Crackers ai semi

Crackers ai semi

Ecco l’ultimo esperimento H E A L T Y !! I crackers fatti con farine naturali di grano saraceno, farina di avena*, semi e olio extravergine.
Ricette che richiedono un po’ di sacrificio ma il gusto non è sacrificato e ci si può abituare a mangiare bene in maniera più sana!

Questa ricetta è ricca di fibre date dalla farina di avena* senza glutine* e da quella di grano saraceno, per non parlare del contributo nutrizionale dato dai semi misti! I crackers mi sono piaciuti moltissimo, uno snack sano e furbo. Poi ci vuole davvero poco ad impastare e si possono (anzi, si dovrebbero) dare ai bimbi! Potete conservarli per diversi giorni in un contenitore ermetico, ma sono così buoni che non arriveranno a sera, io ve l’ho detto!!!!

Ingredienti

facilissimi – tempo preparazione 20 minuti

  • 50 gr di farina di riso finissima
  • 100 gr di farina di grano saraceno
  • 50 gr di farina di avena*senza glutine*
  • 50 gr di olio extravergine
  • 100 ml di acqua
  • Una manciata di semi misti (lino, girasole, sesamo nero, o ciò che preferite)
  • Qualche pizzico di sale

 

 

Procedimento

  • Miscela in una ciotola le farine e i semi poi aggiungi l’olio e mescola bene infine acqua e sale.
  • Impasta e stendila con il matterello fino ad averla sottile, per fare i quadrati uguali ho usato il tagliapasta a doppia rotella
  • Fora ogni crackers con la forchetta e salate con fiocchi di sale.
  • Cuoci a 150º per 20 min ma controlla sempre che non si brucino! Devono essere dorati.

 

Questa ricetta io l’ho usata anche per fare la base di una torta salata buonissima!!!! Quindi direi che è molto versatile, provate anche voi!

 

Questa ricetta partecipa al Gluten Free (fri)day del Gluten Free Travel & Living! Clicca QUI per partecipare anche tu o sfoglia la grande raccolta di ricette!!!

 

Alla prossima ricetta!!!

Silvia

Crema di carote viola e pastinaca

Crema di carote viola e pastinaca

 

 

Avete mai visto quante carote esistono? Ogni tanto ne scopro una nuova! Che meraviglia la natura. Al mercato mi sono imbattuta in splendide carote viola e, come sempre, mi sono fatta affascinare dal loro colore, quindi, per assaporarle al meglio, ho voluto fare qualcosa di semplice che facesse parlare il loro gusto. Inoltre ho trovato della pastinaca, o carota bianca, dolce ma dalla consistenza più asciutta, quasi farinosa, ideale per un purè, una crema da accompagnare pesci e carni, oppure da aggiungere a questa vellutata.

Il gusto è diverso dalle carote comuni, normalmente una vellutata di carote mi stomaca, ma questa no! Quindi facciamo il pieno di fibre e via!

 

ingredienti per 4 persone

Facile – tempo preparazione 25 min.

  • 1 mazzo di carote viola (8/10)
  • 2 pastinache (o carote bianche)
  • 1 cipolla
  • olio, sale
  • rosmarino fresco
  • yogurt greco
  • curcuma

Procedimento

  1. Lava e sbuccia le carote viola e la pastinaca, poi fai dei pezzetti grossolani, mettili in un tegame con un pochino di olio, cipolla, un pizzico di curcuma ed un rametto di rosmarino poi copri con abbondante acqua. Aggiungi un po’ di sale e porta ad ebollizione, fai cuocere per circa 15 minuti.
  2. Togli il rametto del rosmarino poi togli quasi tutto il brodo che si è formato e tienilo da parte, prendi il frullatore ad immersione e frulla le carote, aggiusta la densità aggiungendo il brodo man mano che frulli.
  3. Servi con un cucchiaio di yogurt greco e qualche crostino senza glutine.

 

Alla vostra salute!

Silvia

Budini alle fragole (senza glutine, senza lattosio)

Budini alle fragole (senza glutine, senza lattosio)

 

Oggi è il 31 marzo ed è l’ultimo giorno per inserire la ricetta dedicata alle fragole per la raccolta del #GFcalendar del Gluten Free Travel & Living.

Questa ricetta è semplicissima, è adatta a tutti perché è vegana, senza glutine e senza zuccheri raffinati,  facile da fare e soprattutto si sente tantissimo il sapore delle fragole!!!

 

Ingredienti per 6 budini

Facile- tempo preparazione 10 minuti più riposo in frigo 2 h

  • 500 ml di latte di riso
  • 2 cestini di fragole freschissime
  • sciroppo di agave (o miele)
  • 70 gr di amido di mais

 

Preparazione

  1. Lava e pulisci un cestino di fragole, poi tagliale a pezzi e mettile con un goccio di acqua in un pentolino a fuoco medio, falle cuocere per circa 5 minuti poi spegni e frullale con frullatore ad immersione.
  2. A parte, metti un un pentolino il latte di riso con lo sciroppo d’agave (io ho messo 2 cucchiai, assaggia e regola a tuo gusto la dolcezza), poi scalda a fuoco lento.
  3. In una ciotolina metti l’amido di mais e aggiungi poco latte tiepido, fallo sciogliere bene, aggiungi altro latte poi versa tutto nella pentolino e aggiungi anche la purea di fragole, fai cuocere ed addensare, poi versa negli stampini.
  4. Lasciali raffreddare bene a temperatura ambiente, poi mettili in frigo per qualche ora.
  5. Per servire, prendi l’altro cestino di fragole, lavale e tagliale a pezzi poi frullale a crudo, senza zucchero, rovescia il budino e sopra versa le fragole frullate ed una fragola intera!

 

Che dire, l’apoteosi di FRAGOLE!!!

Buona merenda

Silvia

 

Focaccia pugliese ai pomodorini

Focaccia pugliese ai pomodorini


La focaccia pugliese è il must wanted di tutti quanti, chi non ama la combinazione tra soffice focaccia e pomodorini? Io poi senza cipolla non camperei per cui la mia l’ho ricoperta di fantastica cipolla rossa di Tropea a fette grosse, per non farle carbonizzare in cottura, ma renderle dolci! E’ così versatile che ve ne innamorerete, ma sono certa che tantissimi di voi la fanno già regolarmente. Non ha nulla di diverso da tutte le altre ma l’ho voluta condividere con voi nel caso non l’abbiate mai provata (impossibile).

Per cosa si distingue la focaccia pugliese da quella normale? Sostanzialmente dalla presenza di patate nell’impasto. E’ davvero facile da fare, a portata di tutti, anzi, ancora più semplice del pane, potete mangiarla così com’è, oppure farcila una volta cotta, potete mettere olive, farla senza pomodorini, e ciò che la fantasia vi dice. La base è questa!

Solitamente se non la finisco la taglio a spicchi e la surgelo, così in caso di languirono o trasferta giornaliera posso sghiacciarla e se riesco la scaldo per 5 minuti, torna come appena fatta! A volte anche più buona… Sono solo io che ho questa impressione? I prodotti da forno senza glutine sono più croccanti dopo una notte in freezer!!!! Bene no? Così non dobbiamo sentirci in difetto per surgelare scorte mastodontiche!!! Io faccio sempre tanto pane e pizza da tagliare a pezzi, poi appena si freddano congelo tutto, anche se devo usare il giorno dopo. Trovo che si mantenga meglio e diventi più buona.. Degustibus!
Ingredienti per teglia tonda media 

Facile•tempo preparazione 1h più lievitazione

  • 250 gr di farina mix per pane
  • 75 gr di farina di grano saraceno
  • 80 gr di patate bollite
  • 145 gr acqua temperatura ambiente
  • 12 gr di lievito fresco
  • 5 gr di zucchero
  • 10 pomodorini
  • 60 gr di olio EVO
  • 9 gr di sale fino
  • origano e rosmarino freschi
  • cipolla di Tropea a fette

 

Procedimento

  1. Cuoci le patate in acqua fredda ed una volta cotte pelale e schiacciale con lo schiacciapatate. Lascia raffreddare.
  2. Prendi le patate schiacciate e aggiungile alle farine. Disponi a fontana in una ciotola oppure metti in planetaria.
  3. Aggiungi lo zucchero ed il lievito fresco sbriciolato. Iniziate ad impastare, si deve sbriciolare bene il lievito.
  4. Versa a filo l’acqua poi impasta delicatamente e cerca con le dita di schiacciare bene lievito e patate.
  5. Per ultimo va aggiunto il sale.
  6. Trasferisci su una spianatoia leggermente infarinata e formate una palla e mettila direttamente nella teglia unta o con carta forno, poi inumidisci la superficie della palla con un po’ d’acqua. Coprite con pellicola e lasciate lievitare in luogo caldo e asciutto (o dentro al forno spento ma con luce accesa) per due ore.
  7. Passato il tempo schiaccia l’impasto per tutta la teglia utilizzando palmo e dita. Per fare quelle belle fossette tipiche della focaccia affonda le dita nell’impasto.
  8. Una volta stesa metti i pomodorini affondandoli nell’impasto poi ungi con abbondante olio, potete mettere sale grosso e rosmarino per guarnire (poco perché è già salata). Lasciate riposare mezzora.
  9. Cuoci a 220° (io forno ventilato) in forno preriscaldato per circa 25 minuti (altrimenti 35-40 minuti forno statico).

Lascia riposare prima di mangiarla.

 

Insalata d’inverno

Insalata d’inverno

Venerdì mattina sono stata al mercato ed ho visto questa bellissima palla di radicchio variegato quasi screziato! Ho avuto subito voglia di farlo ad insalata con le arance. Ma dato che di solito uso il radicchio di Chioggia ho voluto farla diversa dal solito.

Sempre bene consumare verdure di stagione, ancora meglio se crude! Un pieno di vitamine e sali minerali!!!!! E poi davvero buona! Anche se siamo in inverno è una insalata che si fa mangiare volentieri! Ah, vi consiglio una bella fetta di pane, perché sarà delizioso il succo che si farà nel fondo del piatto!!!!


Ingredienti per 4 persone 

Facilissima • tempo preparazione 10 min

  • 1 Radicchio Variegato
  • 1 arancia rossa
  • 1 arancia bionda
  • 1 finocchio
  • 1 lime
  • 1 pugno di mandorle non pelate
  • 1 pugno di Cranberries secchi (mirtilli rossi americani)
  • Olio, sale



Procedimento

  1. Lava il radicchio ed asciugalo e spezza le foglie a mano.
  2. Pela gli agrumi e tagliali a vivo, solo la parte centrale dello spicchio e aggiungi al radicchio. Puoi tagliare gli agrumi anche a fette o fare un po’ ed un po’.
  3. Pulisci il finocchio dalle prime foglie dure e spesse (nn buttare, puoi farle a vapore o gratinate in forno)
  4. Affetta il finocchio ed aggiungilo all’ insalata.
  5. Passa le mandorle in padella per 2 minuti per testarle poi affettale fini.
  6. Aggiungerle assieme ai cranberries poi mescola tutto e condisci con olio extravergine e pizzico di sale.

Se volete potete aggiungere anche altri semi o bacche rosse.

Buon appetito

Silvia

Pagina 1 di 1012345...10...Ultima »