200 gr di pomodorini secchi (io ho trovato i Pachino, dolcissimi!!)
  • 2 cucchiai di pinoli
  • 6 cucchiai di pecorino
  • la scorza di un limone non trattato BIO
  • una manciata abbondante di foglie di Basilico rosso
  • 2 cucchiai di mandorle
  • olio extravergine di oliva (circa 8 cucchiai, in caso allungate se vedete che non frulla bene)
  • pezzetto di radice di zenzero fresca
  • 1/2 spicchio di aglio (facoltativo)

 

 

Procedimento

  1. Tosta le mandorle leggermente in padella a fuoco medio e lasciale raffreddare.
  2. Lava ed asciuga il limone e grattugia la sua buccia, tienila da parte.
  3. Ora prendi tutti gli ingredienti e mettili nel mixer e copri con olio, aziona a pochi scatti alla volta per non scaldarlo, guarda che sia omogeneo e mettilo nel vasetto, copri con olio e conserva in frigo
  4. Lo zenzero potete grattugiarlo al momento dell’utilizzo del pesto, mettendolo fresco direttamente sulla pasta condita, così non perderà le sue proprietà antinfiammatorie!

 

Buon appetito!

Silvia

 

 

 

 

 

Crepes di ceci (ripiene e non)

Crepes di ceci (ripiene e non)

 

Vi racconto come ho fregato mia figlia (per l’ennesima volta). Dovete sapere che in questa casa non bastavo io celiaca, no. Mi sono accorta che, in seguito ad una vera e propria scorpacciata massiccia di parmigiano, mia figlia piccola si era riempita di dermatite. Uno sfogo pazzesco, tutto in una volta. Il latte qui è già bandito da anni, infatti consumiamo bevande di riso e mandorla da tempo. Poi capitava che il latte venisse utilizzato per dolci o altre preparazioni, ma ormai siamo al capolinea. Insomma, celiaci ed intolleranti al lattosio, non ci facciamo mancare nulla!!! E sapete qual è il piatto preferito di Aurora? I passatelli!!!!!!!! Un noto piatto romagnolo fatto con pane grattugiato raffermo, parmigiano a dosi massicce, uova e noce moscata.

Dopo lo sfogo ho pensato a come poter fare perché lei, ogni 3X2 chiedeva dei passatelli… E come si fa a dire sempre di no? Poi ho pensato a creare qualcosa che potesse avere un gusto vagamente simile, magari l’avrei accontentata! E come per magia sono nate queste crepes di ceci che le ho utilizzate come ho visto in Alto Adige, le loro frittattine in brodo! Ho pensato, ci provo… Santa Noce Moscata!!!!!!!!!! Il suo gusto mi ha aiutato molto perché per mia figlia i passatelli sono sbattere le uova dentro una ciotola con qualcosa, poi qualcos’altro e la nooooooce moscaaaaata!!!! Ogni volta che apro lo sportello delle spezie lei urla PASSATELLI!!!!! Quindi questa ricetta è stata vincente, perché le sono piaciute moltissimo ed il suo palato è stato accontentato!

Partecipano alla raccolta del #gffd di Gluten Free Travel&Living 

Ingredienti per circa 20 crepes

Facile – tempo preparazione 20 minuti (poi dipende dal diametro della padella che utilizzate, io le ho fatte piccole)

  • 3 uova
  • 3 cucchiai di farina di ceci bio
  • latte di riso per diluire circa 3/4 di bicchiere
  • pizzico di sale
  • noce moscata a piacere

 

 

Procedimento

  1. Prendi una ciotola e metti le uova, sbattile leggermente poi aggiungi la farina di ceci un cucchiaio alla volta e mescola bene per evitare grumi, aggiungi il latte di riso e aggiusta di sale.
  2. Mescola bene, il composto deve risultare liscio e vellutato, bagna il dorso di un cucchiaio e vedi se rimane un velo, vuol dire che è perfetto.
  3. Scalda una padellina ed ungila leggerete, passa un pezzo di carta per assorbire olio in eccesso e poi versa un mestoloni di impasto (La prima crepes non viene mai perfetta) poi appena si asciuga gira la crepes e falla cuocere ancora per 15 secondi, toglila dal fuoco e cuoci tutte le crepes.

 

Se vuoi provarle in brodo ti consiglio di arrotolarle e tagliarle come le tagliatelle fini, saranno buonissime!

Se vuoi farcirle ti lascio anche la ricetta di questo ripieno a base di carciofi e besciamella vegetale.

 

Ingredienti per il ripieno

  • 2 carciofi
  • 1 patata
  • 1 manciata abbondante di spinaci
  • pezzettino di cipolla
  • una manciata di spinaci
  • 200 gr di ricotta (senza lattosio, fate vobis)
  • sale
  • timo fresco (qualche rametto)
Per la besciamella vegetale
  • 250 ml di latte di riso
  • 40 gr di amido di mais
  • 40 ml di olio di semi
  • pizzico di sale
  • noce moscata

Procedimento

  1. Lava e pulisci il carciofo dalle fogli esterne dure, taglialo in due ed elimina il pelo sopra il cuore del carciofo, taglialo a pezzi e mettilo in una padella.
  2. Sbuccia la patata e tagliala a pezzetti poi aggiungila al carciofo, agli spinaci lavati e tagliati grossolanamente,  metti un pochino di cipolla affettata, pizzico di sale ed un cucchiaio di olio, fai cuocere per circa 10 minuti aggiungendo un cucchiaio o due di acqua. senti se le patate sono cotte e spegni.
  3. Frulla le verdure e poi mettile in una ciotola, aggiungi la ricotta ed amalgama.
  4. Riempi una sac-a-poche e farcisci una crepes poi arrotolala e tieni da parte.
  5. Prepara la besciamella mettendo in un pentolino l’olio poi aggiungi l’amido e mescola bene, poi aggiungi il latte di riso poco alla volta, pizzico di sale e noce moscata, infine accendi a fuoco medio. Porta a bollore ed una volta addensata lascia raffreddare.
  6. Versa un pochino di besciamella sul fondo di una teglia poi appoggia delicatamente le crepes farcite ed arrotolate e ricoprile tutte con la besciamella e del timo fresco.
  7. Fai cuocere in forno a 180’° per circa 15/20 minuti finchè non vedi che è bello dorato!

 

Buon appetito!

Silvia

Crackers ai semi

Crackers ai semi

Ecco l’ultimo esperimento H E A L T Y !! I crackers fatti con farine naturali di grano saraceno, farina di avena*, semi e olio extravergine.
Ricette che richiedono un po’ di sacrificio ma il gusto non è sacrificato e ci si può abituare a mangiare bene in maniera più sana!

Questa ricetta è ricca di fibre date dalla farina di avena* senza glutine* e da quella di grano saraceno, per non parlare del contributo nutrizionale dato dai semi misti! I crackers mi sono piaciuti moltissimo, uno snack sano e furbo. Poi ci vuole davvero poco ad impastare e si possono (anzi, si dovrebbero) dare ai bimbi! Potete conservarli per diversi giorni in un contenitore ermetico, ma sono così buoni che non arriveranno a sera, io ve l’ho detto!!!!

Ingredienti

facilissimi – tempo preparazione 20 minuti

  • 50 gr di farina di riso finissima
  • 100 gr di farina di grano saraceno
  • 50 gr di farina di avena*senza glutine*
  • 50 gr di olio extravergine
  • 100 ml di acqua
  • Una manciata di semi misti (lino, girasole, sesamo nero, o ciò che preferite)
  • Qualche pizzico di sale

 

 

Procedimento

  • Miscela in una ciotola le farine e i semi poi aggiungi l’olio e mescola bene infine acqua e sale.
  • Impasta e stendila con il matterello fino ad averla sottile, per fare i quadrati uguali ho usato il tagliapasta a doppia rotella
  • Fora ogni crackers con la forchetta e salate con fiocchi di sale.
  • Cuoci a 150º per 20 min ma controlla sempre che non si brucino! Devono essere dorati.

 

Questa ricetta io l’ho usata anche per fare la base di una torta salata buonissima!!!! Quindi direi che è molto versatile, provate anche voi!

 

Questa ricetta partecipa al Gluten Free (fri)day del Gluten Free Travel & Living! Clicca QUI per partecipare anche tu o sfoglia la grande raccolta di ricette!!!

 

Alla prossima ricetta!!!

Silvia

Pagina 1 di 1412345...10...Ultima »