Risotto verde con agretti, piselli, spinaci e bacon

Risotto verde con agretti, piselli, spinaci e bacon

Questo risotto l’ho preparato per la festa del Papà e per conquistare il palato della mia dolce metà, nonché padre delle mie due little birds , ho “esagerato” utilizzando anche il suo tanto amato bacon. Ogni tanto devo scendere a compromessi con lui!

Questo risotto è delicatissimo e buonissimo. Cremoso, all’onda, un insieme di sapori che vi conquisterà al primo boccone.

Ho utilizzato un mix di verdure di stagione, fresche, tutto quello che ho trovato sui banchi del mercato. I primi pisellini, magicamente trovati, gli AGRETTI, poi gli SPINACI BABY, e delle zucchine.

Lo preparate con me? Ecco come si fa!

Ingredienti per 4 persone

Facile – Tempo preparazione 30 min

  • 1/2 mazzo di agretti (con l’altra metà potete fare una frittata o una torta salata)
  • 10 baccelli di pisellini freschi (o due pugni di pisellini surgelati
  • 1 zucchina
  • 2 pugni di spinaci baby freschi
  • cipolla bianca
  • 320 gr di riso Vialone nano
  • 2,5 litri di brodo vegetale
  • bacon affettato a piacere
  • pecorino stagionato

 

 

Procedimento

  1. Per prima cosa pulisci tutte le verdure, taglia tutto a cubetti piccoli piccoli tranne ovviamente i pisellini e gli agretti che dovrete lasciare interi. Prendi una padella e metti un filo di olio con un pochino di cipolla, poi fai soffriggere per circa 8/10 minuti le verdure. Spegni e tieni da parte 1 cucchiaio abbondante di verdure per ogni commensale, servirà per la guarnizione.
  2. Metti le verdure restanti nel frullatore o frullale ad immersione rendendole una crema omogenea e liscia.
  3. Prepara il brodo vegetale (se usi dado controlla sia senza glutine) poi prendi un tegame alto e metti sul fondo un goccio di olio e poca cipolla, versa il riso e tostalo per un minuto e poi versa il brodo sopra, fai sfumare e mescola per non attaccare, continua ad aggiungere brodo fino a coprirlo e  lascia cuocere a fuoco poco più di medio per circa 12 minuti.
  4. A questo punto il riso è quasi cotto, aggiungi l’ultimo mestolo di brodo e poi versa la crema di verdure, lascialo cuocere un paio di minuti facendo attenzione che non attacchi sul fondo, poi spegni. Ora aggiungi e manteca con il pecorino grattugiato.
  5. Se vuoi mettere il bacon fallo prima rosolare in padella in modo che diventi croccante come una cialda.
  6. Impiatta mettendo due mestoli di riso sul piatto e batti con il palmo sotto al piatto così facendo si distribuirà uniformemente, decora con le verdurine messe da parte ed il bacon croccante.

 

Buon pranzo!

Silvia

 

Risotto primavera dei piccoli

Risotto primavera dei piccoli

Sfamare i più piccoli è spesso un tormento per i grandi! Mangiano poco, a volte proprio non mangiano e rifiutano ancora prima di assaggiare. 
Questo semplice risotto è un classico e molto semplice a dire il vero, ha qualche nota acidula data dallo yogurt greco e i pezzetti di verdura sono fatti molto fini.
Se poi vi piace potete preparare le verdure da aggiungere al riso in anticipo, farne in abbondanza e congelarle, fare porzioni da tirare fuori poco prima di preparare nuovamente il riso.

Ingredienti per 2 persone

1 zucchina
1 carota
1 patata
1 cipollotto
1 bustina di zafferano
brodo vegetale q.b.
Olio EVO
Sale
150 gr di riso vialone nano
2 cucchiai di yogurt greco
2 cucchiai di Parmigiano Reggiano

Procedimento

Preparate il brodo vegetale con qualche odore, se preferite usate dado vegetale senza glutine.
Lavate le verdure, mondate la zucchina, pelate carota e patata e private della prima pelle il cipollotto.
Tagliate tutto a dadini molto fini.
Mettete in una pentola con un filo d’olio EVO e cuocete per circa 8-10 min bagnando con un poco di brodo vegetale.
Quando le verdure saranno cotte ma ancora croccanti mettetele da parte. 
Nella stessa pentola mettete il riso e tostate, allungate con brodo e cuocete. Dopo metà cottura mettete le verdurine e cuocete, lasciate il riso lento di brodo e fate cuocere a fuoco medio mescolando di tanto in tanto. 
In una tazzina sciogliete lo zafferano con un pochino di brodo e versatelo sul riso poco prima del termine della cottura.
Il riso deve essere all’onda, cioè tendente al brodoso, aggiungete a fuoco spento lo yogurt ed il Parmigiano, mescolate e lasciate riposare.

Bon apetit

Paella a modo mio

Paella a modo mio


Non vi capita mai di avere voglia di qualcosa e poi pensare che ci vuole troppo tempo per prepararla, per cui abbandonate a priori l’idea?
Ma se poi è un piatto che non è comune mangiare neanche al ristorante… Allora dovete proprio farvelo da voi. Come la paella. 
Un piatto che nasce da una tradizione contadina spagnola e che prevede molte varianti, dal gusto classico di base, ricorda un po’ un risotto ma i suoi profumi e i suoi colori ci fanno subito viaggiare e ci portano in posti da vacanza.
La paella dovrebbe essere un piatto povero, la Valenciana prevede pollo e coniglio. Poi c’è quella di Marisco, solo pesce e frutti di mare ma risulta tutto tranne che povera, ricca di molluschi e crostacei.

Io mi sono presa la licenza poetica di rivisitarla, chiedo scusa agli spagnoli, ma non avendo sufficiente tempo per fare la versione di pesce ho voluto semplificarla e renderla un piatto più comodo da fare in poco più tempo di un risotto classico italiano.
Un risotto alla paella!

Ingredienti per due persone

200 gr di mazzancolle
3 seppie
3 calamari
1/2 peperone rosso
2 pugni di pisellini surgelati
200 gr di riso vialone nano
1 bustina di zafferano
1 cucchiaino di paprika dolce
1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
peperoncino fresco a piacere
mezza cipolla
1 scalogno
brodo vegetale q.b.
sale q.b.
olio EVO

Procedimento

Pulire i gamberi, sgusciateli ed eliminate il filetto. Pulite i calamari eliminando la cartilagine e l’interno e la pelle esterna. Pulite le seppie, potete salvare i tentacoli se vi piacciono, basterà eliminare il becco.
Affettate il peperone a listarelle sottili.
Preparate il brodo vegetale, potete utilizzare il dado vegetale senza glutine oppure mettendo a bollire una carota, un pezzo di sedano e mezza cipolla nel frattempo che pulite il pesce.
Tagliate a listarelle la seppia, i calamari tagliateli ad anelli di circa un dito di spessore entrambi.
In una padella (paella, da qui nasce il nome del piatto) mettete a rosolare la cipolla e scalogne tritati con circa due cucchiai di olio e un po’ di peperoncino fresco tritato.
Aggiungete i calamari e le seppie, dopo averli rosolati fate cuocere per circa 10 minuti bagnandoli con un po’ di brodo vegetale. Aggiungete il peperone tagliato ed i pisellini.
Ora potete mettere lo zafferano, la paprika, il concentrato di pomodoro e mescolate, poi versate il riso a pioggia e mescolate, annaffiate con il brodo e cuocete come un normale risotto, mescolando di tanto in tanto. Aggiustate di sale.
Pochi minuti prima di arrivare a cottura del riso ricordatevi di aggiungere i gamberi.
La paella deve risultare al dente, non troppo asciutta.

Se volete potete aggiungere le cozze, vanno cotte a parte aprendole e messe sopra al riso per decorazione.
Ma posso garantirvi che apprezzerete questa versione!

Viva!!!