Risotto al radicchio di campo e crema di parmigiano

Risotto al radicchio di campo e crema di parmigiano

 

La primavera è alle porte e questo cambio di stagione mi ha fatto diventare di buonissimo umore e soprattutto un pò romantica (più del solito), così nonostante il suo sapore amaro, intenso, ho trovato romantico far diventare questo ortaggio il piatto di oggi, perché ovunque c’è amore e poesia!

Se vi piace il radicchio dovete provare questo risotto fatto con i più rustici radicchietti di campo, finché ci sono!

Questo risotto è semplice ed è arricchito da una cremosa fonduta di parmigiano. Darà al piatto un gusto deciso, un pò di dolcezza ed un sapore completo, bilanciato.

Quando ero una adolescente si andava a mangiare la pizza, e, da celiaca, non avevo molte alternative, o carne o insalata. Poi capitava in qualche ristorante di trovare un buon risotto (possibilmente non contaminato!!! erano altri tempi, si diceva “buona grazia”) e quindi capitava poi che con le mie amiche di sempre, Barbara e Monica, si andasse spesso in quel ristorante. Io e Monica apprezzavamo tantissimo il risotto al radicchio, quanto ne abbiamo mangiato, anche se lei non era celiaca. Bei ricordi, lo dedico a voi amiche!

Ricetta che farà parte della raccolta per il Gluten Free Travel & Living, il Gluten Free (fri)day #gffd

Ingredienti per 2 persone

Media difficoltà – tempo circa 25 minuti

  • 180 gr di riso vialone nano
  • 5/6 mazzolini di radicchio di campo
  • 1 cucchiaio di cipolla tritata
  • 1 noce di burro
  • 2 lt di brodo vegetale
  • 1 cucchiaio di olio evo
  • sale q.b.
  • 4 cucchiai di panna liquida
  • 100 gr di parmigiano reggiano

 

 

Preparazione

  1. Per prima cosa prepara il brodo vegetale, scegli tu se farlo con qualche verdura (1 carota, pezzo di sedano e cipolla) o preferisci con dado senza glutine. Tienilo a bollore con fiamma minima e coperchio.
  2. Lava i radicchi di campo eliminando la radice, poi frullali nel frullatore, tieni da parte. Se vuoi mettere qualche fogliolina da guarnizione tieni da parte qualcuna del cuore del radicchio.
  3. In una casseruola dai bordi alti metti la cipolla tritata con olio e burro, poi fai cuocere per 7/8 minuti a fuoco basso, a questo punto versa il riso e alza la fiamma, fai tostare e poi versa il primo cucchiaio abbondante di brodo bollente, mantieni a fuoco medio aggiungendo brodo un mestolo per volta, mescola così esce l’amido ed il risotto diventerà cremoso.
  4. Nel frattempo prepara la fonduta, metti in un pentolino con fondo spesso il parmigiano con la panna, fai sciogliere a fuoco basso e mescola finché non sarà sciolto e cremoso (se ti sembra poco raddoppia le dosi). Tieni da parte
  5. Quando mancano circa 3/4 minuti al termine aggiungi i radicchi. Fai terminare la cottura allungando con brodo se serve.
  6. Impiatta il riso abbastanza lento, si dice all’onda, metti un mestolo abbondante di riso in un piatto fondo e dai i colpetti da sotto, si spargerà da solo in maniera omogenea.
  7. Prendi la crema di parmigiano e versala sul riso, se hai un dosatore con beccuccio potrai fare il disegno circolare, altrimenti con un cucchiaino.

Buon appetito a tutti!

Silvia

 

 

Risotto con zucca arrosto e rosmarino

Risotto con zucca arrosto e rosmarino

 

Non mi stanca mai la zucca, e pensare che fino ai 27 anni non l’avevo neanche assaggiata! Menomale che si cambia nella vita. La zucca ora è uno dei miei ortaggi preferiti e ne vado pazza, soprattutto amo farla al forno ed utilizzare la sua purea per arricchire piatti di ogni genere. Da una pasta saltata con zucca al forno e speck, a contorni anche di insalata mista e zucca cotta, semi e magari tagliata di pollo. Insomma, mi piace moltissimo!

Questo risotto è davvero semplice, ho preferito cuocere la zucca in forno perché ha un sapore più intenso e leggermente caramellato. Inoltre è comodo perché potete preparare la zucca in anticipo ed utilizzarla quasi a cottura ultimata del risotto.

 

Ho lasciato il risotto leggermente all’onda, mi piace che sia cremoso e che si stenda sul piatto.

 

Ingredienti per 4 persone

  • 250 gr di riso vialone nano
  • 100 gr di zucca cotta in forno (due fette tonde di zucca violina spesse due dita da crudo)
  • brodo vegetale (fatelo con 2 lt di acqua, un pezzo di cipolla, un pezzo di zucca ed un gambo piccolo di sedano, pizzico di sale)
  • rosmarino fresco
  • olio, sale

 

Procedimento

  1. Taglia le fette di zucca poi mettile in una teglia con carta da forno e inforna a 170° per circa 20 minuti, saranno pronte quando affonderai completamente la forchetta e risulterà morbida. Sfornala e pulisci dalla buccia poi schiacciala bene con la forchetta o con lo schiacciapatate. Tieni da parte.
  2. Nel frattempo prepara anche il brodo vegetale (puoi usare anche dado vegetale senza glutine se preferisci), se lo fai tu usa poca cipolla e poco sedano e la zucca così non avrà sapori che copriranno il gusto finale della zucca nel risotto.
  3. Trita la cipolla e falla appassire a fuoco basso in una pentola dai bordi alti con un filo di olio,  poi aggiungi il riso e metti a fiamma vivace, senza farlo bruciare, per tostarlo.
  4. Inizia a sfumare con brodo vegetale bollente (tienilo in caldo nel fornello accanto, al minimo) ed aggiungi qualche mestolo. Il risotto deve sempre sobbollire ed essere coperto di brodo. Aggiungi un mestolo alla volta e mescola, in questo modo il riso rilascerà tutto il suo amido.
  5. Assaggia e a circa tre minuti dalla fine aggiungi la polpa di zucca cotta in forno ed un rametto di rosmarino che toglierai alla cottura. Amo il suo sapore ma non troppo forte se no copre tutto.
  6. Il risotto deve risultare morbido e non asciutto, il chicco al dente. Spegnete e se volete potete mantecare con parmigiano grattugiato o burro.
  7. Servi con qualche dado di zucca cotta in forno e fiori di rosmarino!

 

Con questa ricetta partecipo al #gffd del Gluten Free Travel & Living, clicca qui per scoprire tutto!

Buon appetito

Silvia

Risotto ai mirtilli

Risotto ai mirtilli


 

Il sapore dei mirtilli non l’avevo mai provato con qualcosa di salato, ma poi ho iniziato e via di risotti ed insalate miste! Arrivo proprio all’inizio dell’estate con questo risotto che sa di bosco. Semplice e di grande effetto, io ho abbondato con la cipolla, trovo che la sua dolcezza, mescolata con il burro sposi benissimo l’acidità del mirtillo e renda questo risotto molto bilanciato.

Questo piatto è coloratissimo, mi piace molto come si presenta, ho messo qualche mirtillo fresco per non depistare gli ospiti e far capire subito cosa c’era nel risotto, ci sta molto bene anche il rosmarino, magari potrete metterne un piccolo rametto mentre cuoce. Ma lasciatelo pochissimo perché il suo olio essenziale è molto forte e potrebbe coprire il gusto delicato ed acidulo dei mirtilli.

 

Partecipa alla raccolta del GFFD del Gluten Free Travel & Living

img_9936.jpg

Ora prepariamolo!


Ingredienti per 4 persone

  • 240 gr di riso vialone nano
  • 1 vaschetta di mirtilli freschi
  • 1 cipolla bianca grossa
  • 1 lt di Brodo vegetale (fatto con acqua, cipolla, pochissimo sedano ed un pezzetto di carota, sale)
  • Rosmarino
  • Vino bianco per sfumare
  • 1 noce di Burro
  • Sale

 

 

 

Preparazione

  1. Portate ad ebollizione del brodo vegetale che avrete preparato in precedenza.
  2. In un tegame dai bordi alti e dal fondo spesso fate andare la noce di burro con la cipolla a fuoco medio, senza mai farla bruciare, deve solo cuocersi piano piano, poi aggiungete il riso e fate tostare per 1 minuto, sfumate con il vino bianco e fate evaporare per non aumentare l’acidità del piatto.
  3. Fate cuocere per circa la metà del tempo sfumando con brodo vegetale bollente (io lascio sempre che il riso sia coperto dal brodo, ma non troppo liquido) poi aggiungete i mirtilli e proseguite a cuocere il risotto sempre aggiungendo brodo a necessità e aggiustate di sale. Lasciatelo cremoso, all’onda e servite dopo averlo fatto riposare un paio di minuti a fiamma spenta. Io non ho aggiunto formaggio, lascio a vostro piacere la scelta.

 

Buon appetito!!!

Silvia

 

 

Risotto con radicchio, catalogna e mascarpone

Risotto con radicchio, catalogna e mascarpone

DSC_5079Amo le verdure amarognole, ma per contrastare il sapore intenso del radicchio e della cicoria catalogna ho aggiunto un po’ di mascarpone per bilanciarne il gusto, risulterà un piacevole contrasto, una cremina molto fine al palato.

Per una versione più leggera vi consiglio di sostituire il mascarpone con lo yogurt, quello del vasetto, bianco naturale. Sarà meno dolce ma sicuro leggero e sanissimo!

DSC_5077

Ingredienti per 4 persone

250 gr di riso per risotti (io ho usato vialone nano)

1/2 radicchio rosso lungo

1/2 mazzo di cicoria catalogna

un pochino di cipolla bianca

2 lt di brodo vegetale per cuocere il risotto (lo fate con sedano carota e cipolla o dado veg glutenfree)

2 cucchiai di mascarpone fresco

olio EVO, sale, se volete Parmigiano grattugiato

Procedimento

Dopo aver lavato ed asciugato le foglie di cicoria e radicchio tagliatele a pezzettini piccoli. Tritate la cipolla bianca.

Preparate il brodo vegetale, bollente.

In una pentola dai bordi alti versate un filo di olio evo, mettete la cipolla, cicoria e radicchio, fate cuocere per circa 5 minuti poi trasferiteli in un piatto. Nella stessa pentola ora aggiungete il riso e fatelo tostare qualche minuto a fiamma vivace, poi iniziate a sfumare con il brodo bollente. Fate cuocere sempre sotto al brodo! E ricordate che deve bollire. Mescolate di tanto in tanto, non di continuo. Aggiungete le verdure così si insaporirà il riso. Continuate fino a cottura ad aggiungere brodo.

Spegnete e aggiungete per mantecare il mascarpone (o lo yogurt ma anche robiola, come ho fatto per le mie bimbe), poi il Parmigiano se gradite, il tutto a fuoco spento mi raccomando. Se dovesse risultare troppo asciutto aggiungete un goccio di brodo e mescolate delicatamente. Deve essere morbido e cremoso!

Buon appetito

Silvia

DSC_5085

Risotto alle cipolle caramellate

Risotto alle cipolle caramellate

risotto cipolle caramellate

Fidatevi, non c’è piatto più economico e gustoso di questo!!! E pensare che l’ho assaggiato per la prima volta al Ristorante stellato Michelin di Imola, il San Domenico. Da non credere. Certamente il mio non è minimamente paragonabile, la scelta della materia prima fa la differenza, se poi ci mettiamo le mani esperte di chi le lavora…

Ma il successo che ha avuto il mio risotto è di quelli che tutti i commensali hanno quasi leccato il piatto e pure mia figlia di un anno l’ha mangiato, letteralmente rubato dal piatto!!! E nonostante avesse già cenato. Quindi che dire, piace sicuramente a tutti.

Le cipolle caramellate rilasciano tutta la dolcezza e se cotte lentamente saranno tenerissime. Potrete aumentare anche voi la riuscita del vostro risotto scegliendo accuratamente prodotti di qualità, cipolle dop, fare un brodo di carne fresco (credo al San Domenico sia stato solo di midollo, in più al centro c’era una deliziosa ristretta di brodo che io non ho fatto).

Questo risotto potrete farlo anche last minute, gente che si ferma a cena e non avete nulla in casa? Ecco!!!! L’idea che mancava… un risotto tra l’altro molto molto economico che però vi farà sicuramente avere un successone! Da leccarsi i baffi!!! Volete provare?

Ingredienti per 4 persone.

320 gr di riso vialone nano (attualmente il mio preferito per i risotti)

4 cipolle bianche

1 noce di burro

2 cucchiai di zucchero di canna

aceto balsamico circa 3/4 cucchiai

brodo vegetale (o quello che preferite ma che non copra il sapore delicato della cipolla)

sale, ristretta di aceto balsamico per guarnire.

DSC_4762

Procedimento

In un pentolino mettete a bollire del brodo vegetale fatto in precedenza.

Tagliate fini le cipolle e mettete in una pentola con una noce di burro, fatele soffriggere con un pochino di sale e lasciatele cuocere piano piano, aggiungete lo zucchero di canna ed alzate a fuoco vivo poi sfumate con l’aceto balsamico e fatelo evaporare mescolando, abbassate la fiamma e fate cuocere ancora finche le cipolle non saranno morbide, se vi si attaccano aggiungete un pochino di brodo vegetale.

In un tegame stretto ma alto mettete una noce di burro, il riso e tostatelo brevemente, poi iniziate a bagnarlo con il brodo bollente, deve bollire mi raccomando. Mescolate di tanto in tanto per non farlo attaccare, ma non di continuo.

Fate cuocere il risotto aggiungendo brodo, deve rimanere coperto, ci vorranno circa 14/16 min a seconda della cottura che preferite.

Quando le cipolle saranno cotte frullatele con il frullatore ad immersione e avrete una cremina omogenea (la finezza sarebbe di passarla da un colino). Mettete la crema da parte.

Un minuto prima di spegnere il riso versate la crema di cipolle e mescolate, aggiungete l’ultimo mezzo mestolo di brodo e cuocete a fuoco medio, poi spegnete e lasciate riposare qualche minuto. Deve essere cremoso e non asciutto. All’onda.

Impiattate mettendo un mestolo di riso sul piatto fondo e date colpetti sotto col palmo. Aggiungete qualche goccia di ristretta di aceto balsamico o glassa se preferite e servite!

Che bontà!

Ciao golosastri, sono certa che vi piacerà!!

Silvia

DSC_4768

DSC_4767

Pagina 1 di 212