Torta pesche e cocco

Torta pesche e cocco

cover

 

 

In casa Gluten Free Travel & Living c’è profumo di pesche questo mese di Luglio!

Vuoi partecipare al #GFCalendar con una ricetta? Bene, basta realizzarla con l’ingrediente del mese, questo appunto le pesche, e caricarla sul sito cliccando qui! 

 

 

 

 

Io partecipo con una torta furbissima, si prepara in 10 minuti, si usa come misurino il vasetto dello yogurt (ormai lo trovate spesso nelle mie ricette, più comodo di così!) e in poco avrete una torta buonissima e leggera!

 

Per avere una torta vegana basterà non mettere le uova, senza ulteriori modifiche! 

 

fetta

 

 

Ingredienti per stampo da 22 cm

Facile – 10 min preparazione + 45 cottura

  • 2 uova
  • 1 vasetto di yogurt di soia
  • 1/2 vasetto di olio extra vergine di oliva
  • 1/2 vasetto di latte di riso
  • 3 vasetti di farina di riso finissima
  • 1 vasetto di farina di cocco
  • 1/2 bustina di lievito per dolci
  • 2 vasetti di zucchero di canna
  • 2 pesche noci
  • zucchero di canna per spolverare

 

Suggerimento: Se vi piace la menta potete aggiungere un trito di foglioline nell’impasto!

 

torta fiori

Procedimento

  1. Accendi il forno statico a 180°.
  2. Prepara tutti gli ingredienti a portata di mano, una ciotola, una frusta ed un cucchiaio, poi lava ed asciuga le pesche ed affettale finemente, circa 4/5 mm ogni fettina.
  3. Nella ciotola metti le uova, lo yogurt, lo zucchero e l’olio, mescola bene con la frusta poi aggiungi le farine, un vasetto alla volta e incorpora bene prima di aggiungere il successivo.
  4. Aggiungi il latte e mescola, infine il lievito setacciato e mescola.
  5. Prendi lo stampo della tortiera ed imburralo o ungilo, cospargilo di farina di cocco, poi disponi a raggiera le fettine di pesca, versa il composto e sopra infila le fettine di  pesca avanzate, come per creare una rosa. O come più ti piace! Metti anche una piccola spolverata di zucchero di canna.
  6. Inforna a 180° per circa 45 minuti ma prima di sfornare controlla bene il centro della torta e poi sforna, falla raffreddare prima di toglierla dallo stampo.

N.b. Ricorda che sotto ci sono le fettine di pesca, puoi sempre decidere di rovesciarla e servirla nell’altro verso!

 

Buona merenda!

Silvia

 

fiore

 

 

 

 

Frittatine di Spaghetti con asparagi e patate viola

Frittatine di Spaghetti con asparagi e patate viola

 

Una delle mie cose preferite e che però rimando sempre è un bel picnic. Amo l’idea del picnic, fa molto film, arrivare in un bel prato tra boschi, ruscelli e colline, stendere il plaid a quadrettoni bello caldo di lana, tirare fuori il cestino con tutto il ben di Dio mono porzione predisposto con cura a casa, tovaglioli arrotolati con dentro forchettine e coltelli di legno, la fiaschetta con buon vino e poi noi.

Quindi cosa c’è di più comodo di qualcosa a base di frittata per un picnic? Buoni anche freddi, io li faccio il giorno prima e poi li lascio a temperatura ambiente qualche ora prima di mangiarli, saranno perfetti.

I miei cestini di spaghetti con frittata, asparagi e patate viola sono buonissimi, leggeri e croccanti!

Ecco la ricetta!

Ingredienti x 4 persone (12 cestini)

Facile – tempo preparazione 40 minuti 

  • 250 gr di spaghetti senza glutine (io ho usato i nuovi di Felicia di lenticchie gialle)
  • 4 uova
  • 1 mazzo di asparagi
  • 2 patate viola
  • un po’ di cipolla, olio evo, sale
  • Formaggio grattugiato circa 6 cucchiai (parmigiano o pecorino se volete sapore più deciso)

 

Procedimento

  1. Per prima cosa pulisci gli asparagi, taglia via la parte dura del gambo, poi tagliali a fettine sottili, tranne le punte, lasciale intere.
  2. Pela le patate viola e tagliale a dadini piccolini, poi trita un pochino di cipolla e metti tutto in una padella con un filo di olio, fai soffriggere per qualche minuto ed unisci gli asparagi, aggiusta di sale e fai cuocere a fuoco medio per circa 5 minuti.
  3. Metti su abbondante acqua e cuoci gli spaghetti al dente, una volta pronti scolali e condiscili con le verdure.
  4. In una ciotola sbatti le uova con il formaggio, se vuoi puoi mettere un pochino di noce moscata, oppure aggiungere altro formaggio come emmental grattugiato, per avere ancora più gusto!
  5. Prendi gli spaghetti (non devono essere caldi, mi raccomando) e mettili insieme alle uova e mescola tutto molto bene, amalgamando bene, se ti sembra asciutto aggiungi un altro uovo già sbattuto, aggiusta di sale.
  6. Imburra e metti pangrattato in una teglia da muffins (oppure usa pirottini o staccante spray) poi preleva un po’ di spaghetti arrotolandoli, aggiustali e metti sopra qualche verdurina, riempi tutti gli stampi e inforna a 180° per 10/12 minuti, controlla che rimangano dorati e non si bruciacchino.
  7. Sforna e via! Sono pronti! Se li fai per un picnic falli raffreddare bene prima di metterli eventualmente in un contenitore ermetico, in modo che non facciano condensa e si affloscino!

 

 

Buon picnic!

P.s. In queste foto ho utilizzato i piatti ed i bicchieri del servizio ricevuto in dono per le nozze dei miei nonni Vincenza e Girolamo, hanno più di 70 anni! Mia nonna, prima di andarsene, me li regalò. Ci tengo molto. Ho voluto omaggiarli così, dedicando a loro questa ricetta.

Silvia

 

 

 

Fougasse provenzale

Fougasse provenzale


Se mi seguite da tempo avrete presente il mio amore incondizionato per tutto ciò che viene e proviene dalla Provenza. Adoro i suoi colori e sapori, se potessi vivrei là per qualche mese all’anno… e chissà, magari un giorno lo farò! Per ora mi consolo con questa ricetta fantastica! Era da tempo che volevo farla e finalmente ce l’ho fatta! Non ci vuole molto, anzi, è una semplice focaccia ma insaporita con erbe provenzali e miele. Vi stupirà.

La cosa straordinaria è che l’ho conservata intera in un sacchetto di plastica ed è rimasta buona per ben 4 giorni! Solo scaldandola un pochino prima di mangiarla., tornava croccante fuori e rimaneva veramente soffice dentro.

Questa ricetta fa parte della raccolta per il Gffd (Gluten Free (fri)day

http://www.glutenfreetravelandliving.it/100-gluten-free-friday/

Ingredienti per 1 fougasse

  • 500 gr di farina per pane (io ho usato la Revolution New Food)
  • 1 cubetto di lievito fresco
  • 190 ml di acqua
  • 40 gr di olio
  • 9 gr di sale

per il condimento

  • 3 cucchiai di miele, 6 cucchiai di olio extravergine
  • Erbe:lavanda commestibile non trattate (la trovate in erboristeria), origano fresco, rosmarino fresco,
  • sale in fiocchi (o grosso ma schiacciatelo un po’ prima)

  

Procedimento

  1. In una ciotolina sciogliete il lievito con l’acqua a temperatura ambiente, aspettate circa 10 minuti poi versate il tutto sulla farina, impastate per bene, aggiungete olio ed impastate, e per ultimo il sale. 
  2. Formate una palla uniforme e bagnate la superficie con un velo d’acqua, poi mettete in una ciotola capiente e sigillate con pellicola trasparente, 
  3. Fate raddoppiare il suo volume ed una volta pronto trasferite l’impasto su di una spianatoia infarinata, stendetelo con un matterello fino arrivare allo spessore di meno di 1 cm, piegatelo in tre parti e stendetelo un pochino con il matterello, formate la forma di una foglia poi praticate le incisioni, con le dita andate ad aprirle per bene altrimenti si risigilleranno.
  4. Mettete su teglia con carta oleata, coprite con un canovaccio umido e fate lievitare per 40 min. Nel frattempo accendete il forno statico alla massima potenza.
  5. Prima di infornare, sbattete l’olio con il miele e a parte sminuzzate le erbette. Spennellate la fougasse con la mistura di olio e miele, poi cospargete con le erbe e lavanda.
  6. Infornate per circa 30 minuti finche non sarà dorata.

Ottimo da presentare in tavola accompagnata da formaggi o salumi, un aperitivo per tutta la famiglia! 
 

Pane e pane. Che farina usare?

Pane e pane. Che farina usare?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Oggi vorrei parlare del pane senza glutine.
Ognuno di noi ha le proprie preferenze e sicuramente per ogni celiaco c’è il desiderio di mangiare un buon pezzo di pane.
E’ l’alimento che manca di più in assoluto, molti prodotti pronti sono validi ma nulla è buono come il pane appena fatto. Quello ancora caldo.

A volte mi capita di entrare in un forno a prendere del pane per la mia famiglia e non vi nascondo che spero ci sia della fila per poter rimanere lì a respirare quel profumo di qualcosa che tanto mi manca.

Io in casa lo faccio spesso poi lo congelo. Quando lo cuocio si diffonde subito per casa quel profumo che fa tanto comfort food e ti rilassa la mente. Altro che i deodoranti per la casa! Cucinate pane!
I vostri ospiti che arriveranno per l’ora di cena con l’odore del pane appena fatto resteranno estasiati!

Ho letto che molti celiaci fanno il pane con il lievito madre, in questo non mi sono ancora cimentata per mancanza di tempo.



Sto testando varie farine e vi dico subito che certi preparati di quelli tipo “aggiungi acqua e olio” li ho scartati a priori. Li ho provati qualche volta e non mi sono piaciuti. 
Poi dipende tutto dal gusto personale.
Vorrei tanto mangiare quel pane tipo le crocette, che la mollica quasi sembra zucchero filato!


Senza la proteina che fa questa magia è impossibile. Rassegnatevi cari amici miei. 
Ma non per questo non possiamo fare un pane altrettanto buono. 
Non avrà la stessa consistenza ma il sapore sarà decisamente buono.

Ho provato varie farine ma ho migliorato il mio modo di fare pane solo di recente per cui i vecchi test che ho fatto non li considero validi, vorrei riprovare per capire se era questione di inesperienza o di farine.

Mi trovo molto bene con la Biaglut, il grano saraceno e anche quella della linea Coop.
Voi che farine usate?

Ci sono molti trucchi per fare un buon pane, trucchi che utilizzano i panettieri. Se qualcuno di voi ha la fortuna di conoscerne uno sono certa che vi potrà dare qualche dritta da utilizzare anche se il nostro pane non ha il glutine.

Mi hanno consigliato di aggiungere all’impasto della farina di ceci, essendo proteica potrebbe dare elasticità al pane. Proverò.

Se utilizzate guar o xantano controllate sempre se sulle farine ce n’è già, perché altrimenti aggiungendone dell’altro otterrete un pane da utilizzare per il prossimo campionato di tennis.

Per avere una bella crosta croccante mettete un pentolino di acqua nel forno durante la cottura.


Aspetto i vostri commenti!


Ciao 
Silvia